• Latino
  • Dopo lo scontro sul fiume Allia i Galli si dirigono verso Roma

    closed post
mourad
mourad - Erectus - 121 Punti
Rispondi Cita Salva
autore: Livio
inizio: Gallos quoque velut obstupefactos miraculum victoriae tam repentinae tenuit:
fine: mox ululatus cantusque dissonos, vagantibus circa moenia turmatim barbaris, audiebant.
E' tratta da domus 2 pag 292 es 22.
Vi prego aitatemi xke' la mia prof in sto periodo è impazzita ci da le versioni da un giorno all'altro e io nn so come fare...e sono uno dei più bravi in classe(con modestia)......
un grazie in anticipo. ciao!
aleio1
aleio1 - Mito - 18952 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco a te...:D

Ma anche i Galli, attoniti di fronte a quella vittoria miracolosa ottenuta in maniera così repentina, rimasero sulle prime immobili per lo sbigottimento, come se non riuscissero a capacitarsi di quanto era successo. Poi cominciarono a temere l'eventualità di un'imboscata. E infine si misero a spogliare i caduti, accatastando, com'era loro abitudine, le armi che trovavano. Alla fine, dopo aver rilevato che negli immediati dintorni non c'erano tracce del nemico, si misero in marcia e poco prima del tramonto raggiunsero la periferia di Roma. E quando i cavalieri inviati in avanscoperta tornarono dicendo che le porte non erano chiuse, che davanti alle porte non stazionavano sentinelle e che le mura non erano difese da armati, un nuovo stupore simile a quello provato poco prima li trattenne. Temendo la notte e la zona in cui si trovava quella città sconosciuta, si attestarono tra Roma e l'Aniene e di lì inviarono lungo le mura e le altre porte dei distaccamenti di ricognizione con il còmpito di scoprire quali fossero i piani del nemico in quella situazione ormai disperata. Siccome tra i Romani quelli che dal campo di battaglia erano riparati a Veio erano ben più numerosi di quelli rientrati a Roma, in città si pensava che gli unici superstiti fossero proprio quelli che si erano rifugiati a Roma e per questo tutti piansero ugualmente tanto i vivi quanto i morti, riempiendo di lamenti quasi tutta la città. Quando poi arrivò la notizia che i nemici erano alle porte, il pericolo comune fece passare in secondo piano il dolore dei lutti privati. E già si potevano sentire le urla e i canti stonati dei barbari che vagavano a torme lungo le mura.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV

In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di settembre
Vincitori di settembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

eleo

eleo Moderatore 21682 Punti

VIP
Registrati via email