αɴɢєʟσ
αɴɢєʟσ - Ominide - 47 Punti
Salva
"E' giusto bocciare un alunno che non si è impegnato?"

Il titolo è questo, io sto prendendo spunto da questa risposta:
Yahoo! Answer:
Si secondo me è giustissimo! Non è corretto mandare avanti di classe, persone che non hanno voglia di studiare, che si comportano male e quant'altro. Queste persone devono imparare a responsabilizzarsi e, se non vogliono, a subirne le conseguenze. Inoltre non puoi promuovere un ragazzo/a che non sa nulla, altrimenti chissà le difficoltà che incontrerà in futuro! =) E comunque se tutti quanti fossero promossi anche senza studiare allora a che servirebbe andare a scuola? è così che la penso... Io nella mia classe ne boccerei parecchi che disturbano solamente la lezione.

Aggiunto 17 minuti più tardi:

Enrico concordo con te in questo, comunque il tema si riferisce diciamo più nello specifico del rendimento, senza contare i problemi familiari. Grazie comunque, mi sei stato utile :)
tiscali
tiscali - Tutor - 23006 Punti
Salva

Certo che non è giusto promuovere un alunno che non si è impegnato per tutto il corso dell'anno. Anche per una questione di rispetto nei cofronti verso gli alunni che magari si sono impegnati, hanno passato ore e ore davanti ai libri per meritare i voti che hanno ottenuto. Un alunno che non possiede le giuste conoscenze in un determinato anno scolastico penso che in futuro (come hai scritto tu sopra) incontrerà difficoltà e queste purtroppo non devono esserci. Coloro che meritano di essere promossi e accedere alle classi successive sono quelli che hanno studiato tutto l'anno pur non prendendo ottimi voti ma che comunque si sono impegnati e che, SOPRATTUTTO abbiano dimostrato un atteggiamento corretto nei confronti dei docenti; parlo quindi di (educazione, assenze soprattutto ecc). Poi magari ci sono dei casi in cui per esempio un alunno, pur impegnandosi tanto non riesce a raggiungere la sufficienza e magari, avendo comunque dimostrato impegno e forza di volontà nel riuscire a colmare le sue lacune allora i professori magari chiudono un occhio e lo fanno passare, perchè è proprio questo che i prof vogliono: impegno e costanza nello studio. Chiaro che se uno viaggia con la media del 3 è difficile alzargli il voto ma se magari si trovasse sul 5 sarebbe già diversa la cosa. Comunque tornando alla tua domanda iniziale è giustissimo che uno venga rimandato se non si è impegnato durante l'anno anche perchè poi, ipotizzando che egli riesca anche a terminare gli studi (pur non avendo studiato in maniera corretta) in futuro (come hai già scritto tu) troverà tantissime difficoltà proprio perchè non ha assimilato nulla da ciò che ha svolto a scuola. Quindi giustissima la bocciatura.

enrico___1
enrico___1 - Genius - 3717 Punti
Salva

Da una parte è giusto non tollerare persone troppo ignoranti o comunque che disturbano la lezione, però è anche vero che è importante capire l'alunno. Cioè il suo modo di comportarsi può, come spesso accade, rispecchiare anche dei problemi famigliari o delle frustrazioni, che non essendo capace, o non avendo la possibilità, di sfogarsi a casa, le "rigetta" sulla scuola. Ora tu potrai dire che non è giusto che i compagni non devono subire i comportamenti di questo/i individuo/i. Ecco che qua dovrebbe entrare la figura del professore, che a mio parere non deve essere soltanto una persona distaccata dalla classe e che fa solo lezione, ma deve essere anche un persona che riesca a CAPIRE gli alunni e ad aiutarli.
Quindi dipende dalla situazione e dall'età degli alunni. E' giusto punire ma prima è importante capire e prevenire. :)
---Quanto detto sopra si ripercuote anche sul rendimento. A mio parere è giusto bocciare un alunno solo se prima gli viene data una possibilità per recuperare le varie materie. Naturalmente deve essere avvisato per tempo :):)

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email