• Italiano
  • Tema - percorso dei tre anni alle medie

    closed post best answer
vito15
vito15 - Ominide - 14 Punti
Salva
Ragazzi, se gentilmente mi aiutate a sistemare questo tema, e' per un amico amico e ci tengo che prendesse un 7,5/8. Riguarda il percorso di questi 3 anni di scuole medie e il rapporto con i suoi compagni di scuola e gli insegnanti. Grazie mille in anticipo. Serve per Giovedì.

TEMA ITALIANO                                                                                                                    
Ed ecco che anch’ io quest’ anno , mi appresto a terminare le scuole medie. Sono stati 3 anni molto densi e difficili da vari punti di vista. Mi ricordo ancora tutta quell’ ansia e quella paura , del giorno che precedeva la mia prima entrata nelle scuole medie. Arrivata la mattina del “Grande giorno” , ero sempre molto ansioso. Appena arrivai a scuola , non ero più nella pelle. Per prima cosa ci fecero mettere in delle linee con sotto scritto il cosiddetto nome della classe. Pian piano ci iniziarono classe per classe a chiamarci. Arrivati alla mia sezione , ovvero la sezione C , iniziarono a  chiamarci per nome. Dopo aver finito l’ appello ci apprestammo ad entrare per la prima volta nella scuola. Arrivati in classe , io mi sedetti con il mio amico di scuola elementare , ovvero con Alessandro Cialdella . In un primo momento mi sentivo molto in disagio non conoscendo nessuno , al contrario degli altri che si conoscevano fra di loro. Il primo giorno di scuola per me volò così magicamente. Inizialmente fin quasi alla metà della prima media , i rapporti con i miei compagni sono stati tranquilli e sereni . Arrivati alla metà della prima media due miei “amici” , di nome Lorenzo ed Emanuele , mi iniziarono a prendere in giro coinvolgendo tutti i miei amici a schierarsi contro di me. E diciamo che così tra un pò di guerra e tra un po’ di pace finì il primo anno.                                                                                                  Il secondo anno però , purtroppo , iniziò già con l’ indifferenza nei miei confronti psicologicamente e fisicamente . In questo momento mi sentivo molto male e ferito dai miei compagni di classe , in quanto pure il mio amico delle elementari si schierò contro di me. Pur schierandosi contro di me , ancor tutt’ oggi , questo mio amico chiede sempre favori , del tipo chiede sempre dopo una festa , di accompagnarlo a casa. Purtroppo a questo favore , non ho mai saputo risponderli di no e quindi in poche parole lui se né approfittato. In questo momento della seconda media voglio sottolineare che mi sono state vicine due persone, ovvero Vito Paciolla e Francesco Fortunato , che mi hanno risvegliato , e che mi hanno fatto capire la bellezza della vita.                                                                                                                                                                                                                                               Però un giorno , dopo essermi arrabbiato , vado dal mio amico Lorenzo e li dico : “ma voi non avete nemmeno la minima sensibilità di prendere in giro me”? e lui mi dice “no noi non abbiamo pietà di te”.                                                                                                                                       Anche in questo caso, grazie alla forza data da i miei ci tengo a sottolinearlo fratelli , ovvero come già detto in precedenza Vito e Francesco non mi sono abbattuto.                             Un evento molto sconvolgente , ma che allo  stesso tempo mi ha imparato , molto è stato quando in seconda media si dovevano scegliere i posti nelle camere con cui stare. Anche in questo caso sia in seconda che anche quest’ anno in terza media, ci sono state varie discussioni no per l’ altri , ma per chi dovesse stare con me. A questo punto, per la disparità del numero dei maschi , mi hanno tirato a sorte tramite un sorteggio che non sembrava mai andar bene a nessuno. Ad un certo punto io li ho detto : “preferisco stare da solo “ , loro per timor di far arrivare questa notizia a tutti i prof. , hanno detto facciamo un ultimo sorteggio e con chi capiti capiti , ed è così che seppi di stare ,per entrambe le gite di seconda e di terza media, con Daniele ed Alessandro.                                                                                                                                      Come dicevo in precedenza , è stato proprio da questo episodio , che ho imparato molto , ho imparato ad avere pochi ma buoni amici , ma soprattutto da qui ho capiti tane cose , ed è proprio da qui che si è formato il mio carattere , ma è anche da qui che ho imparato a buttarci una pietra sopra sul male che ti fanno , perché quel male da qualcun altro ti verrà ricambiato.                                                                                                                                                                                                                                                                                                             E fu così che in questo bruttissimo modo finì anche la seconda media.                                                                         Adesso passiamo all’ attuale anno ancora per pochi giorni in corso. Tutto  sommato , quest’ anno è stato un pò differente dagli altri , in quanto l’ anima dei miei “amici” si è placata. Inoltre quest’ anno per la prima volta , mi è stato molto accanto un mio amico, che si chiama Marco.                                                                                                                                          Però di ciò che non mi scorderò mai di quest’ anno scolastico , è stato proprio quando una  mia amica in un video mi ha umiliato ed quando mi ha  paragonato ad un wc .                                                                                                                                                                                                                                                                                Ma come dicevo prima , anche quest’ anno non tutto i miglior rapporti che ho avuto con i miei amici, c’ è stata la commedia con chi dovevo stare in gita ed ecco che poi a sorteggio sono ricapitati li stessi dell’ anno scorso. Ma sempre come dicevo prima proprio da qui , da queste situazioni ho imparato  e modificato il mio carattere. Ed è da qui che ho imparato che : “ non conta se ti dicono che sei brutto , non conta se ti insultano , ma conta come sei dentro ,perché possono farti qualunque cosa , ma non potranno mai cambiarti il cuore ! “.                                                                                                                                             E con questi insegnamenti e diciamo con questa apparentemente amicizia che si sta concludendo questo difficile anno. Durante quest’anno per me ,è stato anche molto difficile scegliere la mia strada da percorrere in futuro.                                                                                           Se potrei tornare indietro , pur se non per colpa mia , vorrei rinserirmi meglio nel gruppo della mia classe , e vorrei tanto star vicino a loro in qualsiasi momento. Ma purtroppo indietro non si può più tornare quindi per me conta pure un scusa da parte di tutti in questo momento finale , perché tutti possiamo sbagliare ma allo stesso tempo tutti possiamo perdonare . Una  cosa che voglio dirli e che pur avendomi trattato così , loro per me rimarranno sempre nel mio cuore , in quanto pur in queste condizioni mi hanno imparato molto.                                                                                                                                              Oltre a loro , vorrei ringraziare i miei professori e lo faccio in ordine , per prima cosa ringrazio  i prof. Mancini (prof. di Italiano) e la prof. Iannace ( prof. di Matematica) , che pur arrabbiandosi con noi , ci hanno dato l’ insegnamenti più profondi dell’ esistenza, ma inoltre ci sono venuti sempre in contro , e ci hanno sempre condotto sulla strada più giusta ,  e credo che prof. come loro ,che ci dicono cosa studiare  cosa no , non capiteranno mai più in futuro. Ma come ringrazio loro ringrazio tutti l’altri prof che hanno egualmente svolto per me la stessa funzione di codesti prof. nominati. Ringrazio specialmente due prof. Arnone e Ferrari che ci hanno fatto sempre lezioni divertenti e che hanno mischiato il gioco con l’ arte e con la tecnologia . Però a proposito di loro due , ho anche un commento da farli , in quanto a volte mi hanno preso se pur ironicamente , in giro per il mio hobby della fotografia che ormai mi perseguita da anni.                                                                                                                                                     Ma alla fin dei conti lo facevano e lo fanno solo per divertirci e non per altri scopi, in quanto lo fanno un pò a tutti questa cosa. Per il resto dei prof. come dicevo prima, li ringrazio tutti in generale.                                                                                                                                                            Concludendo questo discorso vorrei dire che non tutto la 3 C mi ha fatto del male ma allo stesso tempo del bene , vorrei dire I LOVE 3 C !!! , e mi auto auguro di andare sempre avanti con tutto l’ amore di mondo e soprattutto mi auguro con l’ aiuto dei miei coetanei ,di risvegliare il mondo da questo brutto momento oscuro  , ovvero dalla crisi!! Quindi concludo sperando in futuro/mondo diverso e migliore!!!
Concludo così I LOVE 3C

Questa risposta è stata cambiata da laura bella (02-06-15 13:46, 2 anni 3 mesi 25 giorni )
.anonimus.
.anonimus. - Tutor - 45016 Punti
Salva
Ho rivisto un altra parte, non ho concluso ancora, ora dovrò leggere e sistemare il resto. Ho modificato diverse cose, ho provato a farlo più a tema e meno a "racconto parlato".
Ecco a te:

Il secondo anno non fu da meno,infatti iniziò con l’indifferenza più totale da parte di tutti i miei compagni. Ero realmente solo, il mio stato d'animo era dei peggiori, mi sentivo ferito e pugnalato alle spalle anche dalla persona che in quella classe conoscevo bene, ovvero il mio amico delle elementari. Di quest'ultimo mi fidavo, credevo ci tenesse un minimo a me, invece mi sbagliavo alla grande, anche lui alla fine si è fatto influenzare dal resto della classe. Però, pur schierandosi contro di me , ancor tutt'oggi, continua a chiedermi spesso favori ai quali, purtroppo, non ho mai saputo rispondere di no. Sono troppo buono e lui ne è a conoscenza e se ne approfitta. Ma tralasciando gli aspetti negativi, in quel periodo della seconda media, avevo accanto a me due persone fantastiche che mi sono state vicine, che mi hanno sostenuto, confortato quando ne avevo bisogno e mi hanno fatto capire la bellezza della vita. Queste due meravigliose persone, non sono dei semplici amici,li reputo fratelli, e sono loro debitore per tutto ciò che hanno fatto per me. La seconda media mi è servita dunque a saper distinguere i veri amici da coloro che ti voltano le spalle, ma mi è servita molto anche per affrontare le situazioni meno positive mantenendo la calma, cosa che fino a prima non facevo. Ho imparato a mantenere il controllo di me stesso solo quando mi sono ritrovato davanti a un evento eclatante, ovverosia la scelta dei posti delle camere per la gita. Infatti, scegliere con chi condividere la stanza, sia in seconda media che quest'anno, ha portato a numerose discussioni perché nessuno voleva stare in camera con me. La scelta è ricaduta su due compagni tramite un sorteggio, ripetutosi più volte. Ambedue le gite ho condiviso la stanza con questi due compagni di classe che non erano molto entusiasti della mia presenza. Dunque da questo episodio ho imparato molte cose: a contare solo e sempre su me stesso, fidarmi di pochissime persone, migliorare il mio carattere mantenendo sempre la calma e sopratutto non portare rancore, buttare una pietra sopra al male che ti viene provocato, perché prima o poi la ruota gira per tutti. Con questi nuovi insegnamenti, che mi porto nel mio bagaglio, si concluse anche la seconda media.
Ora invece mi ritrovo, ancora per pochi giorni, in terza media. L'anno scolastico è quasi giunto al termine, infatti per concludere questo puzzle manca l'ultimo tassello: il tanto atteso e temuto esame. Se dovessi fare un excursus di quest'anno scolastico, tutto sommato, direi che, a differenza dei precedenti, è andato leggermente migliorando, in quanto i miei compagni si sono un po' placati. Inoltre, quest’anno, ho avuto la fortuna di avere al mio fianco un compagno di classe che si è ricreduto nei miei confronti. Però non sono mancati anche i screzi con alcuni, le prese in giro e i brutti paragoni a cui hanno associato la mia figura. Ma ormai mi scivola tutto addosso, perchè ho imparato che non contano i giudizi ma ciò che conta realmente è la personalità; non conta l'aspetto esteriore ma quello interiore, perché possono farti qualunque cosa ma non potranno mai cambiarti il cuore. E con questi ulteriori insegnamenti e diciamo con questa apparente quiete si sta per concludere anche questa terza media.

Aggiunto 1 minuto più tardi:

Finalmente ho letto e sistemato tutto.
Ecco a te la parte mancante:

Una volta concluso il percorso delle medie dovrò avventurarmi in una nuova esperienza tutta da scoprire: le superiori. Inizialmente ero molto indeciso anche su quale scuola superiore intraprendere, non avevo idea di quello che sarebbe stato il mio futuro, ma ora ho finalmente le idee chiare e non vedo l'ora di cominciare questa nuova esperienza anche se le medie, nonostante tutto, mi mancheranno. Infatti, se potessi ritornare indietro, pur se non per colpa mia, desidererei reinserirmi meglio nel gruppo classe e condividere insieme a loro momenti belli e meno belli. Pero, purtroppo, ciò non è possibile quindi mi accontenterei, per concludere in bellezza questi anni, con delle semplici scuse perché sono consapevole che chiunque può commettere degli sbagli e bisogna sempre saper perdonare. Tendo comunque a ringraziarli perchè, alla fin dei conti, nel bene o nel male, rimarranno sempre nel mio cuore. Inoltre, vorrei ringraziare i miei professori che tra un richiamo,uno scherzo, una incavolatura ecc.., ci hanno arricchito il nostro bagaglio culturale, ci sono venuti sempre in contro, ci hanno sempre condotto sulla strada più giusta e credo che professori come loro sarà difficile, se non impossibile, trovare in futuro anche se mi auguro di sì. Inoltre, mi auguro di andare avanti a testa alta e con l’ aiuto dei miei coetanei, di risvegliare il mondo da questo brutto momento oscuro, ovverosia dalla crisi. Concludo sperando in un futuro diverso, migliore e sostenendo sempre la mia amata 3C che porterò sempre con me.

Ciao Laura

Questa risposta è stata cambiata da laura bella (04-06-15 08:44, 2 anni 3 mesi 23 giorni )
.anonimus.
.anonimus. - Tutor - 45016 Punti
Salva
Ti sistemo una parte, inoltre in un tema non devi raccontare tutto nei minimi dettagli, devi accorciare di più e usare delle volte un linguaggio migliore. Questo è un consiglio che ti do.
Comunque ecco a te le mie correzioni, ho aggiunto e tolto qualcosa per renderlo più fluido.

Come volano in fretta gli anni, sembra ieri quando ho intrapreso le scuole medie ed invece quest’anno mi appresto a terminare questo bellissimo percorso ricco di ricordi che mi porterò sempre con me. È vero sono stati 3 anni densi e difficili, sotto vari punti di vista, ma mi sono serviti a crescere,maturare ed essere la persona che sono ora. Mi ricordo come oggi l’ansia e la paura che rivestivo il giorno prima di iniziare questo percorso, ansia che si moltiplicò quando arrivò il fatidico giorno,infatti appena arrivai a scuola non stavo più nella pelle. L'agitazione cominciò a farsi sempre più forte quando ci iniziarono a chiamare classe per classe. Arrivati alla mia sezione, ovvero la sezione C, iniziarono a  chiamarci per nome e dopo aver finito l’appello ci apprestammo ad entrare per la prima volta nella nostra nuova scuola e raggiungere così la nostra classe. Entrati in classe iniziai, in un primo momento, a sentirmi molto a disagio perchè non conoscevo quasi nessuno,se non un amico delle elementari, al contrario degli altri che si conoscevano tutti. Ma nonostante ciò, il primo giorno di scuola per me volò così magicamente. Inizialmente, fin quasi alla metà della prima media, i rapporti con i miei compagni sono stati tranquilli e sereni finchè, arrivati a metà percorso scolastico, due miei “amici” iniziarono a prendersi gioco di me coinvolgendo il resto della classe,dunque mi ritrovai solo contro tutti gli altri. Diciamo che il primo anno terminò così con turbolenze varie fatte di litigi e incomprensioni.

Ciao Laura!

Questa risposta è stata cambiata da laura bella (03-06-15 12:25, 2 anni 3 mesi 24 giorni )
vito15
vito15 - Ominide - 14 Punti
Salva
Grazie tante Laura, riguarda al resto va bene? che voto daresti a questo tema?
.anonimus.
.anonimus. - Tutor - 45016 Punti
Salva
Ti ho corretto solo la prima parte, il resto non l'ho visto perchè secondo me troppo lungo, troppo dettagliato. Secondo me va rivisto tutto, vanno tolte molte parti e va risistemato il linguaggio. Farlo coi minimi dettagli, a mio avviso, è sbagliato.
vito15
vito15 - Ominide - 14 Punti
Salva
Laura ti chiedo possibilmente un favore, se mi aiutati a sistemare anche il resto del compito, te ne prego, fai con calma anche entro giovedì o venerdì, puoi anche accorciarlo ma ti prego aiutarmi a sistemarlo tutto :(
.anonimus.
.anonimus. - Tutor - 45016 Punti
Salva
Ok, appena posso lo rivedo e cerco di aiutarti :)
vito15
vito15 - Ominide - 14 Punti
Salva
grazie tante di vero cuore per la disponibilità Laura, non so' come ringraziarti
vito15
vito15 - Ominide - 14 Punti
Salva
Grazie tante di vero cuore Laura
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Mikisidori

Mikisidori Geek 59 Punti

VIP
Registrati via email