kloe
kloe - Sapiens Sapiens - 904 Punti
Rispondi Cita Salva
dmn ho un saggio breve su verga kome potrei impostarlo?
gaga the best
gaga the best - Erectus - 83 Punti
Rispondi Cita Salva

Verga: antipopulistico o idealizzatore della “religione della famiglia” Valentina Crosetto III classico B Verga: antipopulistico o idealizzatore della “religione della famiglia”? Due tesi a confronto: Luigi Russo e Alberto Asor Rosa propongono due tesi radicalmente divergenti riguardo al romanzo I Malavoglia e più in generale sull'universo verghiano. Il primo critico infatti attribuisce il sentimento ispiratore di Verga alla “religione della casa”, affermando che gli uomini descritti dall'autore sono “silenziosi eroi del dovere, eroi dell'onore domestico, del lavoro e della fedeltà”. Con il termine fedeltà egli intende una fedeltà di tipo religioso alla vita ed agli affetti familiari e delinea come custode di questi valori Padron `Ntoni. Alberto Asor Rosa invece dichiara che il Verga rifiuta le speranze progressive dando una rappresentazione critica della realtà, liberandosi quindi dagli impacci della mitologia populistica che si era diffusa in quel tempo. Secondo il suo parere, infatti, Verga non assegna al popolo un posto di maggior importanza; proprio il rifiuto delle suggestioni socialiste porta l'autore al rifiuto di un'ideologia progressista. Considerazione sulle due tesi: Verga nella gran fiumana del progresso ha occhi soltanto per le lacrime, le sconfitte, i patimenti che esso costa; ha a cuore soltanto la sorte dei “vinti”, di coloro, cioè, che hanno tentato l'ascesa e sono stati quindi sconfitti. Su tutta la scena delle vicende umane si stende, per Verga, l'ombra cupa di una sconfitta irrimediabile, e la vita dell'uomo, col suo carico di affetti, interessi, drammi e passioni, sembra precipitare in un nulla senza significato. Ogni romanzo infatti ritrae una sconfitta patita su un diverso gradino della condizione sociale, dai miseri fino agli artisti raffinati ed ambiziosi. Visione pessimista, dunque, che rovescia con crudele amarezza l'euforia positivista e rappresenta l'uomo come essere condannato ad un destino di immobilità e sofferenza. In Libertà la rivolta selvaggia dei contadini, che fanno massacro dei borghesi, a Bronte nel 1860, non diventa rivoluzione e quindi nuovo ordine sociale: i contadini, dopo la strage, scoprono che non possono fare a meno dei “galantuomini” e si rassegnano alla restaurazione dell'ordine, subendo fucilazioni, processi e carcere. Verga pessimista e antipopulistico: In realtà nel mondo di Verga non c'è spazio per l'espansione dei sentimenti o degli ideali umani: appena essi si manifestano sono schiacciati, sopraffatti da leggi più dure e spietate, come quella dell'onore o, soprattutto, dell'interesse economico. Per interesse ne I Malavoglia Mena avrebbe dovuto sposare Brasi Cipolla, per tutelare il proprio onore Alfio non sposa Mena, per aver macchiato l'onore della famiglia `Ntoni non può tornare a vivere con i suoi cari.

Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email