• Italiano
  • saggio breve - discriminazioni immigrati

    closed post
stefanokj
stefanokj - Erectus - 135 Punti
Salva
Ciao ragazzi!
Sono davvero incasinato con un saggio breve (è il secondo che faccio, e sto brancolando nel buio).
Il saggio affronta un argomento attuale, sulla discriminazione degli immigrati.
Praticamente dovrei partire dall'immigrazione italiana del 1800; parlando dello sfruttamento ecc, e poi a fine saggio (4 colonne max) dovrei parlare un poco della situazione odierna comparando i due periodi storici).

Ci sono state date due schede per le fonti:
1) http://i60.tinypic.com/2uojjgi.jpg
2) http://i61.tinypic.com/w1wyvl.jpg

Fino ad ora ho scritto questo...ma sinceramente non so come continuare.
Forse sto divagando...e mi accorgo che non è fatto per niente bene.

Italia, 1861: comincia la grande emigrazione che porterà circa 27 milioni di italiani a lasciare la propria patria per trasferirsi alla ricerca di un lavoro e quindi di una condizione di vita migliore.
Le destinazioni preferite erano in Europa (francia, Svizzera) e nelle americhe in cui la richiesta di manodopera era alta.
La stragrande maggioranza degli immigrati viveva in una condizione pessima in italia, a causa della miseria dell'agricoltura e dei contadini, il fiscalismo che gravava sulla povera gente e sopratutto, per lo sperpero del denaro pubblico, utilizzato per futili motovi, ma sotratto a chi ne aveva bisogno.
Questa situazione veniva sfruttata dagli agenti di emigrazione che reclutavano migranti, li raggiravano promettendo una situazione migliore e una volta in America li facevano lavorare per un padrone.
Ad alcuni emigrati andava anche peggio: vivevano in "case" fatte di espedienti situate nelle periferie e per vivere erano costretti a chiedere l'elemosina e nei casi più gravi a rubare.
Per questi motivi gli italiani venivano discriminati in tutto il mondo, gli venivano dati dei soprannomi infamanti come "mendicanti" e "sfruttatori".
Da una relazione dell'ispettorato per l'emigrazione degli US sugli italiani datato 1919 possiamo capire lo stato di queste persone: non avevano la possibilità di lavarsi e tantomeno di cambiarsi i vestiti, utilizzavano bambini e vecchi per chiedere l'elemosina.
Il consiglio si lamenta sul fatto che è colpa del paese poichè ha aperto le frontiere a tutti, non solo a chi immigrava alla ricerca di un lavoro...


Questo pezzo occupa 2 colonne circa...vorrei farne almeno un'altra...potete aiutarmi?
Secondo voi quello che ho scritto va bene?
Aiuto per favore :thx

Questa risposta è stata cambiata da laura bella (13-03-15 20:38, 2 anni 6 mesi 17 giorni )
maryanp86
maryanp86 - Genius - 2551 Punti
Salva
Italia, 1861: comincia la grande emigrazione che porterà circa 27 milioni di italiani a lasciare la propria patria per trasferirsi altrove, alla ricerca di un lavoro e quindi di una condizione di vita migliore. I numeri danno l'idea di che cosa dovesse essere questo movimento emigratorio, un vero e proprio esodo che interessò diverse aree d'Italia e non solo il Mezzogiorno.
Le mete preferite erano scelte in base all'alta richiesta di manodopera e riguardavano tanto l'Europa (Francia, Svizzera) quanto le americhe.
La stragrande maggioranza degli emigrati viveva in una condizione pessima nel loro territorio di provenienza, a causa della miseria e della crisi che colpiva l'agricoltura e il fiscalismo, ma anche a causa dello sperpero del denaro pubblico, utilizzato per motivi futili e dunque sottratto a chi ne aveva realmente bisogno. L'emigrazione, però, fu anche un fenomeno da sfruttare: spesso gli agenti di emigrazione che reclutavano migranti, li raggiravano promettendo una situazione migliore, ma una volta in America li facevano lavorare per un padrone, dunque in una condizione che minava non solo la dignità, ma anche la stessa libertà.
Ad alcuni emigrati andava anche peggio: vivevano in "case" fatte di espedienti [chiarisci questo punto ] situate nelle periferie e per vivere erano costretti a chiedere l'elemosina e nei casi più gravi a rubare. A ciò va ad aggiungersi la forte discriminazione etnica: gli italiani venivano discriminati in tutto il mondo, gli venivano dati dei soprannomi infamanti come "mendicanti" e "sfruttatori".
Da una relazione dell'ispettorato per l'emigrazione degli USA sugli italiani datato 1919 possiamo capire lo stato in cui erano costretti gli emigrati appena giunti nel territorio americano: non avevano la possibilità di lavarsi e tantomeno di cambiarsi i vestiti; spesso i bambini e vecchi venivano usati per chiedere l'elemosina.
Il consiglio [quale? a cosa ti riferisci? chiarisci meglio e trova un collegamento con il pezzo precedente] si lamenta sul fatto che è colpa del paese poichè ha aperto le frontiere a tutti, non solo a chi immigrava alla ricerca di un lavoro...
La storia degli emigrati italiani viene spesso ricordata come esempio negativo di "accoglienza" e, in modo diverso, viene usato come argomento per diverse posizioni politiche sul problema degli immigrati.
[rifletti su quest'ultimo punto e ricorda che essendo un saggio breve puoi citare le fonti che ti vengono fornite (ciò vale anche per la parte precedente). Puoi parlare in genere della difficoltà dell'integrazione oggi, della paura nei confronti dell'Altro sconosciuto (che si collega al problema del terrorismo internazionale) e delle condizioni che portano oggi alcune popolazioni ad emigrare (da dove vengono? sono popolazioni che scappano dalla guerra e dalle difficili condizioni di vita che queste comportano).]
Spero di esserti stata utile
:)
stefanokj
stefanokj - Erectus - 135 Punti
Salva
Ti ringrazio tantissimo per aver corretto la prima parte :)
Però ho ancora alcune domande:
Hai visto la scheda che ci è stata data?
In base a questo, secondo te quello che ho scritto è abbastanza per passare a scrivere la conclusione (parlando della situazione in italia ecc.)??
maryanp86
maryanp86 - Genius - 2551 Punti
Salva
purtroppo non sono riuscita a visualizzare i documenti. Comunque, come ti dicevo, essendo un saggio breve devi citare qualche fonte tra quelle date. Facendo così il saggio sarà sicuramente inerente alla traccia...
:)
.anonimus.
.anonimus. - Tutor - 45016 Punti
Salva
Ora i documenti possono esser visualizzati, quando inserite url dovete lasciare lo spazio fra il trattino e l'url, sennò non te lo fa visualizzare.

Ciao Laura!
maryanp86
maryanp86 - Genius - 2551 Punti
Salva
Ho visualizzato le immagini e per me devi aggiungere i riferimenti alle fonti in maniera più chiara, dato che comunque sono state prese in esame. All'inizio ad esempio hai preso in riferimento il primo documento, citalo così da limitare anche la sensazione di troppa immediatezza: "L'italiani sono stati protagonisti di uno dei più grandi movimenti emigratori della storia moderna, così scrive Maddalena Tirabassi nel suo interessante studio sull'emigrazione. Difatti da esso emerge come il fenomeno emigratorio sia manifesto già nell'Italia del 1861: è a partire da questo arco temporale che comincia la grande emigrazione, quella che porterà circa 27 milioni di italiani a lasciare la propria patria per trasferirsi altrove, alla ricerca di un lavoro e quindi di una condizione di vita migliore."

Prosegui in maniera simile per altre parti che ritieni interessanti, puoi anche riportare alcuni pezzi, così da rendere il saggio più completo.

:)
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

nRT

nRT Moderatore 3325 Punti

VIP
Registrati via email