• Italiano
  • Quali sono le parole omografe

    closed post best answer
andrexiu
andrexiu - Ominide - 7 Punti
Salva

ho un dubbio sulle parole omografe, 1) devono avere un'accento diverso sulla stessa vocale oppure 2) l'accento può trovarsi su vocali differenti?

1)

vénti (il numero) vènti (spostamento dell'aria)

2):

mètro (misura) metró (stazione)

grazie

eleo
eleo - Moderatore - 20791 Punti
Salva

Perché credo che la differenza stia nella questione omografe e omofone. Prova a leggere questo articolo:

La nostra lingua è ricca di parole "omofone" (stesso "suono" ) e "omografe" (stessa grafia). Vediamo, succintamente, la differenza. Le parole omofone sono dette anche "omonime" perché oltre ad avere il medesimo "suono" hanno anche lo stesso nome (la "bugia", per esempio: candeliere e menzogna); quelle omografe, invece, hanno la medesima grafia ma il "suono", cioè la pronuncia, non sempre uguale. Legge, "norma" e lègge, dal verbo leggere, per esempio, sono omografe ma non omofone. Le parole omofone, quindi, sono sempre omografe; queste ultime invece, non necessariamente sono anche omofone. E quanto alle omofone (o omonime) c'è da dire che nella stragrande maggioranza dei casi provengono da due termini diversi che hanno finito con il coincidere per l'evoluzione storica del linguaggio. Vediamo, in proposito, qualche esempio: la lira, moneta, viene dal latino "libra(m), mentre la lira, strumento musicale, da "lyra(m); il miglio, la pianta, ha origine da "miliu(m), il miglio, la misura da "milia". Ancora: la fiera, belva, da "fera(m), fiera, mercato, da "feria(m)"; botte, recipiente, da "butta(m)" ('piccolo vaso'), botte, percosse, dal francese antico "boter" (percuotere). Sarà bene, per tanto, accentare le parole omonime che possono generare equivoci: balia e balía; regia e regía; ambito e ambíto; subito e subíto; ancora e àncora; decade e decàde. L'accento che si adopera in questi casi si chiama "fonico" perché fa cambiare, appunto, il "suono" alle parole che hanno il medesimo nome. Un accento, diceva un grande linguista, "se al posto giusto non ha mai fatto male a nessuno". Vediamo, ora, un'altra parola omografa ma non omofona perché a seconda della pronuncia cambia di significato: razza. Pronunciata con zeta dolce indica un pesce marino la cui lunghezza varia da trenta centimetri a due metri, ha la forma di un rombo con gli occhi sul dorso e la bocca sul ventre. Se si pronuncia, invece, con la zeta aspra indica un sostantivo il cui significato è noto a tutti: gruppo di individui di una medesima specie, animale o vegetale; quindi gruppo, popolazione, popolo.

Fonte: http://faustoraso.blogspot.it/2014/05/omofone-e-omografe.html

eleo
eleo - Moderatore - 20791 Punti
Salva

Le parole omografe sono quelle che si scrivono allo stesso modo, hanno entrambe un accento sulla stessa vocale, ma diverso ad esempio: pésca (verbo) pèsca (frutto) :)

andrexiu
andrexiu - Ominide - 7 Punti
Salva

Non sono molto sicuro di quello che dici... l'enciclopedia t r e c c a n i cercando omografi da una serie di risultati ma non si capisce molto..

dice che

ancóra (avverbio) e àncora (della nave) sono parole omografe bho

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email