Gabrielinoo
Gabrielinoo - Ominide - 42 Punti
Salva

1.Che cosa sappiamo del personaggio di don Abbondio?

2.Conosciamo il nome della famiglia d'origine e della sua parrocchia?

3.A che cosa le serve il breviario?

4.Come mai don Abbondio si accorge che i bravi stanno aspettando?

5.Come reagisce il curato, mentre si avvicina ai due criminali?

6.Quali alternative gli si presentano?

Sayonara
Sayonara - Sapiens - 338 Punti
Salva
http://it.wikipedia.org/wiki/Don_Abbondio Vedi qui.
coltina
coltina - Genius - 11961 Punti
Salva

Ecco i passi del capitolo da cui ricavare le risposte

1.Che cosa sappiamo del personaggio di don Abbondio?
" Il nostro Abbondio non nobile, non ricco, coraggioso ancor meno, s'era dunque accorto, prima quasi di toccar gli anni della discrezione, d'essere, in quella società, come un vaso di terra cotta, costretto a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro. Aveva quindi, assai di buon grado, ubbidito ai parenti, che lo vollero prete. Per dir la verità, non aveva gran fatto pensato agli obblighi e ai nobili fini del ministero al quale si dedicava: procacciarsi di che vivere con qualche agio, e mettersi in una classe riverita e forte, gli eran sembrate due ragioni più che sufficienti per una tale scelta. Ma una classe qualunque non protegge un individuo, non lo assicura, che fino a un certo segno: nessuna lo dispensa dal farsi un suo sistema particolare. Don Abbondio, assorbito continuamente ne' pensieri della propria quiete, non si curava di que' vantaggi, per ottenere i quali facesse bisogno d'adoperarsi molto, o d'arrischiarsi un poco. Il suo sistema consisteva principalmente nello scansar tutti i contrasti, e nel cedere, in quelli che non poteva scansare. Neutralità disarmata in tutte le guerre che scoppiavano intorno a lui... "
Che non era ricco, che era diventato prete per convenienza, che non era coraggioso, che non si esponeva mai, che dava sempre ragione al più forte.

2.Conosciamo il nome della famiglia d'origine e della sua parrocchia?
"il nome di questa, né il casato del personaggio, non si trovan nel manoscritto, né a questo luogo né altrove. "

3.A che cosa le serve il breviario?
"Diceva tranquillamente il suo ufizio, e talvolta, tra un salmo e l'altro, chiudeva il breviario, tenendovi dentro, per segno, l'indice della mano destra, "

4.Come mai don Abbondio si accorge che i bravi stanno aspettando?
"Che i due descritti di sopra stessero ivi ad aspettar qualcheduno, era cosa troppo evidente; ma quel che più dispiacque a don Abbondio fu il dover accorgersi, per certi atti, che l'aspettato era lui. Perché, al suo apparire, coloro s'eran guardati in viso, alzando la testa, con un movimento dal quale si scorgeva che tutt'e due a un tratto avevan detto: è lui; quello che stava a cavalcioni s'era alzato, tirando la sua gamba sulla strada; l'altro s'era staccato dal muro; e tutt'e due gli s'avviavano incontro."

5.Come reagisce il curato, mentre si avvicina ai due criminali?
"Egli, tenendosi sempre il breviario aperto dinanzi, come se leggesse, spingeva lo sguardo in su, per ispiar le mosse di coloro; e, vedendoseli venir proprio incontro, fu assalito a un tratto da mille pensieri. "

6.Quali alternative gli si presentano?
"fu assalito a un tratto da mille pensieri. Domandò subito in fretta a se stesso, se, tra i bravi e lui, ci fosse qualche uscita di strada, a destra o a sinistra; e gli sovvenne subito di no. Fece un rapido esame, se avesse peccato contro qualche potente, contro qualche vendicativo; ma, anche in quel turbamento, il testimonio consolante della coscienza lo rassicurava alquanto: i bravi però s'avvicinavano, guardandolo fisso. Mise l'indice e il medio della mano sinistra nel collare, come per raccomodarlo; e, girando le due dita intorno al collo, volgeva intanto la faccia all'indietro, torcendo insieme la bocca, e guardando con la coda dell'occhio, fin dove poteva, se qualcheduno arrivasse; ma non vide nessuno. "

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email