maris_
maris_ - Erectus - 51 Punti
Salva
ciao a tutti!;) Mi servirebbe il commento alla poesia "il bosco" di Pascoli...dovrò inserirla nella mia tesina. Grazie in anticipo!!
coltina
coltina - Genius - 11961 Punti
Salva
se non è urgentissimo ci lavoro nei prossimi giorni.....
maris_
maris_ - Erectus - 51 Punti
Salva
Si va bene, per, se puoi,entro la prossima settimana! ;);)

Aggiunto 46 secondi più tardi:

Però*
coltina
coltina - Genius - 11961 Punti
Salva

C'è un problema..... Pascoli scrive sia "Il bosco" che "Nel bosco".
Uno è in Myricae, l'altro è un inedito...immagino tu intenda il poema di Myricae......
Solo il commento o anche l'analisi delle figure e la metrica?
Su cos'è la tua tesina? per capire se c'è un taglio particolare da dare al commento......

Aggiunto 50 minuti più tardi:

Il componimento "Il bosco", di Pascoli, presente nella raccolta Myricae, si struttura come un sonetto classico, con due quartine e due terzine con rima incrociata nelle quartine, secondo l'uso introdotto dallo Stilnovo.
Il tema principale del componimento è la descrizione del bosco e dei suoi abitanti "mitologici", cioè ninfe e fauni.
Il poeta descrive una natura ricca di suoni prodotti da cicale e uccelli, spesso nascosti e celati fra le fronde, come nascosti stanno i fauni, che "governano" le brezze e le ninfe, bionde e curiose che sbirciano fra i rami, spiando il viandante.
Il bosco descritto è accogliente accattivante, e cattura il poeta in una "malìa", cioè in una sorta di incantesimo magico, mentre il tono è volutamente etereo, incantato, leggiadro e richiama le ambientazioni neoclassiche.

Molto diverso è invece il contenuto del poema "Nel bosco", testo rimasto privato e pubblicato dalla sorella Maria dopo la morte di Giovanni.
Anche in questa poesia il bosco è misterioso e sussurrante, le forme della natura sono solo accennate (il cipresseto, i pioppi, il chiarore della luna, le fronde che si muovono al vento), ma la "voce" che viene dal bosco con è più quella magica delle ninfe, ma quella della memoria della propria vita, delle persone care scomparse che prendono per mano il poeta accompagnandolo in un viaggio nel passato che egli vorrebbe rivivere.
Le citazioni non sono più quelle classico-mitologiche, ma quelle evangeliche, come il gallo che canta tre volte, a ricordare che è troppo tardi per riparare ai danni e che non si torna indietro.
Un particolare però nell'ultimo verso di questo componimento richiama al primo: la Iole citata ne "Nel bosco" ha i capelli biondi e scintillanti, come le ninfe del primo sonetto.

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 1862 Punti

VIP
Registrati via email