Iknow
Iknow - Ominide - 24 Punti
Salva
Versione in prosa di Iliade, libro 1 dal verso 345 al 427!!!!!


help me!
viki3322
viki3322 - Ominide - 46 Punti
Salva
cerca su google
anny=)
anny=) - Moderatore - 30792 Punti
Salva
viki3322, se vuoi aiutare qualcuno cerca di farlo in modo che l'aiuto sia valido. Il fatto che dici di cercare su google, credo che l'utente l'abbia fatto oppure cerca qualcosa nello specifico.
Quindi, per favore, non scrivere nel forum tanto per il gusto di farlo ma solo se riesci a dare un aiuto concreto. Grazie :)
watanka
watanka - Eliminato - 419 Punti
Salva
Ciao... 
Te li metto sia in greco che in italiano, perchè non ho capito quali ti servono... Sono del canto I... 

Ὣς φάτο, Πάτροκλος δὲ φίλῳ ἐπεπείθεθ' ἑταίρῳ, 345 
ἐκ δ' ἄγαγε κλισίης Βρισηΐδα καλλιπάρῃον, 
δῶκε δ' ἄγειν· τὼ δ' αὖτις ἴτην παρὰ νῆας Ἀχαιῶν· 
ἣ δ' ἀέκουσ' ἅμα τοῖσι γυνὴ κίεν· αὐτὰρ Ἀχιλλεὺς 
δακρύσας ἑτάρων ἄφαρ ἕζετο νόσφι λιασθείς, 
θῖν' ἔφ' ἁλὸς πολιῆς, ὁρόων ἐπ' ἀπείρονα πόντον· 350 
πολλὰ δὲ μητρὶ φίλῃ ἠρήσατο χεῖρας ὀρεγνύς· 

« Μῆτερ ἐπεί μ' ἔτεκές γε μινυνθάδιόν περ ἐόντα, 
τιμήν πέρ μοι ὄφελλεν Ὀλύμπιος ἐγγυαλίξαι 
Ζεὺς ὑψιβρεμέτης· νῦν δ' οὐδέ με τυτθὸν ἔτισεν· 
ἦ γάρ μ' Ἀτρεΐδης εὐρὺ κρείων Ἀγαμέμνων 355 
ἠτίμησεν· ἑλὼν γὰρ ἔχει γέρας αὐτὸς ἀπούρας. » 

Ὣς φάτο δάκρυ χέων, τοῦ δ' ἔκλυε πότνια μήτηρ 
ἡμένη ἐν βένθεσσιν ἁλὸς παρὰ πατρὶ γέροντι· 
καρπαλίμως δ' ἀνέδυ πολιῆς ἁλὸς ἠΰτ' ὀμίχλη, 
καί ῥα πάροιθ' αὐτοῖο καθέζετο δάκρυ χέοντος, 360 
χειρί τέ μιν κατέρεξεν ἔπος τ' ἔφατ' ἔκ τ' ὀνόμαζε· 

« Τέκνον, τί κλαίεις; τί δέ σε φρένας ἵκετο πένθος; 
ἐξαύδα, μὴ κεῦθε νόῳ, ἵνα εἴδομεν ἄμφω. » 


τὸν καὶ ὑπέδεισαν μάκαρες θεοὶ οὐδ' ἔτ' ἔδησαν. 
τῶν νῦν μιν μνήσασα παρέζεο καὶ λαβὲ γούνων 
αἴ κέν πως ἐθέλῃσιν ἐπὶ Τρώεσσιν ἀρῆξαι, 
τοὺς δὲ κατὰ πρύμνας τε καὶ ἀμφ' ἅλα ἔλσαι Ἀχαιοὺς 
κτεινομένους, ἵνα πάντες ἐπαύρωνται βασιλῆος, 410 
γνῷ δὲ καὶ Ἀτρεΐδης εὐρὺ κρείων Ἀγαμέμνων 
ἣν ἄτην ὅ τ' ἄριστον Ἀχαιῶν οὐδὲν ἔτισεν. » 

Τὸν δ' ἠμείβετ' ἔπειτα Θέτις κατὰ δάκρυ χέουσα· 

« Ὤ μοι τέκνον ἐμόν, τί νύ σ' ἔτρεφον αἰνὰ τεκοῦσα; 
αἴθ' ὄφελες παρὰ νηυσὶν ἀδάκρυτος καὶ ἀπήμων 415 
ἧσθαι, ἐπεί νύ τοι αἶσα μίνυνθά περ οὔ τι μάλα δήν· 
νῦν δ' ἅμα τ' ὠκύμορος καὶ ὀϊζυρὸς περὶ πάντων 
ἔπλεο· τώ σε κακῇ αἴσῃ τέκον ἐν μεγάροισι. 
τοῦτο δέ τοι ἐρέουσα ἔπος Διὶ τερπικεραύνῳ 
εἶμ' αὐτὴ πρὸς Ὄλυμπον ἀγάννιφον αἴ κε πίθηται. 420 
ἀλλὰ σὺ μὲν νῦν νηυσὶ παρήμενος ὠκυπόροισι 
μήνι' Ἀχαιοῖσιν, πολέμου δ' ἀποπαύεο πάμπαν· 
Ζεὺς γὰρ ἐς Ὠκεανὸν μετ' ἀμύμονας Αἰθιοπῆας 
χθιζὸς ἔβη κατὰ δαῖτα, θεοὶ δ' ἅμα πάντες ἕποντο· 
δωδεκάτῃ δέ τοι αὖτις ἐλεύσεται Οὔλυμπον δέ, 425 
καὶ τότ' ἔπειτά τοι εἶμι Διὸς ποτὶ χαλκοβατὲς δῶ, 
καί μιν γουνάσομαι καί μιν πείσεσθαι ὀΐω. » 

Quanto lutto alla Grecia, e quanta a Prìamo 
gioia s’appresta ed a’ suoi figli e a tutta 340 
la dardania città, quando fra loro 
di voi s’intenda la fatal contesa, 
di voi che tutti di valor vincete 
e di senno gli Achei! Deh m’ascoltate, 
ché minor d’anni di me siete entrambi; 345 
ed io pur con eroi son visso un tempo 
di voi più prodi, e non fui loro a vile: 
ned altri tali io vidi unqua, né spero 
di riveder più mai, quale un Drïante 
moderator di genti, e Piritòo, 350 
Cèneo ed Essadio e Polifemo uom divo, 
e l’Egìde Teseo pari ad un nume. 
Alme più forti non nudrìa la terra, 
e forti essendo combattean co’ forti, 
co’ montani Centauri, e strage orrenda 355 
ne fean. Con questi, a lor preghiera, io spesso 
partendomi da Pilo e dal lontano 
Apio confine, a conversar venìa, 
e secondo mie forze anch’io pugnava. 
Ma di quanti mortali or crea la terra 360 
niun potrìa pareggiarli. E nondimeno 
da quei prestanti orecchio il mio consiglio 
ed il mio detto obbedïenza ottenne. 

Con Patroclo il Pelìde e co’ suoi prodi 
riede a sue navi nelle tende; e Atride 
varar fa tosto a venti remi eletti 405 
una celere prora colla sacra 
ecatombe. Di Crise egli medesmo 
vi guida e posa l’avvenente figlia; 
duce v’ascende il saggio Ulisse, e tutti 
già montati correan l’umide vie. 410 
Ciò fatto, indisse al campo Agamennóne 
una sacra lavanda: e ognun devoto 
purificarsi, e via gittar nell’onde 
le sozzure, e del mar lungo la riva 
offrir di capri e di torelli intere 415 
ecatombi ad Apollo. Al ciel salìa 
volubile col fumo il pingue odore. 
Seguìan nel campo questi riti. E fermo 
nel suo dispetto e nella dianzi fatta 
ria minaccia ad Achille, intanto Atride 420 
Euribate e Taltibio a sé chiamando, 
fidi araldi e sergenti, Ite, lor disse, 
del Pelìde alla tenda, e m’adducete 
la bella figlia di Brisèo. Se il niega, 
io ne verrò con molta mano, io stesso, 425 
a gliela tôrre: e ciò gli fia più duro. 
Ditsse; e il cenno aggravando in via li pose.

L'ho trovata su yahoo:
http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20110314043907AAJeLGY
anny=)
anny=) - Moderatore - 30792 Punti
Salva
watanka, grazie per l'aiuto che vuoi dare nel forum.
Vorrei precisarti che è preferibile non linkare aiuto provenienti da yahoo answer perchè non sempre gli appunti sono attendibili. Questo sito va usato solo ed esclusivamente come utima spiaggia.
Per questo motivo, ti chiedo di evitare a prossima volta di farne uso. Grazie ;)
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Marcello G.

Marcello G. Blogger 4857 Punti

VIP
Registrati via email