veriana
veriana - Ominide - 18 Punti
Salva
parafrasi di bussò il vento
Antonio-P
Antonio-P - Blogger - 1962 Punti
Salva
Il sogggetto principale della poesia “Bussò il vento” è il vento che, paragonato ad un “uomo stanco”, ad un “ospite senza piede” , dopo aver bussato, entra nella camera. Il vento fa sentire la sua presenza (“il suo parlare era come il fiato di molti colibrì; “dalle dita una musica gli usciva di suoni tremuli”) cioè il vento genera voci e così sconfigge il silenzio ma è inafferrabile (“invitarlo a sedere era impossibile;” “ed ossa non aveva” ) .E non resta altro che il silenzio, unico linguaggio della stanza solitariaTutte queste immagini trovano una spiegazione nel verso che chiude la poesia “ed io rimasi sola”. .La solitudine, infatti, sembra essere lo stato d’animo dell’autrice che, si dice, non aveva amici e passava intere giornate da sola nell’orto e nel giardino di casa. La poetessa sembra voler esprimere il suo desiderio di non essere sola. E così il vento diventa un amico immaginario.

Commento:
Il vento è invadente.
Nella poesia di Emily il vento, uomo stanco, pervade ogni spazio: ogni angolo della casa ne subisce l'intrusione, che genera voci e così sconfigge il silenzio. Ma l'ospite veloce, uomo timido, in un attimo svuota di sé ogni angolo della casa, come ogni angolo dell'anima. E non resta altro che il silenzio, unico linguaggio della stanza solitaria.

Fammi sapere se va bene! :D
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

sbardy

sbardy Admin 22826 Punti

VIP
Registrati via email