Lirion
Lirion - Habilis - 170 Punti
Rispondi Cita Salva

ciao ragazzi
qualcuno saprebbe dirmi gentilmente qualcosa sull'analisi denotativa dell'"Infinito" di Leopardi?
Ho provato a cercare negli appunti ma trovo solo parafrasi e commenti a me servirebbe:
il motivo ispiratore,la struttura metrica,le figure metriche dei primi 5 versi,la rilevazione del tema di ogni strofa,e le figure retoriche...:con
grazie in anticipo a chi mi aiuterà :love

SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva

L'infinito

Sempre caro mi fu quest'ermo colle
E questa siepe, che da tanta parte
Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando,interminati
Spazi di là da quella e sovrumani
Silenzi e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura.
E come il vento
Odo stormir fra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce vo comparando:
e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, e la
presente viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s'annega il pensier mio:
e il naufragar m'è dolce in questo mare.

Analisi denotativa

Mi è stato sempre caro questo colle solitario (ermo) e questa siepe che impedisce di vedere (il guardo esclude) l'orizzonte più lontano (ultimo).Ma sedendo e contemplando mi creo nella mente (io nel pensier mi fingo),al di là della siepe, spazi sconfinati, silenzi sconfinati e una quiete profondissima e in tutto ciò il cuore sembra quasi smarrirsi (si spaura).
E nel momento in cui sento stormire il vento tra queste piante io metto a confronto quel silenzio infinito con la voce del vento e mi torna in mente (mi sovvien) l'idea di eternità, il passato lontano (le morte stagioni)e il presente (la presente e viva, sottintesa stagione)e il rumore di ciò che è vivo. Così tra queste sensazioni immense il mio pensiero immerge totalmente e per me è piacevole naufragare in questo mare.

Struttura metrica

15 endecasillabi privi di rima (sciolti)
e senza legami di strofe;
numerosi enjambement attraverso i quali si formano altri versi , non corrispondenti agli endecasillabi ma ai concetti.

Analisi connotativa

Idea centrale: l'immaginazione va oltre la realtà, il presente, oltre ciò che si vede realmente con gli occhi o ciò che si sente. Attraverso di essa si percepisce ciò che è indefinito, fino ad arrivare all' idea di infinito, non raggiungibile con i sensi, ma attraverso l'analisi delle sfere semantiche, di alcune figure retoriche, e di alcuni termini particolari (per es. gli aggettivi determinativi questo/quello).

Parole indefinite

Infinito
Ermo
Interminati
Sovrumani
Infinito
Eterno
Immensità

VERSI CHE RIMANDANO ALL'INFINITO SPAZIALE: versi 2,3,4,5,6,7,8

VERSI CHE RIMANDANO ALL'INFINITO TEMPORALE: versi 8,9,10,11,12,13

La metafora del mare: il mare è simbolo dell'infinito (questa immensità).

L'uso dell'aggettivo indeterminativo
All'inizio "questo" connota il reale, "quello" tutto ciò che è indefinito, ma alla fine il reale non esiste più, il poeta è immerso nella dimensione immaginaria ed è l'unica dimensione possibile (perciò diventa "questa" ).

REALTA' SENSIBILE: quest'ermo colle - questa siepe

DIMENSIONE DELL'IMMAGINARIO: interminati spazi di là da quella -

RITORNO DEI SENSI: tra queste piante

CONFRONTO TRA LE DUE DIMENSIONI: quello infinito silenzio - questa voce

PREDOMINIO DELL'IMMAGINAZIONE: questa immensità - questo mare

Lirion
Lirion - Habilis - 170 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie mille :thx
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego ;)

Alla prossima :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV

In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di settembre
Vincitori di settembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email