laby94
laby94 - Ominide - 11 Punti
Salva
i vicerè recensione
marti.mi
marti.mi - Erectus - 122 Punti
Salva

Se vai su google e scrivi "recensione del libro i viceré" te la da...puoi cercarla anke qui su skuola.net...su "appunti" e poi "recensioni libri"...

coltina
coltina - Genius - 11961 Punti
Salva

pRIMA DI TUTTO GUARDA QUI:
https://www.skuola.net/libri/vicere.html
POI..........
DA: http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20080206082832AABG4Tv
"I Vicerè" narra la storia della nobile famiglia siciliana de gli Uzeda nell'arco di tempo che va dai primi moti dell'isola al le elezioni del 1882. Gli Uzeda sono dilaniati da accaniti con trasti d'interesse che oppongono il principe Giacomo, duro e avi do, al dissoluto conte Raimondo, il cinico e corrotto don Blasco al nipote Ludovico, anch'egli monaco senza vocazione, e alla so rella, donna Ferdinanda. Questi contrasti hanno per cornice i grandi avvenimenti dell'unità italiana. Alle beghe di fratelli e parenti si aggiunge la lotta che tutti insieme sostengono per conservare gli antichi privilegi, per mantenere, nel rapporto tra sfruttatori e sfruttati, la parte dei dominatori: nonostante il naufragio di alcuni singoli come don Eugenio finito in miseria. Don Blasco è pronto a approfittare della soppressione dei conven ti per acquistare i beni degli ordini ecclesiastici. Il vecchio don Gaspare non esita a fingere simpatie liberali riuscendo a farsi eleggere deputato. Consalvo, l'ultimo degli Uzeda, si mescola a faccendieri e corruttori pur di farsi eleggere. Il naufragio degli ideali della borghesia liberale è emblematizzato dalla figura di Giulente, giovane patriota che nonostante il ma trimonio con una Uzeda, non ottiene la sperata promozione sociale e risulta sconfitto alle elezioni politiche. Attraverso le vicende degli Uzeda lo scrittore compone un va sto affresco dell'aristocrazia siciliana nel momento del diffici le passaggio dal regime borbonico alla nuova realtà sociale dell'Italia unita, acquisendo alla tecnica naturalistica italiana una capacità nuova di penetrazione, fredda ma vigorosa, nel tes suto vivo della storia e della lotta politica nazionale. In que sta prospettiva si esaltano le doti dell'osservatore spietatamen te «arido e fisso», del pittore di scene fastose e lucide, del creatore di personaggi stravaganti e sgradevoli.

OPPURE:
http://www.italialibri.net/opere/vicere.html
http://letture.wordpress.com/2007/06/21/lettura-in-corso-i-vicere-di-federico-de-roberto/

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email