celo8
celo8 - Genius - 9861 Punti
Salva

raga, guardando un po qui un po' lì ho fatto una ricerca su elena, ma è un po' cortina, avete qualcosa da aggiungere? eccola qua:
Quella che si può considerare la causa scatenante della guerra di Troia, è un donna di nome Elena. Nacque da Zeus e Leda, ma vene considerata figlia del marito di lei, Tindaro.
Fu allevata nella sua casa, e ancora giovinetta fu al centro di numerosi miti di seduzione: Teseo la rapì che era ancora fanciulla. Elena infatti era ritenuta la donna più bella del mondo, e poiché numerosi erano i pretendenti al suo matrimonio Tindaro lasciò che ogni decisione fosse della ragazza, onde evitare che una sua interferenza potesse causare una guerra. Fece però giurare ai pretendenti riuniti in casa sua, che qualunque fosse stata la decisione della figlia l’avrebbero protetta e sarebbero stati alleati suoi e del marito. La scelta cadde su Menelao, re di Sparta. La sorella Clitennestra sposò invece Agamennone, fratello di Menelao.
Elena venne poi rapita da Paride, principe troiano, mentre era ospite nella casa reale a Sparta, e violando così la sacra ospitalità dei Greci.
Il patto di solidarietà stabilito tra gli aspiranti al matrimonio della donna con Menelao spingerà gli uomini, capeggiati da Agamennone, a dichiarare guerra a Troia e a Paride, con l’obbiettivo di vendicare l’offesa subita e di riportare a casa Elena; questo la renderà causa della guerra tra Achei e Teucri che durerà dieci lunghi anni e sarà motivo di grandi battaglie, onori e lutti.
Non ci sono certezze sulla sua fine; nell'Odissea Elena sembra riconciliata col marito e tornata a Sparta per regnarvi al suo fianco, anche se malvista dai sudditi. Si narra pure che Oreste avesse cercato di ucciderla. Secondo altre versioni ebbe una fine misera e cadde con la città di cui aveva causato la rovina. Altre leggende ancora la pensano divinizzata insieme ai fratelli Castore e Polluce, poiché figli di Zeus.

soprattutto, forse scritta con parole un po' difficili per un bambino di quinta elementare... prometto, nn darò più ripetizioni a bambini che mi chiedono se si scrive qui o quì...:):)

Aggiunto 27 minuti più tardi:

grazie milleeee!!!

cetriolino killer
cetriolino killer - Sapiens - 311 Punti
Salva

http://digilander.libero.it/acqua67/elena.htm
La leggenda narra che Zeus si innamorò di Leda, si trasformò in un cigno e si accoppiò con lei.
Leda generò due uova. Da un uovo sarebbero usciti i Dioscuri, dall'altro uovo Elena.
La nostra bella Elena, fin da giovinetta, fu al centro di numerosi intrighi ad alto contenuto seduttivo ed erotico.
Ad esempio Teseo la rapì che era ancora fanciulla.
Elena era ritenuta la donna più bella del mondo e poiché numerosi erano i suoi pretendenti, Tindaro, marito ufficiale di Leda e padre ufficioso di Elena, volle che fosse la ragazza a scegliersi lo sposo, in base ai gusti suoi.
E questo non solo per modernità di vedute ma perché Tindaro presagiva che se avesse scelto lui questa di scelta avrebbe scatenato molte guerre.
La scelta di Elena cadde su Menelao, re di Sparta.
Nel frattempo, Paride, un giovane bellissimo, è al centro di una scommessa: tre dee, Era Atena ed Afrodite, chiedono a lui di dire quale sia la più bella tra le tre. Ed ognuna di loro, sottobanco, è pronta ad offrire regali e ricompense, insomma, vogliono comprare il voto di Paride. Afrodite gli promise la più bella delle donne: Elena e Paride sceglie Afrodite che gli orchestra il rapimento di Elena.
La storia la sappiamo tutti. Menelao va a Troia, rade al suolo la città e si riporta a casa la moglie.
In alcune versioni Elena è una fedifraga che Menelao perdona lo stesso, in altre è una povera vittima rapita da Paride che piange e implora gli dei che la facciano tornare a casa.

perché Elena era la più bella delle donne?
Intanto è figlia di un dio, e che dio: Zeus in persona. Poi possiede la metis, ovvero l'astuzia. E poi è una grande seduttrice.
Di lei si sa che non invecchiò mai, che usava droghe e che sapeva modulare la voce.
Fisicamente era possente, maestosa, aveva chiome inanellate, capigliatura nera e fluente, simile a quella di Circe, da cui Elena non aveva proprio nulla da imparare.
Per farvi capire che tipo fosse Elena vi racconto due episodi poco conosciuti.
Quando Ulisse è dentro al Cavallo di Troia l'unica che intercetta la manovra bellica fatta con l'inganno è proprio Elena e rischia di mandarlo a rotoli. Si avvicina al cavallo di legno e lo palpeggia. Poi modula la voce come fosse una sirena e imita la voce di tutte le mogli dei soldati che stanno dentro al cavallo, compresa quella di Penelope. I poveri soldati che da mesi sono lontani da casa si vogliono buttare giù dal cavallo perché credono di sentire le loro mogliettine che li chiamano. Ulisse li tiene fermi perché sa che è Elena ad aver escogitato il trucco per smascherarli e mandare all'aria il piano. Elena in questo caso usa la voce come forma di seduzione, esattamente come le sirene e come la maga Circe.

Elena è ormai a casa da Menelao che pur di riprendersela ha raso al suolo Troia. Arriva Telemaco, figlio di Ulisse, a chiedere aiuto a Menelao. Da Troia sono tornati tutti i soldati, tranne suo padre. Elena è nascosta e ascolta le lamentele di Telemaco. La situazione è grave: è per colpa sua che hanno fatto la guerra di Troia, è per colpa sua che Ulisse non torna.
prende, un nepente che ha il potere di allontanare il dolore e di cancellare la memoria e lo versa nel vino che offre a Telemaco. Anche in questo caso si comporta come Circe, la maga. Insomma, la bellezza fisica è importante per i greci ma ci deve essere qualcos'altro. Che non è il fascino come lo intendiamo noi. Per i greci Elena è bella perché incanta, usa la voce, è astuta, macchinosa, raggira gli uomini.

puoi guardare sul primo sito opure leggi il testo. comunque quello che hai scritto tu mi sembra abbastanza completo...

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email