superme
superme - Ominide - 48 Punti
Salva
nn ho mai capito come si fa (anche se so quasi tutti i complementi e le altre robe)
Celeste93
Celeste93 - Erectus - 139 Punti
Salva

La sintassi (dal greco syntaxis, unione o ordinamento) studia il modo in cui le parole si combinano tra loro per formare le frasi. L’analisi logica rimette assieme i vari «mattoni» evidenziando il ruolo che essi svolgono nella formulazione del pensiero.
Tradizionalmente si distingue fra analisi logica della frase semplice o proposizione e analisi della frase complessa o periodo.
L’analisi della proposizione consiste nell’individuare i rapporti fra i vari elementi della frase, cioè la loro funzione logica: soggetto, predicato, complemento oggetto (o diretto), complementi indiretti, attributi e apposizioni.
L’analisi del periodo consiste nel determinare i rapporti esistenti fra le varie frasi semplici che compongono il periodo: si individua la frase reggente o principale e quelle subordinate o dipendenti, o quelle coordinate, designandone il tipo di rapporto coordinante o subordinante implicito o esplicito, il grado, la funzione logica svolta.
Analisi della proposizione
Il soggetto è l’elemento che compie l’azione; qualunque parte del discorso sostantivata può essere soggetto, ma nella maggior parte dei casi è un nome. Può essere sottinteso.
Il predicato è il verbo, nel predicato verbale, o la copula e la parte nominale, nel predicato nominale. Non è sottinteso, a meno che non si tratti di un periodo nominale (come nei titoli dei giornali: Trattative USA-Eltsin sull’intervento in Iraq).
Il complemento oggetto è ciò su cui va a finire l’azione: risponde alla domanda «chi, che cosa». Nella forma passiva diventa soggetto, mentre il soggetto diviene complemento d’agente (o di causa efficiente se è inanimato). Si lega al verbo senza preposizioni. Esempi: Giovanni mangia la mela; La mela è mangiata da Giovanni.
I complementi indiretti si legano al verbo mediante preposizioni, ad esempio: complemento di termine (a chi, che cosa?), di specificazione (di chi, che cosa?), di mezzo (per mezzo di chi, cosa?), di luogo (stato, moto a, moto da, moto attraverso luogo), di tempo (determinato o continuato), di modo o maniera (come?: sono spesso avverbi o locuzioni avverbiali), di limitazione (rispetto a che?), di argomento (su chi, cosa?), ecc.
Gli aggettivi in analisi logica vengono chiamati attributi in quanto servono ad attribuire una qualità al nome cui si riferiscono.
Il nome che accompagna un altro nome per meglio determinarlo è un’apposizione. Esempi: L’Imperatore Augusto governò...; Anna, ragazza diligente, ha sempre...

Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Salva

esistono anche siti su cui esercitarti ti consiglio di cliccare qui_
http://www.scuolaelettrica.it/primaria/italiano/analisi.htm

e poi provare fare esercizi qui:
http://space.cinet.it/cinetclub/emmegi/matematica/altrematerie/analisilogica.htm

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email