• Italiano
  • Analisi e commento de "Il Bisogno" di Parini

    closed post best answer
coco96
coco96 - Eliminato - 4 Punti
Salva
Ragazzi potreste aiutarmi a svolgere queste richieste?
1) Analizza e commenta "Il Bisogno" di Parini
2) Punti di contatto con il "Dei delitti e delle pene" di Beccaria
3) confronto generale con le altre odi di Parini
Grazie mille in anticipo!
sampei171
sampei171 - Genius - 7419 Punti
Salva

Il bisogno è una delle parti delle 19 ODI, composte nella seconda metà del 1700, se non erro tra il 1757 ed il 1799. Possiamo suddividerle in due momenti: il primo momento è quello dove troviamo anche "Il Bisogno", in cui Parini parla delle cose attuali del periodo rifacendosi a tutta la corrente illuminista, usando un linguaggio molto approfondito senza però tralasciare in alcune parti lo sdegno verso la società.
In Il bisogno, Parini analizza la società, mettendo l'accento su 2 fattori principali, ovvero la legge che è usata per punire e non per prevenire i crimini, e la costrizione di molte persone a rubare a causa della forte miseria. Proprio su questo aspetto si sufferma Parini dichiarando senza mezzi termini che per raggiungere la felicità, bisognerebbe impegnarsi ad eliminare la miseria, poichè senza questa, sicuramente ci sarebbe molto meno criminalità.

2) Vedi https://www.skuola.net/libri/beccaria-delitti-pene.html

3) Vedi https://www.skuola.net/settecento-letteratura/700-autori-opere/giuseppe-parini.html


Spero di esserti stato utile. Buona serata

Aggiunto 41 secondi più tardi:

Pardon le odi di Parini sono 25


Questa risposta è stata cambiata da melody_gio (12-06-17 17:57, 3 mesi 15 giorni )
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Pinchbeck

Pinchbeck Moderatore 5120 Punti

VIP
Registrati via email