agnese123
agnese123 - Habilis - 181 Punti
Salva
Vale a dire che ogni civiltà, comunque organizzata, si ritiene la migliore del mondo. E talvolta lo è anche stata: si pensi alla civiltà dei cinesi, che prima degli altri hanno inventato i filatoi, la carta, il compasso e la polvere da sparo. Si pensi anche alla civiltà degli arabi che hanno inventato e costruito splendide moschee per tutto il Mediterraneo, che hanno inventato (o propagato) l' aritmetica moderna, che hanno conservato e poi consegnato a noi la splendida eredità della filosofia greca. Ma anche questo è accaduto qualche tempo fa, sicché si può dire (o pensare): ma adesso però... Sì, risponderebbero gli interessati, ma ieri le abbiamo fatte, queste invenzioni; sicché potremmo rifarle anche domani. Siamo tutt' altro che costituzionalmente incivili o incapaci. Scordiamoci del passato, e puntiamo sul presente: ci accorgeremo che ogni civiltà considera i suoi usi e costumi fra i più progrediti, i più decenti, i più soddisfacenti che ci siano. Consideriamo il ruolo delle donne. «Sicché ci rimproverate perché le nostre vanno in giro tutte coperte, persino nel viso. Ma è per aiutarle a difendere il loro pudore, a custodirlo accuratamente. Saranno mica migliori le vostre donne occidentali che sgambettano per le rassegne di moda semisvestite o svestite del tutto; di talché non vi rimane altro da fare che spellarle per cupidigia, e mangiarle vive; ciò che un giorno o l' altro farete, senz' altro». Meglio le vostre, forse che a quanto ci dicono entrano persino nelle vostre chiese a capo scoperto? Vi pare rispettoso, questo? I vostri progressi, poi: tutti quei frigoriferi, quegli elettrodomestici, quelle televisioni. Che vi conservano o preparano piatti scipiti, che hanno perduto ogni gusto. Avete mai provato i nostri pomodori? Altro che quelli vostri, «in scatola». Controversie come queste si accendono talvolta nei paesini, quando arrivano d' estate i «villeggianti», cioè i figli dei paesani che hanno avuto la fortuna di trasferirsi poi in città. «E la chiamate fortuna, voi? Giusto perché avete le automobili. Ma ce le avete perché le scuole e gli uffici sono lontani». «Ce le avete, le macchine e i tram perché non avete altro modo di coprire le inaudite distanze cittadine. Noi, invece...». A questo punto il solito discorso estivo fra «villeggianti» e paesani prende altre, non prevedibili strade. Va dal sapore del pane fatto in casa, indubbiamente superiore a quello che si compra nel supermercato: sciapo, insipido, al sapore della pasta cotta in casa, incomparabilmente migliore di quella cucinata nella frettolosa pentola a pressione. Finché non si arriva all' arma decisiva, che i giovanotti del paese hanno tenuto in serbo fino all' ultimo. Quest' arma è quanto di più invisibile, quanto di più incorporeo ci sia in giro: è l' aria. «E non vorrete negare che vi piace la nostra incomparabile aria: così rinfrescante d' estate, così tiepida e carezzevole e soprattutto "pura" d' inverno». In proposito c' è la storia sembra vera, vera di certo di quell' inventivo «paesano» che trasferitosi in America ai tempi della grande emigrazione d' inizio secolo fece fortuna portandosi appresso e mettendo in vendita una gran quantità di bottiglie sigillate automaticamente col tappo e provviste di regolare, vistosa etichetta. L' etichetta assicurava che quelle bottiglie provenienti dall' Italia non contenevano vino, né aceto, né pomodori. Contenevano «aria di Ragusa», oppure «aria di Gela», ovvero «aria di Caltanissetta». Che i nostri emigrati da Gela, da Ragusa, da Caltanissetta nei momenti di sconforto stappavano per abbeverarsi di quell' aria inconfessabile, incomparabile che a pieni polmoni respiravano.Riflettesulla storia dei popoli, poi rove a fare altri esempi, per dimostrare che le cose camabiano, che nel tempo una città una nazione o una civiltà può svilupparsi o decadere. Cosa posso risponderee aiutatemi.
sampei171
sampei171 - Genius - 7419 Punti
Salva
bè io metterei come esempio per antonomasia l'italia, nel dopoguerra e fino a circa il 1975 tantissimi italiani sono emigrati in germania ed in america per riuscire a fare "fortuna" e a sopravvivere, ora la cosa cambia, in italia si sta benino, infatti vengono ogni giorno tantissimi emigrati dall'africa in italia per scappare alla povertà. D'altro canto molti italiani scappano ancora oggi dall'italia per la mancanza di lavoro
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV

In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di settembre
Vincitori di settembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email