• Italiano
  • aiuto per poesia di E. Montale

burden
burden - Ominide - 10 Punti
Rispondi Cita Salva

provo difficoltà nell'analizzare la poesia Addii, fischi nel buio, cenni, tosse di Eugenio Montale. vorrei un aiuto nella parafrasi nel commento e nella ricerca di figure retoriche.

Addii, fischi nel buio, cenni, tosse.

Addii, fischi nel buio, cenni, tosse
e sportelli abbassati. E' l'ora. Forse
gli automi hanno ragione. Come appaiono
dai corridoi, murati!
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

- Presti anche tu alla fioca
litania del tuo rapido quest'orrida
e fedele cadenza di carioca? -

salsiccia
salsiccia - Ominide - 2 Punti
Rispondi Cita Salva

a me piace questo commento: "È il quinto mottetto, e certo Montale non ne scrisse uno piú bello, piú, pensatamente, perfetto. Nessuno indugio; e per affrettare o mantenere i tempi (i tempi giusti) ha tolto ogni legamento descrittivo, e vi ha messo una pausa, come una sospensione, indicata da quei puntolini. Le due parti sono come attratte, e la pausa, la sospensione le separano e insieme le avvicinano: basta che un momento il lettore misuri lo spazio, musicalissimo, che corre tra l'una e l'altra. Questa è poesia che veramente dura, con tutto il suo naturale peso, dal principio alla fine: il poeta in tutto presente, il fuoco dell'invenzione scoppiante da ogni parola o immagine, e fermarsi a tempo. Forse gli automi hanno ragione: il dolore, il dolore che impetra! E vedi quegli automi, come appaiono dai corridoi, murati. Allora quella parola addii grida e si dispera; e quei fischi, quei cenni, quegli sportelli abbassati, quel buio sono tanti strappi alla passione del distacco. Ecco è l'ora: Il cerchio si chiude (addii.... è l'ora). Ed ecco l'espressione di questa infelicità del dirsi addio: forse gli automi hanno ragione. Bruciata è ogni descrizione. Senti il correre del treno come fosse un lamento (fioca litania): prestì anche tu ... ?. L'uno ora parla all'altro. Presti anche tu alla fioca litania del tuo rapido quest'orrida - e fedele cadenza di carioca?. Il dolore di sasso, il dolore represso, ecco sfogarsi, allentarsi un poco, piú che nelle parole, nell'interrogativo che fa precipitare le parole. Orrida, orrida cadenza, ma fedele. Il poeta non ha altro conforto, e veramente non potrebbe essere piú solo" (G. De Robertis).

Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Ragazzi citate la fonte se prendete contenuti dal Web.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email