• Inglese
  • traduzione inglese-italiano..aiutoo

    closed post
ciaohello
ciaohello - Eliminato - 4 Punti
Salva

Mannerism is the term applied to certain aspects of artistic style, mainly Italian, in the period between the High Renaissance of the early 16th century and the beginnings of Baroque art in the early 17th. From the third decade of the 16th century, political and religious tensions erupted violently in Italy, particularly in Rome, which was sacked in 1527 by the imperial troops of Charles V. The school of Bramante and Raphael, which had produced the High Renaissance style, was dispersed throughout Italy as the artists fled from devastated Rome. Mannerism appeared and prevailed in some regions until the end of the 16th century, when the Baroque style developed. Mannerism was antithetical to many of the principles of the High Renaissance. In place of harmony, clarity, and repose it was characterized by extreme sophistication, complexity, and novelty. Mannerist architects were no less interested in ancient classical architecture than were their predecessors, but they found other qualities in ancient Roman architecture to exploit. In fact, they often displayed an even greater knowledge of antiquity than did earlier artists.
For Vasari, as a practicing Mannerist architect, the same criteria of stylishness in design could be applied to a building as to a work of painting or sculpture. Vasari designed and built for an educated elite, one that would appreciate both his understanding of the rules of Roman architecture and the ingenious liberties that he took with these rules. Florentine and Roman 16th-century architecture is characterized by a secular cleverness--a building was judged on elegance, ingenuity, and variety of form.

The change in style between the High Renaissance and Mannerism can be seen in the work of Baldassarre Peruzzi, who was active in both periods. Unlike his High Renaissance Villa Farnesina, Peruzzi's design for the Palazzo Massimo alle Colonne (about 1535) in Rome shows indications of Mannerism . The facade of the palace was curved to fit the site on which it was erected; instead of remaining the passive form it had been in the earlier phases of Renaissance architecture, the wall surface was beginning to assert itself. The classical order is limited to the ground floor of the palace; the upper three stories have imitation drafted stonework made of brick covered with stucco, inscribed to feign stone coursing. Under these three stories in the centre of the facade is a loggia or colonnade, which seems of questionable adequacy as a support for the apparent load. The second story has rectangular windows crowned by Peruzzi's usual neat lintel supported on volutes, but the windows of the upper two stories are set horizontally with rather elaborate curvilinear moldings about them. There is, therefore, no longer a harmonious balance among the various stories. The architecture shows a greater emphasis on decorative qualities than on the expression of structural relationships.

After the resolved classical order and measured harmony of Bramante's High Renaissance buildings, two main, though interwoven, directions of Mannerist development become apparent. One of these, emanating largely from Peruzzi, relied upon a detailed study of antique decorative motifs--grotesques, classical gems, coins, and the like--which were used in a pictorial fashion to decorate the plane of the facade. This tendency was crystallized in Raphael's Palazzo Branconio dell'Aquila (destroyed) at Rome, where the regular logic of a Bramante facade was abandoned in favour of complex, out-of-step rhythms and encrusted surface decorations of medallions and swags. The detailed archaizing elements of this manner were taken up later by Pirro Ligorio, by the architects of the Palazzo Spada in Rome, and by Giovanni Antonio Dosio.

The second trend exploited the calculated breaking of rules, the taking of sophisticated liberties with classical architectural vocabulary. Two very different buildings of the 1520s were responsible for initiating this taste, Michelangelo's Laurentian Library in Florence and the Palazzo del Te by Giulio Romano in Mantua. Michelangelo's composition relies upon a novel reassembly of classical motifs for plastically expressive purposes, while Giulio's weird distortion of classical forms is of a more consciously bizarre and entertaining kind. The various exterior aspects of the Palazzo del Te provide a succession of changing moods, which are contrived so as to retain the surprised attention of the spectator rather than to present him with a building that can be comprehended at a glance. In the courtyard the oddly fractured cornice sections create an air of ponderous tension, whereas the loggia is lightly elegant. Similarly, the illusionistic decoration of the interior runs the full gamut from heavy (if self-parodying) tragedy to pretty delicacy. Giulio also created a series of contrived vistas, through arches and doors, much like that later projected by Michelangelo for the Palazzo Farnese in Rome. Such management of scenic effects became one of the hallmarks of later Mannerist architecture.

Increasingly, architecture, sculpture, and walled gardens came to be regarded as part of a complex (but not unified) whole. In the Villa Giulia (c. 1550-55), the most significant secular project of its time, Vasari appears to have been in charge of the scenic integration of the various elements; Giacomo da Vignola designed part of the actual building, while the Mannerist sculptor Bartolommeo Ammanati was largely responsible for the sculptural decoration. In spite of the continuous stepped vista, the building makes its impact through a succession of diverse effects rather than by mounting up to a unified climax. There, and in Vasari's design for the Uffizi Palace (1560), the vista seems to have been based upon the supposed style of antique stage sets, as interpreted by Peruzzi. It is not surprising that the Venetian architect Andrea Palladio came closest to achieving a fully Mannerist style in his Teatro Olimpico at Vicenza, where the receding vistas and rich sculptural details create an effect of extraordinary complexity. Similarly, it is not surprising that the greatest of the later Mannerist architects in Florence, Bernardo Buontalenti, should have been an acknowledged master of stage design. He was employed at the Medici court as a designer of grandly fantastic ephemera--mock river battles and stage intermezzi (interval entertainments) in which elaborate stage machinery effected miraculous transformations, figures descending from the clouds to slay dragons that spouted realistic blood, followed by music and dance all'antica. As a garden designer, Buontalenti enriched the traditional formal schemes with entertaining diversions, in which water often played a prominent role--either in fountains or in wetting booby traps for the strolling visitor. Buontalenti's buildings possess much of this capricious spirit in addition to his brilliantly inventive command of fluently plastic detailing.

In their treatment of detail, 16th-century Florentine architects inevitably looked toward Michelangelo as their example of innovative genius. Michelangelo's Medici Chapel in San Lorenzo was executed, in Vasari's opinion, "in a style more varied and novel than that of any other master," and "thus all artists are under a great and eternal obligation to Michelangelo, seeing that he broke the fetters and chains that had earlier confined them to the creation of traditional forms." By Vasari's time the Mannerist quest for novelty had reached a thoroughly self-conscious level.

Michelangelo's later architecture in Rome was more restrained than his Florentine works. In 1546 he was commissioned to complete St. Peter's Basilica in Rome, succeeding Antonio da Sangallo the Younger. During the next 18 years he was able to complete most of his design for the church, except the facade and great dome above. In plan he returned to a central-plan church reminiscent of Bramante's first project but with fewer parts. Michelangelo's elevation, still visible at the rear or sides of the church, is composed of gigantic pilasters and a rather high attic story. Between the pilasters are several stories of windows or niches. Unlike the harmonious orders and openings of the High Renaissance, these are constricted by the pilasters so that a tension is created in the wall surface. Michelangelo planned a tremendous semicircular dome on a drum as the climax of the composition. Engravings of his original project suggest that this dome would have been overwhelming in relation to the rest of the design. The great central dome was executed toward the end of the 16th century by Michelangelo's follower, Giacomo della Porta, who gave a more vertical expression to the dome by raising it about 25 feet higher than a semicircle. In the early 17th century, the Baroque architect Carlo Maderno added a large nave and facade to the front of the church, converting it into a Latin cross plan and destroying the dominating quality of the dome, at least from the exterior front.

Early Mannerism in northern Italy developed out of the dissolution of the school of Bramante after 1527. Giulio Romano, the chief assistant of Raphael, became court artist and architect in the city of Mantua. With the works of Galeazzo Alessi of Genoa, Leone Leoni of Milan, and Sebastiano Serlio of Bologna, Mannerist architecture gained a firm hold. In 1537 Serlio began to publish his series of books on architecture, in which antiquity was examined through Mannerist eyes and a series of pattern-book Mannerist designs was provided. Three years later, Serlio joined the Italian Mannerist painter Francesco Primaticcio at Fontainebleau, where he helped to consolidate the early acceptance of Mannerist ideals in France. In the work of Alessandro Vittoria, the influence of central Italy was pronounced. His heavy ceiling moldings are composed of classical motifs and bold strapwork. The north's taste for bizarre fancies--such as Vittoria's fireplace for the Palazzo Thiene--was often in advance of that in Rome and Florence.

Even Venice proved to be quickly susceptible to the clever tricks of Mannerist license. Michele Sanmicheli, a pupil of Bramante and Antonio da Sangallo the Younger, returned after the sack of Rome to his native town of Verona and later went to Venice, where his architecture shows a clear awareness of Giulio Romano's Mantuan experiments. Another prominent architect in Venice was the Florentine sculptor Jacopo Sansovino, who also had fled to the north from Rome after the sack. Sansovino's architecture, as represented by the Loggetta (1537-40) at the foot of St. Mark's campanile or by the Old Library of St. Mark's (Libreria Vecchia [1536-88]), is rich in surface decorative qualities. The library has two stories of arcades; it has no basement but merely three low steps, so as to match the Gothic Palazzo Ducale opposite it. The upper entablature is extremely heavy, equaling half the height of the Ionic columns on which it rests. The rich application of relief sculpture with no unadorned wall surfaces creates this decorative quality, which has only superficial affinities with Florentine Mannerism.

This period of free and decorative Mannerism was followed by a more restrained classical architecture seen to perfection in the work of one of the greatest architects of the Renaissance, Andrea Palladio. The city of Vicenza, not far from Venice, was almost completely rebuilt with edifices after his design, including the basilica or town hall (1549) and the Loggia del Capitaniato (1571), as well as many private palaces. In the varied design of these buildings and in numerous villas in the Venetian mainland around Vicenza, Palladio brilliantly demonstrated the versatility of a range of neo-antique formulas. The Villa Capra or Rotonda (1550-51; with later changes) is magnificent in its simplicity and massing. In the centre of a cubelike block (typical of most Palladian villas) is a circular hall, and on all four sides are projecting classical temple fronts as porticoes, resulting in an absolute classical symmetry in the plan. In Venice, Palladio built several churches, all with the Latin-cross plan and rather similar facades. San Giorgio Maggiore (1566-1610) has a Roman temple front, on four giant half columns, applied to the centre of the facade; abutting the sides are two half temple fronts with smaller coupled pilasters. The resulting composition suggests the interpenetration of two complete temple fronts in a Mannerist way, since the elements of the composition are less independent than they would be in High Renaissance architecture. Also typical of Mannerism is the way in which the interior space, instead of being classically confined, is permitted to escape through a colonnaded screen behind the sanctuary into a large choir at the rear. Palladio's greatest fame rests on his treatise I quattro libri dell'architettura (1570; Four Books on Architecture).

The most important architect of this period in Rome is Giacomo da Vignola, who wrote a treatise, Regola delli cinque ordini d'architettura (1562; "Rule of the Five Orders of Architecture";), devoted solely to a consideration of the architectural orders and their proportions. Like Palladio's book, Vignola's Regola became a textbook for later classical architecture.

Of his many buildings the project for the church of Il Gesù; (1568) at Rome, the central church of the Jesuit Order, was very influential on the later history of architecture. The plan is a Latin cross with side chapels flanking the nave, but the eastern end is a central plan, capped by a dome. Il Gesù's plan was imitated throughout Europe, but especially in Italy, during the early Baroque period of the 17th century. Vignola built the church except for its facade, which was executed by Giacomo della Porta. Della Porta, inspired by Vignola's original design, created a facade concentrated toward its centre, which, like the plan, was the prototype for most early Baroque facades of the late 16th and 17th century.

Ali Q
Ali Q - Mito - 24463 Punti
Salva
Non ti sembra un pochino lunga questa traduzione? Per tradurre questo brano ci vorrebbero come minimo delle ore!
Non credo che la tua insegnante ti abbia chiesto di tradurre un testo così lungo tutto in una volta: credo piuttosto che ti servirebbe la traduzione per capire ciò che stai leggendo.
Su, prova a fare uno sforzo cercando di leggere questo testo da solo: vedrai che non è così terribile!

P.S. Credo che, dopo aver postato un testo così lungo da tradurre, un grazie ci sarebbe stato bene, no?
Giusi :) Glem
Giusi :) Glem - Erectus - 133 Punti
Salva

Manierismo è il termine applicato ad alcuni aspetti dello stile artistico, principalmente italiane, nel periodo tra il Rinascimento del secolo 16 ° e gli inizi dell'arte barocca nei primi anni 17. Dal terzo decennio del 16 ° secolo, tensioni politiche e religiose eruttò violentemente in Italia, in particolare a Roma, che fu saccheggiata nel 1527 dalle truppe imperiali di Carlo V. La scuola di Bramante e Raffaello, che aveva prodotto lo stile Rinascimento, è stato disperso in tutta Italia come gli artisti fuggiti da Roma devastata. Manierismo è apparso e ha prevalso in alcune regioni fino alla fine del 16 ° secolo, quando lo stile barocco sviluppato. Manierismo era antitetica a molti dei principi del Rinascimento. In luogo di armonia, chiarezza, e il riposo è stato caratterizzato da estrema raffinatezza, la complessità e novità. Architetti manieristi non erano meno interessati nell'antica architettura classica che erano i loro predecessori, ma hanno trovato altre qualità in architettura romana da sfruttare. In realtà, spesso visualizzata una conoscenza ancora maggiore di antichità di fatto gli artisti precedenti.
Per Vasari, come architetto manierista pratica, gli stessi criteri di eleganza nel design potrebbe essere applicata ad un edificio come ad un lavoro di pittura o scultura. Vasari progettato e costruito per una élite colta, quella che avrebbe apprezzare sia la sua comprensione delle regole dell'architettura romana e le libertà ingegnose che ha preso con queste regole. Fiorentina e Romana 16 ° secolo l'architettura è caratterizzata da una intelligenza laica - un edificio è stato giudicato l'eleganza, l'ingegno, e la varietà della forma.

Il cambiamento di stile tra il Rinascimento e il Manierismo può essere visto in opera di Baldassarre Peruzzi, che fu attivo in entrambi i periodi. A differenza del suo Alto rinascimento Villa Farnesina, il design Peruzzi per il Palazzo Massimo alle Colonne (circa 1535) a Roma mostra le indicazioni del Manierismo. La facciata del palazzo è stato curvato in modo da adattare il sito sul quale è stato eretto, invece di rimanere la forma passiva era stata nelle fasi precedenti di architettura rinascimentale, la superficie della parete cominciava ad affermarsi. L'ordine classico si limita al piano terra del palazzo, i tre piani superiori sono in pietra imitazione redatto in mattoni ricoperto di stucco, iscritta fingere coursing pietra. In queste tre storie al centro della facciata è una loggia o colonnato, che sembra di adeguatezza discutibile come supporto per il carico apparente. La seconda storia ha finestre rettangolari sormontate da Peruzzi al solito architrave ordinato supportato volute, ma le finestre dei due piani superiori sono disposti in orizzontale con modanature curvilinee piuttosto elaborate su di loro. Vi è, quindi, non più un equilibrio armonioso tra le varie storie. L'architettura presenta una maggiore enfasi sulla qualità decorative che sulla espressione di relazioni strutturali.

Dopo aver risolto l'ordine classico e misurato l'armonia degli edifici del Bramante Rinascimento, due principali, anche se intrecciati, direzioni di sviluppo manierista diventano evidenti. Uno di questi, provenienti in gran parte da Peruzzi, invocato uno studio dettagliato di antichi motivi decorativi - grottesche, gemme classiche, monete, e simili - che sono stati utilizzati in maniera pittorica per decorare il piano della facciata. Questa tendenza è stata cristallizzata in Raffaello Palazzo Branconio dell'Aquila (distrutta) a Roma, dove fu abbandonata la logica regolare di una facciata Bramante a favore del complesso, out-of-passo ritmi e decorazioni superficiali incrostato di medaglioni e festoni. Gli elementi dettagliati arcaizzanti di questo modo sono stati ripresi più tardi da Pirro Ligorio, dagli architetti del Palazzo Spada a Roma, e da Giovanni Antonio Dosio.

La seconda tendenza sfruttato la rottura delle regole di calcolo, la presa delle libertà sofisticate con la classica vocabolario architettonico. Due edifici molto diversi del 1520 erano responsabili per l'avvio di questo gusto, Biblioteca Medicea Laurenziana di Michelangelo a Firenze e il Palazzo del Te di Giulio Romano a Mantova. La composizione di Michelangelo si basa su un romanzo di riassemblaggio motivi classici a fini espressivi plasticamente, mentre la distorsione strano Giulio di forme classiche è di tipo più consapevolmente bizzarro e divertente. I vari aspetti esteriori del Palazzo Te offrono una successione di stati d'animo mutevoli, che sono inventato in modo da mantenere l'attenzione dello spettatore sorpreso piuttosto che regalargli un edificio che può essere compreso a colpo d'occhio. Nel cortile le sezioni stranamente fratturate cornicione creare un clima di pesante tensione, mentre la loggia è leggermente elegante. Allo stesso modo, la decorazione illusionistica degli interni spazia completo da pesanti (se auto-parodia), tragedia alla delicatezza abbastanza. Giulio ha anche creato una serie di vedute artificiose, attraverso archi e porte, molto simile a quello seguito progettata da Michelangelo per il Palazzo Farnese a Roma. Tale gestione degli effetti scenici divenne uno dei tratti distintivi della successiva dell'architettura manierista.

Sempre più spesso, architettura, scultura e murato giardini venuto a essere considerato come parte di un complesso (ma non unificato) tutto. Nella Villa Giulia (c. 1550-55), il progetto più significativo laica del suo tempo, Vasari sembra essere stato incaricato di integrazione paesaggistica dei vari elementi; Giacomo da parte del Vignola progettato l'edificio attuale, mentre il manierista Bartolommeo Ammannati scultore era in gran parte responsabile per la decorazione scultorea. Nonostante la continua vista gradini, la costruzione rende il suo impatto attraverso una successione di effetti diversi piuttosto che da montare a un apice unificato. Lì, e nel disegno del Vasari per il Palazzo degli Uffizi (1560), la vista sembra essere basata sul presunto stile di scenografie teatrali antichi, come interpretato dalla Peruzzi. Non sorprende che l'architetto veneto Andrea Palladio era più vicina a raggiungere uno stile pienamente manierista nel suo Teatro Olimpico di Vicenza, dove le prospettive sfuggenti e ricchi dettagli scultorei creare un effetto di straordinaria complessità. Allo stesso modo, non è sorprendente che il più grande degli architetti manieristi poi a Firenze, Bernardo Buontalenti, avrebbe dovuto essere un maestro riconosciuto della scenografia. E 'stato impiegato presso la corte medicea come progettista di grandiosamente fantastico ephemera - finte battaglie del fiume e lo stadio intermezzi (spettacoli intervallo) in cui le macchine elaborate fase effettuata miracolose trasformazioni, le figure che scendono dalle nuvole di uccidere draghi che zampillava sangue realistico, seguita da musica e danza all'antica. Come designer giardino, Buontalenti arricchito i tradizionali schemi formali con diversivi divertenti, in cui l'acqua spesso giocato un ruolo di primo piano - sia nelle fontane o in bagnare trappole per i visitatori passeggiare. Buontalenti edifici in possesso di gran parte di questo spirito capriccioso, oltre al suo comando brillante inventiva di dettagliare fluente plastica.

In loro trattamento di dettaglio, architetti fiorentini 16 ° secolo inevitabilmente guardò verso Michelangelo, come il loro esempio di genio innovatore. Michelangelo Cappella dei Medici in San Lorenzo è stata eseguita, a giudizio del Vasari, "in uno stile più vario e il romanzo di quella di qualsiasi altro maestro," e "in tal modo tutti gli artisti hanno l'obbligo grande ed eterno a Michelangelo, visto che ha rotto le catene e catene che li aveva in precedenza confinate alla creazione di forme tradizionali. " Al tempo del Vasari la ricerca manierista di novità aveva raggiunto un ben consapevole livello.

Architettura di Michelangelo in seguito a Roma è stata più contenuta che le sue opere fiorentine. Nel 1546 fu incaricato di completare la Basilica di San Pietro a Roma, succedendo a Antonio da Sangallo il Giovane. Durante i prossimi 18 anni è stato in grado di completare la maggior parte del suo progetto per la chiesa, ad eccezione della facciata e la grande cupola sopra. Nel piano ha rinviato ad una pianta centrale che ricorda la chiesa del primo progetto del Bramante, ma con minor numero di parti. Elevazione di Michelangelo, ancora visibile sul retro o sui lati della chiesa, è composta da pilastri giganteschi e una storia soffitta piuttosto elevato. Tra i pilastri sono diverse storie di finestre o nicchie. A differenza degli ordini armoniosi e le aperture del Rinascimento, questi sono costretti dai pilastri in modo che una tensione si crea nella superficie del muro. Michelangelo progettò una cupola enorme semicircolare su un tamburo, come il culmine della composizione. Stampe del suo progetto originario suggeriscono che questa cupola sarebbe stato schiacciante rispetto al resto del disegno. La grande cupola centrale è stato eseguito verso la fine del 16 ° secolo da seguace di Michelangelo, Giacomo della Porta, che ha dato un'espressione più verticale alla cupola con l'elevamento circa 25 metri più alto di un semicerchio. Agli inizi del 17, l'architetto barocco Carlo Maderno aggiunse una grande navata e la facciata verso la parte anteriore della chiesa, trasformandola in una pianta a croce latina e distruggere la qualità dominante della cupola, almeno dal fronte esterno.

All'inizio del Manierismo del nord Italia sviluppato dalla dissoluzione della scuola del Bramante dopo il 1527. Giulio Romano, l'assistente capo di Raffaello, fu artista di corte e architetto nella città di Mantova. Con le opere di Galeazzo Alessi di Genova, Leone Leoni di Milano, e Sebastiano Serlio di Bologna, l'architettura manierista acquisito una presa più salda. Serlio nel 1537 cominciò a pubblicare la sua serie di libri di architettura, in cui è stato esaminato attraverso gli occhi di antichità manieriste e una serie di pattern-book disegni manieristi sono state fornite. Tre anni più tardi, Serlio aderito italiana pittore manierista Francesco Primaticcio a Fontainebleau, dove ha contribuito a consolidare l'accettazione degli ideali primi manieristi in Francia. Nell'opera di Alessandro Vittoria, l'influenza del centro Italia è stato pronunciato. I suoi pesanti modanature del soffitto sono composti di motivi classici e strapwork grassetto. Il gusto del nord per fantasie bizzarre - come camino Vittoria per il Palazzo Thiene - era spesso in anticipo che a Roma e Firenze.

Anche Venezia si è dimostrato essere rapidamente sensibili agli abili trucchi di licenza manierista. Michele Sanmicheli, allievo di Bramante e Antonio da Sangallo il Giovane, restituita dopo il sacco di Roma alla sua città natale di Verona e poi è andato a Venezia, dove la sua architettura presenta una chiara consapevolezza di esperimenti mantovani Giulio Romano. Un altro noto architetto in Venezia era dello scultore fiorentino Jacopo Sansovino, che pure erano fuggiti a nord da Roma dopo il sacco. L'architettura del Sansovino, come rappresentato dalla Loggetta (1537-1540), ai piedi del campanile di San Marco o dalla Old Library di San Marco (Libreria Vecchia [1536-1588]), è ricco di qualità delle superfici decorative. La biblioteca dispone di due piani di arcate, non ha scantinato, ma soltanto tre gradini bassi, in modo da corrispondere il gotico Palazzo Ducale di fronte. Il cornicione superiore è estremamente pesante, eguagliando metà dell'altezza delle colonne ioniche su cui poggia. L'applicazione ricca di scultura in rilievo, senza pareti disadorne crea questa qualità decorativa, che ha solo superficiali affinità con manierismo fiorentino.

Questo periodo di manierismo libero e decorativa è stata seguita da una architettura più sobrio classico rivisitato alla perfezione nel lavoro di uno dei più grandi architetti del Rinascimento, Andrea Palladio. La città di Vicenza, non lontano da Venezia, è stata quasi completamente ricostruita con edifici dopo la sua progettazione, tra cui la basilica o municipio (1549) e la Loggia del Capitaniato (1571), così come molti palazzi privati. Nella progettazione di questi edifici variegato e in numerose ville della terraferma veneziana intorno a Vicenza, Palladio ha brillantemente dimostrato la versatilità di una serie di neo-antiche formule. La Capra o Villa Rotonda (1550-1551, con successive modifiche) è magnifica nella sua semplicità e volumetrie. Nel centro di un blocco cubelike (tipico delle ville palladiane più) è una sala circolare, e su tutti e quattro i lati sono proiettando fronti tempio classico come portici, risultando in una simmetria assoluta classica nel piano. A Venezia, Palladio costruisce numerose chiese, tutte con la pianta a croce latina e facciate piuttosto simili. San Giorgio Maggiore (1566-1610) ha un frontale tempio romano, su quattro mezze colonne giganti, applicato al centro della facciata, ai lati adiacenti sono due fronti mezzo del tempio con lesene accoppiate più piccoli. La composizione risultante suggerisce la compenetrazione di due fronti tempio completi in modo manieristico, in quanto gli elementi della composizione sono meno indipendenti di quanto lo sarebbero in High architettura rinascimentale. Anche tipico del Manierismo è il modo in cui è consentito lo spazio interno, invece di essere classicamente limitata, di fuggire attraverso uno schermo colonnato dietro il santuario in un grande coro nella parte posteriore. Grande fama di Palladio si basa sul suo trattato I Quattro Libri dell'Architettura (1570; Quattro Libri di Architettura).

L'architetto più importante di questo periodo a Roma è Giacomo da Vignola, che scrisse un trattato, Regola delli Cinque Ordini d'Architettura (1562, "Regola dei cinque ordini di Architettura", dedicata esclusivamente ad un esame degli ordini architettonici e la loro proporzioni. come il libro di Palladio, Vignola, Regola è diventato un libro di testo per l'architettura classica tardi.

Dei suoi molti edifici del progetto per la chiesa di Il Gesù; (156 a Roma, la chiesa centrale dell'Ordine dei Gesuiti, fu molto influente sulla storia successiva di architettura La pianta è a croce latina con cappelle laterali che fiancheggiano la navata, ma. l'estremità orientale è a pianta centrale, sovrastata da una cupola. piano Il Gesù è stato imitato in tutta Europa, ma soprattutto in Italia, durante il primo periodo barocco del 17 ° secolo. Vignola costruita la chiesa tranne che per la sua facciata, che è stata eseguita da Giacomo della Porta. Della Porta, ispirata al design originale di Vignola, ha creato una facciata concentrato verso il centro, che, come il piano, è stato il prototipo per la maggior parte delle prime facciate barocche del tardo 16 e 17.

ecco a te :hi :)

Ali Q
Ali Q - Mito - 24463 Punti
Salva

Ciao, Giusi!
Sei stata davvero molto gentile ad eseguire la traduzione. Credo però che tu abbia fatto ricorso ad un traduttore online, mi sbaglio forse? Noterai infatti anche tu che alcune frasi della traduzione non hanno senso, segno tipico di una traduzione fatta ad esempio con google traduttore.
Per poter fare bene una traduzione sarebbe in realtà preferibile utilizzare un semplice vocabolario, altrimenti è facile commettere errori del genere.
Ad ogni modo penso che, anche con qualche erroretto, questa traduzione potrà essere utile a Ciaohello.

tornado98
tornado98 - Habilis - 190 Punti
Salva
certo te piava proprio da tradurre na robba del genere?
come ha detto Ali Q nn penso che la tua prof. ti abbia dato una robba del genere...
edo7.t
edo7.t - Ominide - 2 Punti
Salva

Manierismo è il termine applicato ad alcuni aspetti dello stile artistico, principalmente italiane, nel periodo tra il Rinascimento del secolo 16 ° e gli inizi dell'arte barocca nei primi anni 17. Dal terzo decennio del 16 ° secolo, tensioni politiche e religiose eruttarono violentemente in Italia, in particolare a Roma, che fu saccheggiata nel 1527 dalle truppe imperiali di Carlo V. La scuola di Bramante e Raffaello, che aveva prodotto lo stile Rinascimento, è stato disperso in tutta Italia come gli artisti fuggiti da Roma devastata. Manierismo è apparso e ha prevalso in alcune regioni fino alla fine del 16 ° secolo, quando lo stile barocco sviluppato. Manierismo era antitetica a molti dei principi del Rinascimento. In luogo di armonia, chiarezza, e il riposo è stato caratterizzato da estrema raffinatezza, la complessità e novità. Architetti manieristi non erano meno interessati nell'antica architettura classica che erano i loro predecessori, ma hanno trovato altre qualità in architettura romana da sfruttare. In realtà, spesso visualizzata una conoscenza ancora maggiore di antichità di fatto gli artisti precedenti.
Per Vasari, come architetto manierista pratica, gli stessi criteri di eleganza nel design potrebbe essere applicata ad un edificio come ad un lavoro di pittura o scultura. Vasari progettato e costruito per una élite colta, quella che avrebbe apprezzare sia la sua comprensione delle regole dell'architettura romana e le libertà ingegnose che ha preso con queste regole. Fiorentina e Romana 16 ° secolo l'architettura è caratterizzata da una intelligenza laica - un edificio è stato giudicato l'eleganza, l'ingegno, e la varietà della forma.

Il cambiamento di stile tra il Rinascimento e il Manierismo può essere visto in opera di Baldassarre Peruzzi, che fu attivo in entrambi i periodi. A differenza del suo Alto rinascimento Villa Farnesina, il design Peruzzi per il Palazzo Massimo alle Colonne (circa 1535) a Roma mostra le indicazioni del Manierismo. La facciata del palazzo è stato curvato in modo da adattare il sito sul quale è stato eretto, invece di rimanere la forma passiva era stata nelle fasi precedenti di architettura rinascimentale, la superficie della parete cominciava ad affermarsi. L'ordine classico si limita al piano terra del palazzo, i tre piani superiori sono in pietra imitazione redatto in mattoni ricoperto di stucco, iscritta fingere coursing pietra. In queste tre storie al centro della facciata è una loggia o colonnato, che sembra di adeguatezza discutibile come supporto per il carico apparente. La seconda storia ha finestre rettangolari sormontate da Peruzzi al solito architrave ordinato supportato volute, ma le finestre dei due piani superiori sono disposti in orizzontale con modanature curvilinee piuttosto elaborate su di loro. Vi è, quindi, non più un equilibrio armonioso tra le varie storie. L'architettura presenta una maggiore enfasi sulla qualità decorative che sulla espressione di relazioni strutturali.

Dopo aver risolto l'ordine classico e misurato l'armonia degli edifici del Bramante Rinascimento, due principali, anche se intrecciati, direzioni di sviluppo manierista diventano evidenti. Uno di questi, provenienti in gran parte da Peruzzi, invocato uno studio dettagliato di antichi motivi decorativi - grottesche, gemme classiche, monete, e simili - che sono stati utilizzati in maniera pittorica per decorare il piano della facciata. Questa tendenza è stata cristallizzata in Raffaello Palazzo Branconio dell'Aquila (distrutta) a Roma, dove fu abbandonata la logica regolare di una facciata Bramante a favore del complesso, out-of-passo ritmi e decorazioni superficiali incrostato di medaglioni e festoni. Gli elementi dettagliati arcaizzanti di questo modo sono stati ripresi più tardi da Pirro Ligorio, dagli architetti del Palazzo Spada a Roma, e da Giovanni Antonio Dosio.

La seconda tendenza sfruttato la rottura delle regole di calcolo, la presa delle libertà sofisticate con la classica vocabolario architettonico. Due edifici molto diversi del 1520 erano responsabili per l'avvio di questo gusto, Biblioteca Medicea Laurenziana di Michelangelo a Firenze e il Palazzo del Te di Giulio Romano a Mantova. La composizione di Michelangelo si basa su un romanzo di riassemblaggio motivi classici a fini espressivi plasticamente, mentre la distorsione strano Giulio di forme classiche è di tipo più consapevolmente bizzarro e divertente. I vari aspetti esteriori del Palazzo Te offrono una successione di stati d'animo mutevoli, che sono inventato in modo da mantenere l'attenzione dello spettatore sorpreso piuttosto che regalargli un edificio che può essere compreso a colpo d'occhio. Nel cortile le sezioni stranamente fratturate cornicione creare un clima di pesante tensione, mentre la loggia è leggermente elegante. Allo stesso modo, la decorazione illusionistica degli interni spazia completo da pesanti (se auto-parodia), tragedia alla delicatezza abbastanza. Giulio ha anche creato una serie di vedute artificiose, attraverso archi e porte, molto simile a quello seguito progettata da Michelangelo per il Palazzo Farnese a Roma. Tale gestione degli effetti scenici divenne uno dei tratti distintivi della successiva dell'architettura manierista.

Sempre più spesso, architettura, scultura e murato giardini venuto a essere considerato come parte di un complesso (ma non unificato) tutto. Nella Villa Giulia (c. 1550-55), il progetto più significativo laica del suo tempo, Vasari sembra essere stato incaricato di integrazione paesaggistica dei vari elementi; Giacomo da parte del Vignola progettato l'edificio attuale, mentre il manierista Bartolommeo Ammannati scultore era in gran parte responsabile per la decorazione scultorea. Nonostante la continua vista a gradoni, l'edificio fa il suo impatto attraverso una successione di diversi effetti piuttosto che montare fino a un climax unificato. Lì, e nel disegno del Vasari per il Palazzo degli Uffizi (1560), la vista sembra essere basata sul presunto stile di scenografie teatrali antichi, come interpretato dalla Peruzzi. Non sorprende che l'architetto veneto Andrea Palladio era più vicina a raggiungere uno stile pienamente manierista nel suo Teatro Olimpico di Vicenza, dove le prospettive sfuggenti e ricchi dettagli scultorei creare un effetto di straordinaria complessità. Allo stesso modo, non è sorprendente che il più grande degli architetti manieristi poi a Firenze, Bernardo Buontalenti, avrebbe dovuto essere un maestro riconosciuto della scenografia. E 'stato impiegato presso la corte medicea come progettista di grandiosamente fantastico ephemera - finte battaglie del fiume e lo stadio intermezzi (spettacoli intervallo) in cui le macchine elaborate fase effettuata miracolose trasformazioni, le figure che scendono dalle nuvole di uccidere draghi che zampillava sangue realistico, seguita da musica e danza all'antica. Come designer giardino, Buontalenti arricchito i tradizionali schemi formali con diversivi divertenti, in cui l'acqua spesso giocato un ruolo di primo piano - sia nelle fontane o in bagnare trappole per i visitatori passeggiare. Buontalenti edifici in possesso di gran parte di questo spirito capriccioso, oltre al suo comando brillante inventiva di dettagliare fluente plastica.

In loro trattamento di dettaglio, architetti fiorentini 16 ° secolo inevitabilmente guardò verso Michelangelo, come il loro esempio di genio innovatore. Michelangelo Cappella dei Medici in San Lorenzo è stata eseguita, a giudizio del Vasari, "in uno stile più vario e il romanzo di quella di qualsiasi altro maestro," e "in tal modo tutti gli artisti hanno l'obbligo grande ed eterno a Michelangelo, visto che ha rotto le catene e catene che li aveva in precedenza confinate alla creazione di forme tradizionali. " Al tempo del Vasari la ricerca manierista di novità aveva raggiunto un ben consapevole livello.

Architettura di Michelangelo in seguito a Roma è stata più contenuta che le sue opere fiorentine. Nel 1546 fu incaricato di completare la Basilica di San Pietro a Roma, succedendo a Antonio da Sangallo il Giovane. Durante i prossimi 18 anni è stato in grado di completare la maggior parte del suo progetto per la chiesa, ad eccezione della facciata e la grande cupola sopra. Nel piano ha rinviato ad una pianta centrale che ricorda la chiesa del primo progetto del Bramante, ma con minor numero di parti. Elevazione di Michelangelo, ancora visibile sul retro o sui lati della chiesa, è composta da pilastri giganteschi e una storia soffitta piuttosto elevato. Tra i pilastri sono diverse storie di finestre o nicchie. A differenza degli ordini armoniosi e le aperture del Rinascimento, questi sono costretti dai pilastri in modo che una tensione si crea nella superficie del muro. Michelangelo progettò una cupola enorme semicircolare su un tamburo, come il culmine della composizione. Stampe del suo progetto originario suggeriscono che questa cupola sarebbe stato schiacciante rispetto al resto del disegno. La grande cupola centrale è stato eseguito verso la fine del 16 ° secolo da seguace di Michelangelo, Giacomo della Porta, che ha dato un'espressione più verticale alla cupola con l'elevamento circa 25 metri più alto di un semicerchio. Agli inizi del 17, l'architetto barocco Carlo Maderno aggiunse una grande navata e la facciata verso la parte anteriore della chiesa, trasformandola in una pianta a croce latina e distruggere la qualità dominante della cupola, almeno dal fronte esterno.

All'inizio del Manierismo del nord Italia sviluppato dalla dissoluzione della scuola del Bramante dopo il 1527. Giulio Romano, l'assistente capo di Raffaello, fu artista di corte e architetto nella città di Mantova. Con le opere di Galeazzo Alessi di Genova, Leone Leoni di Milano, e Sebastiano Serlio di Bologna, l'architettura manierista acquisito una presa più salda. Serlio nel 1537 cominciò a pubblicare la sua serie di libri di architettura, in cui è stato esaminato attraverso gli occhi di antichità manieriste e una serie di pattern-book disegni manieristi sono state fornite. Tre anni più tardi, Serlio aderito italiana pittore manierista Francesco Primaticcio a Fontainebleau, dove ha contribuito a consolidare l'accettazione degli ideali primi manieristi in Francia. Nell'opera di Alessandro Vittoria, l'influenza del centro Italia è stato pronunciato. I suoi pesanti modanature del soffitto sono composti di motivi classici e strapwork grassetto. Il gusto del nord per fantasie bizzarre - come camino Vittoria per il Palazzo Thiene - era spesso in anticipo che a Roma e Firenze.

Anche Venezia si è dimostrato essere rapidamente sensibili agli abili trucchi di licenza manierista. Michele Sanmicheli, allievo di Bramante e Antonio da Sangallo il Giovane, restituita dopo il sacco di Roma alla sua città natale di Verona e poi è andato a Venezia, dove la sua architettura presenta una chiara consapevolezza di esperimenti mantovani Giulio Romano. Un altro noto architetto in Venezia era dello scultore fiorentino Jacopo Sansovino, che pure erano fuggiti a nord da Roma dopo il sacco. L'architettura del Sansovino, come rappresentato dalla Loggetta (1537-1540), ai piedi del campanile di San Marco o dalla Old Library di San Marco (Libreria Vecchia [1536-1588]), è ricco di qualità delle superfici decorative. La biblioteca dispone di due piani di arcate, non ha scantinato, ma soltanto tre gradini bassi, in modo da corrispondere il gotico Palazzo Ducale di fronte. Il cornicione superiore è estremamente pesante, eguagliando metà dell'altezza delle colonne ioniche su cui poggia. L'applicazione ricca di scultura in rilievo, senza pareti disadorne crea questa qualità decorativa, che ha solo superficiali affinità con manierismo fiorentino.

Questo periodo di manierismo libero e decorativa è stata seguita da una architettura più sobrio classico rivisitato alla perfezione nel lavoro di uno dei più grandi architetti del Rinascimento, Andrea Palladio. La città di Vicenza, non lontano da Venezia, è stata quasi completamente ricostruita con edifici dopo la sua progettazione, tra cui la basilica o municipio (1549) e la Loggia del Capitaniato (1571), così come molti palazzi privati. Nella progettazione di questi edifici variegato e in numerose ville della terraferma veneziana intorno a Vicenza, Palladio ha brillantemente dimostrato la versatilità di una serie di neo-antiche formule. La Capra o Villa Rotonda (1550-1551, con successive modifiche) è magnifica nella sua semplicità e volumetrie. Nel centro di un blocco cubelike (tipico delle ville palladiane più) è una sala circolare, e su tutti e quattro i lati sono proiettando fronti tempio classico come portici, risultando in una simmetria assoluta classica nel piano. A Venezia, Palladio costruisce numerose chiese, tutte con la pianta a croce latina e facciate piuttosto simili. San Giorgio Maggiore (1566-1610) ha un frontale tempio romano, su quattro mezze colonne giganti, applicato al centro della facciata, ai lati adiacenti sono due fronti mezzo del tempio con lesene accoppiate più piccoli. La composizione risultante suggerisce la compenetrazione di due fronti tempio completi in modo manieristico, in quanto gli elementi della composizione sono meno indipendenti di quanto lo sarebbero in High architettura rinascimentale. Anche tipico del Manierismo è il modo in cui è consentito lo spazio interno, invece di essere classicamente limitata, di fuggire attraverso uno schermo colonnato dietro il santuario in un grande coro nella parte posteriore. Grande fama di Palladio si basa sul suo trattato I Quattro Libri dell'Architettura (1570; Quattro Libri di Architettura).

L'architetto più importante di questo periodo a Roma è Giacomo da Vignola, che scrisse un trattato, Regola delli Cinque Ordini d'Architettura (1562, "Regola dei cinque ordini di Architettura", dedicata esclusivamente ad un esame degli ordini architettonici e la loro proporzioni. come il libro di Palladio, Vignola, Regola è diventato un libro di testo per l'architettura classica tardi.

Dei suoi molti edifici del progetto per la chiesa di Il Gesù1. A Roma, la chiesa centrale dell'Ordine dei Gesuiti, fu molto influente sulla storia successiva di architettura. La pianta è a croce latina con cappelle laterali che fiancheggiano la navata. l'estremità orientale è a pianta centrale, sovrastata da una cupola. piano Il Gesù è stato imitato in tutta Europa, ma soprattutto in Italia, durante il primo periodo barocco del 17 ° secolo. Vignola costruita la chiesa tranne che per la sua facciata, che è stata eseguita da Giacomo della Porta. Della Porta, ispirata al design originale di Vignola, ha creato una facciata concentrato verso il centro, che, come il piano, è stato il prototipo per la maggior parte delle prime facciate barocche del tardo 16 e 17.

Ali Q
Ali Q - Mito - 24463 Punti
Salva

Questa risposta è uguale a quella di Giusi :) Glem.
Pertanto, edo7.t, vale per te ciò che ho scritto anche a lei.
In più è contro il regolamento postare due risposte identiche, anche se non hai copiato la risposta di Giusi ma hai semplicemente utilizzato anche tu google traduttore.
Ti chiedo solo di stare un po' più attento la prossima volta, d'accordo?

Giusi :) Glem
Giusi :) Glem - Erectus - 133 Punti
Salva
scusate che mi sono presa il disturbo di rispondere allora :stars :madno
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email