• Greco
  • Versione di greco

    closed post best answer
Antonella4567
Antonella4567 - Erectus - 128 Punti
Salva

Ciao ragazzi,ho urgente bisogno della traduzione di queata versione,è urgente grazie in anticipo.
ού μόνον δε προς εύνoiαν καi χάριν, αλλά καi προς όργήν και προς έχθραν iσχυρότατος ήν υπέρ των δικαίων άντιβήναι. Λέγεται γούν ποτε διώκων εχθρόν έν δικαστηρίω, μετά την κατηγορίαν ού βουλομένων ακούειν τού κινδυνεύοντος των δικαστών, αλλά την ψήφον ευθύς αιτούντων επ' αυτόν, άναπηδήσας το κρινομένω συνικετεύειν όπως άκουσθείη και τύχοι των νομίμων πάλιν δε κρίνων iδιώταις δυσί, τού έτερου λέγοντος ως πολλά τυγχάνει τον Αριστείδην ο άντίδικος λελυπηκώς, «λεγ' ω γαθέ». φαναι, «μάλλον, εί τι σε κακόν πεποίηκε σοi γαρ, ουκ έμαυτώ δικάζω


Questa risposta è stata cambiata da Tony83 (01-05-17 16:19, 4 mesi 26 giorni )
Tony83
Tony83 - Mito - 30579 Punti
Salva

Per i giusti fu molto risoluto nel contrastare non solo la benevolenza e la riconoscenza ma anche l’ira e l’odio. Si dice, dunque, che un giorno, citando un avversario in tribunale, poiché dopo l’accusa i giudici non volevano ascoltare colui che era in pericolo (sotto accusa) ma chiedevano subito la sentenza contro di lui, dopo aver fatto un balzo, (si dice) che abbia supplicato insieme con l’imputato che fosse ascoltato e che ottenesse giustizia. Ma giudicando di nuovo con due privati, quando l’altro disse che l’avversario che aveva molestato Aristide ottenne molto, si dice che egli abbia detto “O onesto, dì piuttosto se ho fatto a te qualche male; infatti, giudico per te, non per me stesso”.

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email