powerandpain-votailprof
powerandpain-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva

ecco CHE FINE FA una delle miriadi di leggi NON CONFORME ALLA DEMOCRAZIA EUROPEA

insomma per gli italiani tutto normale.....per gli europei no!!
italia=IRAN...anzi peggio forse

Intercettazioni. L’Osce chiede la modifica o il ritiro della legge-bavaglio. Ora tocca all’Onu

di Pietro Anastasio

ROMA - L'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) chiede all'Italia di rinunciare al disegno di legge sulle intercettazioni o di modificarlo in sintonia con gli standard internazionali sulla libertà di espressione.

«Sono preoccupata che il Senato abbia approvato una legge che potrebbe seriamente ostacolare il giornalismo investigativo in Italia», ha detto in un comunicato Dunja Mijatovic, responsabile dell'Osce per la libertà dei media. «I giornalisti devono essere liberi di riferire su tutti i casi di pubblico interesse e devono poter scegliere come condurre una indagine responsabile», ha aggiunto Dunja Mijatovic, responsabile dell'Osce per la libertà dei media.

La replica arguta, si fa per dire, arriva da Maurizio Gasparri (Pdl), che commenta così la notizia giunta dall’Europa: «L'Osce? Si presenti alle elezioni. Quando avranno dei seggi, chiederanno delle modifiche».

«Dopo l'Osce è alto il rischio che anche l'Onu bocci il ddl Alfano perché disattende la convenzione per la lotta alle reti criminali transnazionali» denuncia il capogruppo del Pd in commissione Giustizia della Camera Donatella Ferranti a proposito del ddl Intercettazioni.

Ma il Pdl continua a fare orecchie da mercante e, sempre in giornata, dalla Commissione Giustizia della Camera viene annunciato che la relazione sul ddl Intercettazioni ci sarà già questa settimana, esattamente giovedì 17 giugno. Questo non significa, puntualizza il presidente della commissione Giulia Bongiorno, «far presto». Significa piuttosto, aggiunge, «avere una giornata in più per approfondire».

Intanto nel Pdl si scatenano nuove tensioni, con tanto di minacce ed allusioni. “Se non rispettiamo un punto saliente del programma come la legge sulle intercettazioni, facciamo prima ad andare a casa che a proseguire la legislatura”, avverte il ministro per l'Attuazione del programma, Gianfranco Rotondi. Parole, quelle pronunciate dall’esponente del governo, in risposta alle perplessità espresse ieri dai finiani del Pdl e in particolare da un fedelissimo del presidente della Camera come Italo Bocchino.

Ma i berluscones non sono disposti ad arretrare neppure di una virgola e Gaetano Quagliariello osserva che “saremmo di fronte all'atto di nascita di un partito all'interno di un altro partito, se si volesse cambiare la decisione assunta all'unanimità dall'ufficio di presidenza del Pdl”. Il vicepresidente dei senatori Pdl teme che “si voglia scaricare su altri la necessità di rivedere il testo: il Parlamento, la Corte costituzionale e perfino il Capo dello Stato”.

Ad infuriarsi per il dissenso interno al partito del predellino c’è anche il ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi, secondo cui “è riprovevole ricorrere, come fa l'onorevole Bocchino, ad argomenti risibili e inappropriati sia quando chiamano in causa il Pdl che ancor più le libere e insindacabili decisioni del Capo dello Stato”.

E i finiani, almeno in questa fase preliminare, mantengono alta la tensione e rilanciano: “Sulle intercettazioni, il Pdl è a un bivio: trovare alla Camera le soluzioni ai problemi innegabili che il testo licenziato dal Senato ancora presenta, prevenendo le obiezioni che potrebbero essere manifestate dal Capo dello Stato al momento della firma. Oppure, come sentiamo dire dai grandi strateghi della soluzione finale, prepararsi a uno scontro istituzionale col Capo dello Stato, il che passerebbe per una riapprovazione del medesimo testo eventualmente non promulgato da Napolitano”. Parla così il Vice presidente dei Deputati del Pdl, il finiano Carmelo Briguglio, che insiste, “è sufficiente, dopo i miglioramenti apportati da Palazzo Madama, concordare altre modifiche alle questioni irrisolte” anche attraverso “una breve lettura a Montecitorio”. Per questo, conclude l’esponente del Pdl, è “meglio mantenere il cantiere aperto”.

Intercettazioni. L?Osce chiede la modifica o il ritiro della legge-bavaglio. Ora tocca all?Onu:intercettazioni-losce-chiede-la-modifica-o-il-ritiro-della-legge-bavaglio-ora-tocca-allonu&catid=89:media&Itemid=290

bandrea-votailprof
bandrea-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
nn credo
katti88-votailprof
katti88-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
ITALIA=IRAN...direi proprio di no.
vincitu90-votailprof
vincitu90-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
con berlusconi oramai la democrazia e' un'utopia
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Il_aria

Il_aria Blogger 4 Punti

VIP
Registrati via email