imported_marchese-votailprof
imported_marchese-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
AirFrance si, AirFrance no...le voci rimbalzano ma la vera regina della vicenda Alitalia è l'incertezza. Si sta facendo strada l'ipotesi di una cordata italiana, con Berlusconi promotore. Secondo voi come andrà a finire? Chi si farà vivo e si impegnerà in una due-diligence dell'ultimo minuto per tentare l'acquisizione della compagnia di bandiera italiana? Saranno nuovamente Toto (AirOne) e la sua combricola?
missviruzzz-votailprof
missviruzzz-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Secondo me tutto è possibile,visti i mezzi (ed il potere) Berlusconi potrebbe farcela.
jeevas-votailprof
jeevas-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Purtroppo nella vicenda Alitalia si è intervenuti troppo tardi. Chiunque sia, anche marginalmente, interessato alla vicenda, sà che è da almeno metà degli anni 90 che la compagnia aerea di bandiera si è guadagnata l'appellattivo di buco nero (ovvero, più soldi ci metti, meno te ne ritrovi). E anche se non sono un fanatico generalista delle privatizzazioni, mi pare che sia davvero l'unica soluzione nell'immediato. A ben vedere, tuttavia, non c'è un solo analista che dica che il prezzo offerto da Air France sia equo. Insomma, checchè se ne dica, mi pare che ci sia una svendita della compagnia... e la cosa mi stupisce veramente poco, se pensiamo alle prime privatizzazioni dello Stato, in cui ci fu una sottovalutazione anche del 40-50% del valore di mercato delle attività.

L'ipotesi Berlusconi? Diciamo che tremo al solo pensiero... :evil:

Forse è addirittura meglio l'ipotesi AirOne, che sebbene sia una formica dinanzi ad Alitalia, è per lo meno supportata da un piano industriale che è parso più serio (anche se, in realtà, ne abbiamo visto veramente solo un'anteprima), e soprattutto ha alle spalle un gruppo bancario serio e ricco di potenzialità.

Ora, da questa mia ultima affermazione, mi aspetto per lo meno l'intervento della cara annetta. Che è la prima (e spero l'unica) che capirà. ;)
imported_annie-votailprof
imported_annie-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Jeevas, mi fai arrossire :oops: Anche se avrei qualche dubbio sul gruppo bancario... :lol:

Sostanzialmente condivido quello che hai scritto, più si perde tempo più l'azienda viene svalutata: come disse qualcuno già nel dicembre scorso "Alitalia si può comprare anche con la tredicesima", (più o meno era così) e non aveva tutti i torti.
Comunque, se qualcuno ha voglia, vada a leggere il caro Zuc, Vittorio Zucconi su repubblica.it, ne vale la pena (sia per questa vicenda, che per altre ovviamente).
imported_admin-votailprof
imported_admin-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
A parte che voi due potete andare a flirtare altrove ( :lol: ), credo che ciò che dice Jeev sia corretto. Il fatto preoccupante è che è da almeno 10 anni che Alitalia è sul letto di morte, e i vari governi (tra cui Berlusconi I, II e II-bis) niente han fatto per accellerare il trapasso, o curare il malato. L'unica cosa che è stata fatta è quella di aver somministrato un pò di morfina (denaro), che ha solo allungato l'agonia.
imported_marchese-votailprof
imported_marchese-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Nella maggior parte delle gestioni pubbliche italiane si mira più a dare impiego che non a creare valore e a governare l'azienda con efficienza ed efficacia (basti vedere la creazione inutile di più province in Sardegna).
Con Alitalia è accaduta la medesima cosa, ragion per cui al momento attuale chiunque abbia messo mano alle carte di Alitalia si è accorto che risultano esuberi.
Per quanto riguarda invece l'entrata in gioco di Berlusconi, sebbene le sue doti imprenditoriali e il suo spirito patriottico non si discutano, penso sia una mossa elettorale legata al piano di Spinetta: il piano industriale promosso da AirFrance-Klm include la scelta di tenere Fiumicino come unico hub, con un conseguente ridimensionamento di Malpensa e sdegno del nord-Italia. La mossa di Berlusconi è quindi mirata ad accaparrarsi al nord quanto più elettorato possibile accendendo in loro la speranza che l'eventuale cordata italiana riconsideri Malpensa come hub.
Io personalmente penso che dal punto di vista gestionale, vista la flotta di Alitalia e la sua situazione economica-finanziaria, la mossa di tenere solo un hub (Fiumicino) non sia così sbagliata ma, avendo a che fare con interessi pubblici e collettivi, è normale non sia ben vista dal ceto medio-basso che ragiona solo in termini occupazionali.
A prescindere dalle analisi su chi, come e perchè dovrebbe acquisire Alitalia, siete favorevoli al fatto che vada in mano estera?
missviruzzz-votailprof
missviruzzz-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Si,in altri paesi le compagnie di bandiera sono fallite (vedi Swissair e Sabena) e alla fine si è lasciato il posto per il libero mercato,perchè anche da noi non dovrebbe accadere questo?Tanto oramai non mi do piu neppure la zappa sui piedi come sarda perche da noi le tratte sono tutte servite dalle compagnie private(chiedo scusa per la conclusione molto opportunistica).
hithetrik-votailprof
hithetrik-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Il ragionamento occupazionale non è fatto dal ceto medio-basso!! Vuoi dire che chi si sente industriale snobba il problema?
La vertenza della questione è spartita nelle medesime percetuali tra posti di lavoro e rilevanza economica.
Poi non è tanto la questione di un'acquisizione estera, tanto il fatto che Alitalia semplicemente è una scommessa persa. Anche il governo Prodi si è mosso in ritardo. Certo che però Cimoli è rimasto più di 2 anni senza aver fatto praticamente nulla: si tentava giusto di rastrellare denaro acquisendo il leasing gli aerei.

Un'indagine tra un migliaio di dirigenti italiani ha rivelato che il 75% volesse il fallimento della compagnia. E' comprensibile allora che si ritiene l'azienda troppo danneggiata finanziariamente per costituire un buon investimento.
Attenzione al titolo, i prossimi incontri tra cda e sindacati potrebbero portare ad interessanti sbalzi.
imported_marchese-votailprof
imported_marchese-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Non volevo dire assolutamente che il problema occupazionale non sia rilevante, anzi...è cmq molto importante. Intendevo solo dire che spesso chi non si occupa di economia o non ha conoscenza in materie aziendale effettua delle considerazioni basate esclusivamente sul trattamento dei dipendenti, ovvero vede sempre negativa la mossa di un'azienda di ridurre l'organico senza considerare il contesto operativo, la situazione economica-finanziaria ecc ecc.
In questo caso vedono infatti la scelta dell'unico hub negativa a prescindere perchè comporterebbe probabilmente a meno posti di lavori in SEA (società che gestisce Malpensa). Penso tu possa concordare con me in questo :)
Per quanto riguarda Alitalia infatti il problema si è creato all'origine, ovvero in passato son state fatte assunzioni in numero superiore all'effettiva necessità creando cosi degli scompensi economico-finanziari (per non parlare dei fringe benefit esagerati per i dipendenti). Il problema non è "perchè li licenziano?" ma "perchè li hanno assunti?". Tutto qui. :D
imported_admin-votailprof
imported_admin-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Non credo che in Alitalia ci fossero poi così tante persone che passavano le giornate a rigirarsi i pollici. Forse, più semplicemente, in passato c'erano prospettive diverse. Non dimentichiamoci (forse i più vecchietti del forum l'hanno vissuto) che c'era un periodo in cui Alitalia era veramente una compagnia dalle grandi potenzialità. Probabilmente le assunzioni furono fatte nella prospettiva di una crescita che, invece, non c'è mai stata.

Per quanto riguarda i licenziamenti, credo che alla fine si giungerà ad un accordo, con l'istituzione di un fondo di solidarietà e/o manovre similari. Dando uno sguardo alle prossime necessità di Alitalia mi pare che un taglio al costo del lavoro sia indispensabile... ma se non è accompagnato da altre riforme strutturali (patrimoniali & finanziarie), serve veramente a poco.
imported_marchese-votailprof
imported_marchese-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Verissimo. Sono d'accordo con te. ;)
jeevas-votailprof
jeevas-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
hithetrik-votailprof
hithetrik-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva

Non male però! Almeno recupererebbe in viaggio i ritardi! ;)

Tornando al discorso secondo me l'unica cosa importante sarebbe non svendere la compagnia. Tutti sanno che il valore in borsa non riflette il controvalore degli asset, ma un imprenditore chiaramente è poco propenso a cacciare troppi soldi per un'azienda così moribonda. Da questo punto di vista servirebbe un investitore liquido... le banche? :idea:

jeevas-votailprof
jeevas-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Intesa SanPaolo pare si voglia tirare indietro. :)

O forse non si era mai fatta troppo avanti! ;)
jeevas-votailprof
jeevas-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
http://www.bbj.hu/main/news_37659_air%2Bone%2Bsays%2Bready%2Bto%2Bmake%2Bnew%2Balitalia%2Boffer.html

Pagine: 123

Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Gioinuso

Gioinuso Geek 155 Punti

VIP
Registrati via email