aciko
aciko - Ominide - 2 Punti
Salva
mi serve un riassunto della vita di socrate
Dreke90
Dreke90 - Genius - 6795 Punti
Salva

Socrate, all' età di settant' anni, viene chiamato in tribunale a difendersi contro le accuse che gli erano state mosse da alcuni personaggi ateniesi. Nell' Apologia, scritta da Platone, è riportato il discorso che egli fece per discolparsi dalle accuse.
Socrate, parlando ai cittadini di Atene, è stupito del fatto che i suoi accusatori dicano che non bisogna farsi trarre in inganno da lui, che è abile parlatore. Ironicamente, egli sostiene di non esserlo affatto, a differenza invece dei suoi avversari, alcuni dei quali ancora freschi di studi, ed inoltre chiede agli ascoltatori di non curarsi affatto del modo in cui parla, ma solo di cercare di capire se per loro ciò che egli dice è verità, oppure no.
Socrate distingue due tipologie di accusatori: quelli antichi e quelli recenti. I più antichi sono i peggiori, quelli che sostengono "...che c' è un tal Socrate uomo sapiente, che specula su le cose celesti, che investiga tutti i segreti di sotterra, che le ragioni più deboli fa apparire più forti.." ; questi sono coloro che avevano cercato di persuadere la maggior parte delle persone lì presenti quando erano in giovane età e quindi più facilmente influenzabili. Inoltre, i calunniatori convincevano sempre più persone, affinchè poi queste cercassero di convincerne altre. L' accusa fatta a Socrate è la seguente: "...Socrate è reo, e si dà da fare in cose che non gli spettano: investigando quel che c' è sotto terra e quello che in cielo; tentando far apparir migliore la ragione peggiore; e questo medesimo insegnando altrui....". Socrate sostiene di non occuparsi assolutamente di queste cose e che non vi è nulla di vero in ciò che è stato detto dai suoi accusatori; non è nemmeno vero che egli insegni ai giovani con l' intento di ricevere denaro. Vi sono molte persone che fanno istruire i propri figli facendo venire insegnanti anche da zone lontane e poi pagandoli, come ad esempio Callia, che ha speso più denari con i Sofisti che tutti gli altri cittadini messi insieme, chiamando Eveno per istruire i figli. Socrate sostiene di non far parte di coloro che istruiscono per poi ricevere denaro, perchè non ne è in grado.
Socrate si è procacciato questo nome "...per una certa sua sapienza..", sapienza che lui definisce umana. Questa consapevolezza gli deriva dall' oracolo di Delfi: infatti, un giorno, Cherefonte domandò all' oracolo se vi era qualcuno più sapiente di Socrate e la Pizia rispose di no. Saputolo, iniziò per Socrate la ricerca della sapienza tra gli uomini e di ciò che intendeva significare l' oracolo; i primi da cui si recò furono gli uomini politici. Si accorse che lui era il più sapiente tra tutti, perchè riconosceva di non sapere, a differenza invece, degli uomini politici, che sostenevano di conoscere, anche se in realtà non era così. Poi si recò dai poeti e anche qui ottenne lo stesso risultato, perchè questi, interrogati sulle loro poesie, non sapevano rispondere; infine andò dagli artisti, ma il fatto che questi presumessero di essere sapientissimi sia nel loro mestiere che in quello altrui li rendeva più ignoranti di Socrate. Egli infatti sostiene che il vero sapiente è quello che, come lui, riconosce di non sapere: così egli si era procurato diversi nemici, che, volendolo accusare, ma non sapendo di cosa, gli muovono le accuse che si è soliti fare a tutti i filosofi, cioè "...che specula su le cose del cielo e di sotto terra, e che insegna a non riconoscere gli dèi, e che fa apparire migliore la ragione peggiore"....
Segue poi la difesa di Socrate contro Melèto, uno degli accusatori più recenti: Socrate dice di essere stato portato dal suo avversario in tribunale solo perchè costui non sapeva chi accusare. Melèto sostiene che tutti cercano di far migliori i giovani, al di fuori di Socrate e che egli fa ciò volontariamente. Socrate risponde che Melèto non si è mai curato dei giovani e che, visto che chi sta con coloro che fanno del bene puo' farne anche lui e che chi sta con coloro che fanno del male potrebbe diventare anche lui malvagio, allora lui non trarrebbe vantaggio dall' insegnare ai giovani il male, perchè stando con loro potrebbe farne anche lui. Poi Melèto accusa Socrate di essere ateo, ma si contraddice, perchè afferma che Socrate crede in dèmoni, considerando anche questi degli dei e ammettendo, così, che Socrate non è ateo, come invece egli sostiene.
Socrate dice che potrebbe discolparsi salvando così la propria vita e che se gli venisse chiesto di smettere di insegnare ciò che insegna in cambio della vita, egli potrebbe accettare. Ma non vuole farlo: se non verrà condannato, continuerà a svolgere il suo compito e ad ammonire le persone che si credono sapienti.Si paragona, ad esempio, ad Achille, che preferì rischiare, sapendo che sarebbe andato incontro alla morte, piuttosto che non vendicare la morte dell' amico Pàtroclo. Socrate dice che non si sta difendendo per sé stesso, ma per i cittadini che dalla sua morte trarranno molti più svantaggi di quanti ne possa trarre lui stesso.
Socrate dice che non ha mai voluto far parte della vita politica perchè, se lo avesse fatto, di sicuro non sarebbe rimasto al mondo per molto tempo, in quanto, combattendo per la giustizia, avrebbe sicuramente rischiato di essere condannato. Infatti, egli aveva fatto parte della vita politica una sola volta, quando fece parte del Consiglio. Proprio il giorno in cui si dovevano giudicare i dieci capitani che non avevano raccolto in mare i naufraghi e i morti dopo la battaglia delle Arginuse, capitò che esercitassero ufficio i suoi concittadini della tribù di Antiòchide; egli chiese che nulla venisse fatto contro la legge e già vi erano persone che volevano mandarlo in prigione. Quando venne l' oligarchia, i Trenta lo chiamarono, affinchè insieme ad altri quattro si recasse a Salamina per condurre via Leonte di Salamina, per poi farlo morire, ma egli si rifiutò, perchè ciò era contrario alla legge. Egli è lo stesso sia negli affari pubblici che in quelli privati, non è stato mai maestro di nessuno, ma se alcuni vogliono ascoltarlo, egli cerca sempre di insegnare loro: che questi ne traggano dei vantaggi oppure no, lui non deve essere né biasimato né lodato. Egli quindi non ha mai corrotto i giovani, anzi, questi sono sempre stati felici di stare in sua compagnia e se essi, ora o quando avranno raggiunto l' età adulta, penseranno di essere stati influenzati negativamente, allora siano essi stessi ad accusarlo in tribunale. Socrate sostiene che Melèto, nell' accusarlo, avrebbe dovuto chiamare alcuni dei giovani a cui egli aveva insegnato, questi avrebbero detto il contrario delle accuse che gli erano state mosse. Se questi fossero stati corrotti da Socrate, allora potrebbero trarne qualche vantaggio, ma se così non fosse o se testimoniassero i parenti per loro, allora non ci sarebbe alcun motivo di dire il falso per difenderlo.
Socrate continua il proprio discorso dicendo che molte altre persone, per meglio difendersi, avrebbero potuto portare in tribunale i propri figli e anche i parenti, per destare più commiserazione e pregare i giudici di non condannarlo. Questo è per Socrate un atto vergognoso, che non giova né ai cittadini né a coloro che cercano di difendersi in un tale modo, ma che porta solo vergogna all' intera Atene. Infatti anche Socrate è sposato ed ha tre figli, di cui uno ancora piccolissimo, avrebbe potuto portali in tribunale e persuadere i giudici con lacrime e preghiere, ma si rifiuta, perchè il giudice siede per giudicare con le leggi e non per essere convinto. Inoltre, se Socrate si comportasse così, costringerebbe i giudici a violare il giuramento e insegnerebbe alle persone a credere che non esistono dei.
Socrate, dopo la votazione, apprende che 280 votarono contro, mentre i restanti 230 in suo favore e che quindi era condannato a morte. Egli dice che un uomo come lui ".....io che nella vita rinunciai sempre a ogni quiete, e trascurando quel che curano i più non badai ad arricchire né a governare la mia casa, non aspirai a comandi militari né a favori di popolo, né ad altri pubblici onori, non m' immischiai in congiure né in sedizioni cittadine, ritenendo me stesso troppo sinceramente onesto perchè potessi salvarmi se mi ci fossi immischiato...." non deve ricevere nessuna condanna, ma anzi dovrebbe andare a vivere nel Pritanèo, luogo dove vivevano a spese dello stato i cittadini benemeriti della patria.
Egli non vuole andare in esilio per risparmiare la propria vita perchè, finchè sarà in vita, non cesserà mai di indagare sulle questioni proprie e altrui in qualsiasi luogo si trovi poichè "...una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta...." !
Dopo la seconda votazione in cui si doveva decidere se accettare l' offerta di Socrate, cioè che la pena fosse il pagamento di una somma di denaro e non la sua morte, si vide che la maggioranza aveva votato a favore della sua morte.
A coloro che avevano votato contro di lui dice che se avessero aspettato poco più tempo, avrebbero potuto incolpare i veri colpevoli e che, per averlo condannato, subiranno una pena ancora peggiore della morte.
A coloro che invece votarono in suo favore dice che tutte le volte che in vita stava per fare o per dire qualcosa di errato, il demone che sente dentro di sé si è sempre opposto e fatto sentire. Ma quella mattina, durante la sua difesa, non si era mai opposto, pur sapendo che ciò che stava dicendo lo avrebbe portato alla morte, questo perchè la morte non è un male per il demone. Infatti, una persona che dopo la morte non provi più sentimenti, è come una notte in cui una persona né sogna né prova altri sentimenti, preferibile di gran lunga alle notti in cui si sogna ed alle giornate. Nel caso invece ci fosse un' altra dimensione, dove regnano le anime del passato, sarebbe davvero una grandissima felicità per Socrate poter conoscere le anime "magnae" del passato come Omero oppure Odisseo, essere giudicato giustamente da giudici come Minos e poter continuare a fare ciò che faceva in vita.
Conclude dicendo che ad un uomo dabbene è impossibile venga fatto del male e che tutto ciò che gli accade è per volontà degli dei. Inoltre prega i suoi concittadini di ammonire i suoi figli se, un giorno, quando saranno adulti, non si cureranno dell' anima ma delle cose materiali.

Aggiunto 2 secondi più tardi:

Socrate, all' età di settant' anni, viene chiamato in tribunale a difendersi contro le accuse che gli erano state mosse da alcuni personaggi ateniesi. Nell' Apologia, scritta da Platone, è riportato il discorso che egli fece per discolparsi dalle accuse.
Socrate, parlando ai cittadini di Atene, è stupito del fatto che i suoi accusatori dicano che non bisogna farsi trarre in inganno da lui, che è abile parlatore. Ironicamente, egli sostiene di non esserlo affatto, a differenza invece dei suoi avversari, alcuni dei quali ancora freschi di studi, ed inoltre chiede agli ascoltatori di non curarsi affatto del modo in cui parla, ma solo di cercare di capire se per loro ciò che egli dice è verità, oppure no.
Socrate distingue due tipologie di accusatori: quelli antichi e quelli recenti. I più antichi sono i peggiori, quelli che sostengono "...che c' è un tal Socrate uomo sapiente, che specula su le cose celesti, che investiga tutti i segreti di sotterra, che le ragioni più deboli fa apparire più forti.." ; questi sono coloro che avevano cercato di persuadere la maggior parte delle persone lì presenti quando erano in giovane età e quindi più facilmente influenzabili. Inoltre, i calunniatori convincevano sempre più persone, affinchè poi queste cercassero di convincerne altre. L' accusa fatta a Socrate è la seguente: "...Socrate è reo, e si dà da fare in cose che non gli spettano: investigando quel che c' è sotto terra e quello che in cielo; tentando far apparir migliore la ragione peggiore; e questo medesimo insegnando altrui....". Socrate sostiene di non occuparsi assolutamente di queste cose e che non vi è nulla di vero in ciò che è stato detto dai suoi accusatori; non è nemmeno vero che egli insegni ai giovani con l' intento di ricevere denaro. Vi sono molte persone che fanno istruire i propri figli facendo venire insegnanti anche da zone lontane e poi pagandoli, come ad esempio Callia, che ha speso più denari con i Sofisti che tutti gli altri cittadini messi insieme, chiamando Eveno per istruire i figli. Socrate sostiene di non far parte di coloro che istruiscono per poi ricevere denaro, perchè non ne è in grado.
Socrate si è procacciato questo nome "...per una certa sua sapienza..", sapienza che lui definisce umana. Questa consapevolezza gli deriva dall' oracolo di Delfi: infatti, un giorno, Cherefonte domandò all' oracolo se vi era qualcuno più sapiente di Socrate e la Pizia rispose di no. Saputolo, iniziò per Socrate la ricerca della sapienza tra gli uomini e di ciò che intendeva significare l' oracolo; i primi da cui si recò furono gli uomini politici. Si accorse che lui era il più sapiente tra tutti, perchè riconosceva di non sapere, a differenza invece, degli uomini politici, che sostenevano di conoscere, anche se in realtà non era così. Poi si recò dai poeti e anche qui ottenne lo stesso risultato, perchè questi, interrogati sulle loro poesie, non sapevano rispondere; infine andò dagli artisti, ma il fatto che questi presumessero di essere sapientissimi sia nel loro mestiere che in quello altrui li rendeva più ignoranti di Socrate. Egli infatti sostiene che il vero sapiente è quello che, come lui, riconosce di non sapere: così egli si era procurato diversi nemici, che, volendolo accusare, ma non sapendo di cosa, gli muovono le accuse che si è soliti fare a tutti i filosofi, cioè "...che specula su le cose del cielo e di sotto terra, e che insegna a non riconoscere gli dèi, e che fa apparire migliore la ragione peggiore"....
Segue poi la difesa di Socrate contro Melèto, uno degli accusatori più recenti: Socrate dice di essere stato portato dal suo avversario in tribunale solo perchè costui non sapeva chi accusare. Melèto sostiene che tutti cercano di far migliori i giovani, al di fuori di Socrate e che egli fa ciò volontariamente. Socrate risponde che Melèto non si è mai curato dei giovani e che, visto che chi sta con coloro che fanno del bene puo' farne anche lui e che chi sta con coloro che fanno del male potrebbe diventare anche lui malvagio, allora lui non trarrebbe vantaggio dall' insegnare ai giovani il male, perchè stando con loro potrebbe farne anche lui. Poi Melèto accusa Socrate di essere ateo, ma si contraddice, perchè afferma che Socrate crede in dèmoni, considerando anche questi degli dei e ammettendo, così, che Socrate non è ateo, come invece egli sostiene.
Socrate dice che potrebbe discolparsi salvando così la propria vita e che se gli venisse chiesto di smettere di insegnare ciò che insegna in cambio della vita, egli potrebbe accettare. Ma non vuole farlo: se non verrà condannato, continuerà a svolgere il suo compito e ad ammonire le persone che si credono sapienti.Si paragona, ad esempio, ad Achille, che preferì rischiare, sapendo che sarebbe andato incontro alla morte, piuttosto che non vendicare la morte dell' amico Pàtroclo. Socrate dice che non si sta difendendo per sé stesso, ma per i cittadini che dalla sua morte trarranno molti più svantaggi di quanti ne possa trarre lui stesso.
Socrate dice che non ha mai voluto far parte della vita politica perchè, se lo avesse fatto, di sicuro non sarebbe rimasto al mondo per molto tempo, in quanto, combattendo per la giustizia, avrebbe sicuramente rischiato di essere condannato. Infatti, egli aveva fatto parte della vita politica una sola volta, quando fece parte del Consiglio. Proprio il giorno in cui si dovevano giudicare i dieci capitani che non avevano raccolto in mare i naufraghi e i morti dopo la battaglia delle Arginuse, capitò che esercitassero ufficio i suoi concittadini della tribù di Antiòchide; egli chiese che nulla venisse fatto contro la legge e già vi erano persone che volevano mandarlo in prigione. Quando venne l' oligarchia, i Trenta lo chiamarono, affinchè insieme ad altri quattro si recasse a Salamina per condurre via Leonte di Salamina, per poi farlo morire, ma egli si rifiutò, perchè ciò era contrario alla legge. Egli è lo stesso sia negli affari pubblici che in quelli privati, non è stato mai maestro di nessuno, ma se alcuni vogliono ascoltarlo, egli cerca sempre di insegnare loro: che questi ne traggano dei vantaggi oppure no, lui non deve essere né biasimato né lodato. Egli quindi non ha mai corrotto i giovani, anzi, questi sono sempre stati felici di stare in sua compagnia e se essi, ora o quando avranno raggiunto l' età adulta, penseranno di essere stati influenzati negativamente, allora siano essi stessi ad accusarlo in tribunale. Socrate sostiene che Melèto, nell' accusarlo, avrebbe dovuto chiamare alcuni dei giovani a cui egli aveva insegnato, questi avrebbero detto il contrario delle accuse che gli erano state mosse. Se questi fossero stati corrotti da Socrate, allora potrebbero trarne qualche vantaggio, ma se così non fosse o se testimoniassero i parenti per loro, allora non ci sarebbe alcun motivo di dire il falso per difenderlo.
Socrate continua il proprio discorso dicendo che molte altre persone, per meglio difendersi, avrebbero potuto portare in tribunale i propri figli e anche i parenti, per destare più commiserazione e pregare i giudici di non condannarlo. Questo è per Socrate un atto vergognoso, che non giova né ai cittadini né a coloro che cercano di difendersi in un tale modo, ma che porta solo vergogna all' intera Atene. Infatti anche Socrate è sposato ed ha tre figli, di cui uno ancora piccolissimo, avrebbe potuto portali in tribunale e persuadere i giudici con lacrime e preghiere, ma si rifiuta, perchè il giudice siede per giudicare con le leggi e non per essere convinto. Inoltre, se Socrate si comportasse così, costringerebbe i giudici a violare il giuramento e insegnerebbe alle persone a credere che non esistono dei.
Socrate, dopo la votazione, apprende che 280 votarono contro, mentre i restanti 230 in suo favore e che quindi era condannato a morte. Egli dice che un uomo come lui ".....io che nella vita rinunciai sempre a ogni quiete, e trascurando quel che curano i più non badai ad arricchire né a governare la mia casa, non aspirai a comandi militari né a favori di popolo, né ad altri pubblici onori, non m' immischiai in congiure né in sedizioni cittadine, ritenendo me stesso troppo sinceramente onesto perchè potessi salvarmi se mi ci fossi immischiato...." non deve ricevere nessuna condanna, ma anzi dovrebbe andare a vivere nel Pritanèo, luogo dove vivevano a spese dello stato i cittadini benemeriti della patria.
Egli non vuole andare in esilio per risparmiare la propria vita perchè, finchè sarà in vita, non cesserà mai di indagare sulle questioni proprie e altrui in qualsiasi luogo si trovi poichè "...una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta...." !
Dopo la seconda votazione in cui si doveva decidere se accettare l' offerta di Socrate, cioè che la pena fosse il pagamento di una somma di denaro e non la sua morte, si vide che la maggioranza aveva votato a favore della sua morte.
A coloro che avevano votato contro di lui dice che se avessero aspettato poco più tempo, avrebbero potuto incolpare i veri colpevoli e che, per averlo condannato, subiranno una pena ancora peggiore della morte.
A coloro che invece votarono in suo favore dice che tutte le volte che in vita stava per fare o per dire qualcosa di errato, il demone che sente dentro di sé si è sempre opposto e fatto sentire. Ma quella mattina, durante la sua difesa, non si era mai opposto, pur sapendo che ciò che stava dicendo lo avrebbe portato alla morte, questo perchè la morte non è un male per il demone. Infatti, una persona che dopo la morte non provi più sentimenti, è come una notte in cui una persona né sogna né prova altri sentimenti, preferibile di gran lunga alle notti in cui si sogna ed alle giornate. Nel caso invece ci fosse un' altra dimensione, dove regnano le anime del passato, sarebbe davvero una grandissima felicità per Socrate poter conoscere le anime "magnae" del passato come Omero oppure Odisseo, essere giudicato giustamente da giudici come Minos e poter continuare a fare ciò che faceva in vita.
Conclude dicendo che ad un uomo dabbene è impossibile venga fatto del male e che tutto ciò che gli accade è per volontà degli dei. Inoltre prega i suoi concittadini di ammonire i suoi figli se, un giorno, quando saranno adulti, non si cureranno dell' anima ma delle cose materiali.

lino17
lino17 - Eliminato - 24509 Punti
Salva
https://www.skuola.net/filosofia-antica/socrate.html
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email