bobombera
bobombera - Ominide - 2 Punti
Salva
CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEGLI ESSERI VIVENTI E DI HOMO SAPIENS

Esseri viventi.
1. L'evoluzione adattativa è indispensabile per la vita sulla Terra (Vedi neodarwinismo).
Le sue caratteristiche sono: evento corale, condizionato dai tempi lunghi dell'evoluzione adattativa dei genomi, che richiede una competizione universale continua ed equilibrata, l'ottimizzazione dei comportamenti e gioia di vivere.
Vantaggi infinitesimi sono determinanti e la conoscenza dell'ambiente è indispensabile.
2. Tutti i viventi:
A. Sono capitalisti (Vedi le caratteristiche della riproduzione) e le uscite di questa economia sono due: nel caso di successo, avviene una rapida crescita esponenziale, seguita in breve da catastrofe o estinzione. Nel più comune caso che si mantenga un certo equilibrio competitivo, si ottiene un’evoluzione adattativa in tempi lunghissimi.
B Possiedono il solo attimo presente.
C. Sono mortali.
D. Sono realtà dinamiche che evolvono o regrediscono.
E. Sono felici e agiscono al meglio delle loro possibilità.
F. Tutte le specie sono uniche e irripetibili.
G. Tutte le specie conoscono un solo mestiere.

E’ facile capire quanto l’uomo moderno, dimentico di essere un vivente, non rispetti queste realtà.

Homo sapiens.

I. Possiede la prole più inetta che ci sia. Quattordici anni come minimo (vedi culture di cacciatori-raccoglitori), per diventare una adulto indipendente.
II. Esprime un’estrema variabilità genetica e fenotipica individuale.
III. È Onnivoro e la dieta è una funzione dell’habitat.
IV. Possiede una socialità primitiva, in quanto non è determinata geneticamente ma dall’apprendimento di comportamenti etici.
V. Ha raggiunto un estremo sviluppo delle capacità intellettive ma dimostra pure sintomi di decadenza psicofisica.
VI. Oltre al capitalismo riproduttivo, tipico di tutti gli altri viventi, può esprimere un capitalismo basato sull’incremento del possesso di beni, sia concreti (case, terreni, manufatti, ecc..) che simbolici (denaro, azioni, Bot, ecc..)
VII. Dalle prime civiltà ad oggi siamo sottoposti a:
A. Riduzione drastica della primitiva pressione selettiva, tipica della nostra specie.
B. Nicchie degradate con pressioni selettive insufficienti o eccessive comunque instabili.

Le conseguenze sono:


I. Degrado psicofisico come diffusa irrazionalità esistenziale e superstizione.
II. Ignoranza delle leggi della vita e dell'ambiente.
III. Culture oggettivamente criminali e conseguente valore negativo della socialità.
IV. Sviluppo della tecnologia e distruzione dell'ambiente.

Strategie indispensabili per la sopravvivenza.

I. Per la cura della pazzia oggettiva dell'uomo moderno è necessario:
Primo, usufruire delle conoscenze offerte dall’evoluzione adattativa e dall’etologia, per individuare i comportamenti ottimali per evolvere e sopravvivere.
Secondo, recuperare un atteggiamento razionale e scientifico nella vita d’ogni giorno.
Terzo, utilizzare le discipline interiori e la concentrazione nell'attimo presente, suggerite dalle varie trafile “religiose”.
II. Per recuperare l’evoluzione adattativa su scala mondiale è indispensabile:
Divulgare, comprendere e rispettare le leggi della vita, scoperte dai nostri naturalisti e correggere il proprio linguaggio, in modo che sia di nuovo capace di descrivere l'ambiente.
Dopodiché è possibile:
A. Ottimizzare comportamenti e scelte di vita, in armonia con la nostra realtà biologica.
B. Ritrovare buon senso, scientificità e gioia di vivere e recuperare l’evoluzione adattativa di tutti i viventi.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email