pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Mill - Religione


Mill sostenne che la religione tradizionale non ha favorito la pacifica convivenza tra i popoli; in essa ci sono, secondo Mill, parecchie incongruenze logiche, a partire da quella di un Dio onnipotente, ma impotente, di fatto, dinanzi al male che dilaga nel mondo. Tuttavia, la fede in Dio, opportunamente rivista, non è incompatibile con la cultura moderna; occorre accettare la nuova ottica che la scienza ha conferito alla mentalità religiosa; Dio può essere pensato infinitamente buono, e tale fede può giovare, ed anzi essere necessaria, per sollecitare nell'uomo un comportamento responsabile e generoso; così impostato, il comportamento religioso perde il riferimento trascendente, e viene umanizzato, reso strettamente funzionale alla convivenza sociale. In Tre saggi sulla religione, Mill sottolinea, tra l'altro, la nobiltà di un comportamento morale che non scaturisca dalla aspettativa di un premio trascendente: «L'essenza della vera religione sta nel dirigere con forza e serietà le emozioni e i desideri verso un ideale, riconosciuto della massima eccellenza e al di sopra di ogni desiderio egoistico. A questa condizione, la religione dell'umanità adempie in grado più eminente di quanto non facciano le religioni che si richiamano al sovrannaturale… che operano frequentemente attraverso sentimenti di interesse personale... L'abitudine di attenderci una ricompensa nella vita futura per la nostra condotta in questa, fa sì che la virtù stessa non sia più un esercizio di sentimenti morali».
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017