pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

La storia secolare è tessuta col filo della «lotta di classe» che, nelle diverse epoche, ha avuto caratteristiche peculiari; nella propria epoca Marx rileva la ribellione delle moderne forze produttive contro l'assetto capitalistico dei rapporti di produzione (che, dopo la fase della o manifattura a domicilio», sono pervenuti al vero e proprio «modo capitalistico industriale»). Tale sistema attraversa ciclicamente crisi economiche (paradossalmente, alcune dovute a sovrapproduzione) nelle quali la borghesia, per salvare il proprio modello di società, distrugge ricchezze da essa stessa prodotte; tale violenza culmina nei conflitti internazionali per il controllo dei mercati delle materie prime e di vendita. E questo, dunque, è un momento favorevole al proletariato, sulla via della presa di coscienza dei propri diritti e degli obiettivi di classe. Mai, nella storia, il proletariato ha fatto il proprio interesse, perché strumentalizzato dalla borghesia; questa lo ha aggregato nei movimenti rivoluzionari contro l'ancien régime (nobiltà latifondista e alta gerarchia ecclesiastica) ma ha riservato a sé sola i frutti della lotta. In breve, il proletariato non ha combattuto i propri nemici (i borghesi), ma i nemici dei propri nemici. Ma l'acquisto di tale coscienza deve procedere per una serie di tappe.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017