Esami vicini? Parti per un viaggio, aiuta lo studio

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

viaggiare aiuta a studiare. Vediamo insieme perchè

Erasmus, viaggi studio e chi più ne ha più ne metta. Sono tante le occasioni che gli studenti cercano per allontanarsi per un certo periodo dal proprio Paese e studiare in un altro. Questo perché viaggiare, conoscere nuove persone e confrontarsi con nuovi modi di vedere le cose apre la mente, aiutando anche a studiare con più facilità.

VIAGGIARE PER APPLICARE LA QUOTIDIANITÀ ALLO STUDIO - Già, viaggiare aiuta a studiare. Infatti, cambiando Paese ed entrando in relazione con culture e modi di pensare diversi dai nostri la mente si elasticizza rendendo lo studio di argomenti astrusi molto meno pesante. Senza contare che ci si trova di punto in bianco ad affrontare dinamiche nuove senza conoscere l’uso perfetto della lingua, aiutando la nostra capacità di adattarci e risolvere situazioni sempre diverse. Insomma, dopo aver fronteggiato queste dinamiche, cosa volete che sia se, durante l’esame universitario, un quesito di cui voi destreggiate l’argomento vi viene posto in una maniera diversa dal solito per disorientarvi?

IMPARA LA LINGUA, SUPERA L’ESAME - Inoltre, viaggiare aiuta ad imparare una lingua in maniera molto più veloce che attraverso lunghe lezioni universitarie. Un periodo di studio all’estero vi permetterà di destreggiare in breve tempo la lingua straniera parlata ed applicarla a momenti di vita quotidiana. Certo, un mese passato in una capitale europea non vi aiuta quanto sei mesi, ma al vostro ritorno potrete sicuramente affrontare l’esame in lingua senza aver passato noiosi periodi chini sui libri.

VIAGGIARE PER RICARICARSI IN VISTA DEGLI ESAMI - Inutile dire che un viaggio non aiuta lo studio solo se portate con voi anche i vostri libri. Infatti, allontanarvi da casa serve anche per raccogliere le forze in vista di uno sprint finale, magari proprio quello della sessione estiva che impegna tantissimo gli universitari. A questo punto, staccare la spina tra la fine delle lezioni e l’inizio degli esami non può far altro che aiutare la vostra mente a tornare a respirare, senza contare che fare un break in vista della sessione estiva allontana per un po’ la tensione da voi permettendovi di tornare sereni e rilassati, pronti per riversare tutte le energie raccolte sui libri da portare all’esame.

VIAGGIARE LOW COST - A questo punto sta agli universitari decidere come impegnare il loro break. C’è chi ama il relax e chi il divertimento sfrenato e la movida, chi preferisce viaggi culturali e chi l'aria pulita di montagna. Alcune mete consentono di combinare quasi tutte queste alternative: tutto sta al budget a disposizione e con un po' di fortuna, approfittando di qualche offerta last-minute, avrete una splendida vacanza low cost. Non avere paura di dire stop allo stress. Parti per una bella vacanza, riuscirai a raccogliere energie nuove da convogliare nelle studio. E magari proprio un nuovo orizzonte sarà la scintilla giusta per aprire un libro anche in vacanza.

Ti piacerebbe prepararti ad un esame universitario in vacanza?

Commenti
Consigliato per te
Consigli per migliorare la memoria
Skuola | TV
Open Day Carlo Bo: scopri tutte le novità e gli sbocchi professionali!

Non perdere lo streaming dell'Open Day Carlo Bo dalla sede di Milano. Una mattina dedicata all'offerta formativa e agli sbocchi professionali. Scopri come diventare mediatore linguistico.

18 novembre 2017 ore 09:30

Segui la diretta