La concentrazione vien… Mangiando!

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

mangiare concentrazione

La sessione estiva ha già bussato alla porta di molti studenti universitari e non sono pochi quelli che hanno deciso di giocarsi il tutto per tutto. Il clima ancora poco estivo di questo giugno sicuramente starà aiutando nel non pensare troppo alle vacanze dietro l'angolo, ma lo stress e l'idea che magari gli amici sono già immersi in aperitivi, cene, giornate al mare e via dicendo rendono tutto più pesante. E' proprio per questo che bisogna affiancare allo studio una corretta alimentazione che aiuti a tenere alta la concentrazione e che possa aiutarci a combattere lo stress e l’affaticamento.

LA VITAMINA DELLO STUDENTE - Infatti, forse molti di voi non sanno che esistono dei cibi che contengono un tipo di vitamine particolarmente adatto a chi deve sottoporsi a periodi di studio intenso. Stiamo parlando delle vitamine del gruppo B, ottime alleate di chi ha bisogno di concentrarsi e memorizzare concetti in maniera veloce. Insomma, le vere amiche degli studenti!

DOVE SI TROVANO? - Queste vitamine sono presenti in diverse varietà di cibi ed oggi vi diremo proprio quali vi aiuteranno a ritrovare la concentrazione che credevate di aver perso. Infatti, mangiando questi cibi in maniera frequente, il vostro grado di attenzione si alzerà e riuscirete a studiare memorizzando più facilmente gli stessi concetti che ora proprio non vi entrano in testa. In particolare, tra le vitamine del gruppo B, la B1 e la B3 fanno proprio al caso di chi, come voi, ha bisogno di restare ore ed ore sui libri mantenendo alta la concentrazione. Queste si trovano rispettivamente:

- nei ceci, nelle lenticchie, nei fagioli secchi, nell'orzo, nei cereali, nel fegato di manzo, nelle noci, nelle nocciole, nel lievito di birra, nel salmone, nella farina, nella carne di maiale, nella patate, negli asparagi e nei funghi: mangiando questi cibi nelle dosi giuste migliorerete l’efficienza intellettuale e la vostra capacità di apprendimento;
- nelle arachidi, nel fegato di manzo, nel lievito di birra, nel maiale, nel pesce spada, nel pollo, nel salmone e nel tonno, nei pomodori, nel melone, nel mirtillo, nei funghi e nelle melanzane: mangiandoli regolarmente potrete combattere la tipica stanchezza mentale che colpisce tutti gli studenti nei periodi di studio intenso.

VITAMINE E BUONA VOLONTA' - Se, nonostante abbiate mangiato questi cibi in abbondanza, continuate ad aver bisogno di leggere decine di volte la stessa riga di quel noiosissimo manuale, sarebbe ideale affiancare a quegli alimenti anche degli integratori vitaminici, particolarmente utili se avete bisogno di fare un notevole sforzo intellettivo. Inutile dirvi che nello studio, giocano un ruolo fondamentale anche anltre sostanze naturali come la glutammina e la fosfoserina e, se poi aggiungete quel pizzico di buona volontà ed impegno in più che ora vi mancano, sarete davvero imbattibili.

Scopri tutti i consigli per migliorare la tua concentrazione!

Serena Rosticci

Commenti
Consigliato per te
Quale stile cognitivo sei? Scopri il tuo per studiare meglio
Skuola | TV
Contraccezione: sfatiamo i falsi miti!

Nella prossima puntata della Skuola Tv una psicosessuologa e una ginecologa ti aiuteranno a fare chiarezza sui diversi tipi di contraccettivi e su come bisogna usarli!

14 dicembre 2017 ore 16:30

Segui la diretta