Lega Napoli, U Surrentum ritrova continuità

Giro di boa per molte squadre impegnate nel quinto turno della regoular seasonal Torneo Interfacoltà. Tra pregi e difetti inizia a delinearsi l’identikit specifico di ogni singola compagine.

francesca_fortini
E io lo dico a Skuola.net

lega napoli

TORNEO INTERFACOLTA', QUINTO TURNO - Giro di boa per molte squadre impegnate nel quinto turno della regoular seasonal Torneo Interfacoltà. Tra pregi e difetti inizia a delinearsi l’identikit specifico di ogni singola compagini. Tra i pregi di U Surrentum c’è sicuramente quello della puntualità e della pazienza. Spesso infatti i ragazzi di Cuomo si trovano a dover aspettare per un bel po’ gli avversari prima di batterli. Anche oggi il copione si ripete ed a farne le spese è Ass MAzz, incapace di reagire ad un primo tempo poderoso dei viola. I fratelli Siniscalchi e Magliocca, mettono un’ipoteca su un match che nella ripresa vedrà solo i ritmi abbassarsi e niente più. Festeggiano la Champions i partenopei, che a punteggio pieno ormai sono sicuri almeno della piazza d’onore. Contro Kaiserduden partono forti gli uruguagy, macinano gioco e creano occasioni. Il vantaggio però, e doppio pure, è firmato Australia. Radice e Tomas freddano le ambizioni dei Partenopei che però non si scompongono e continuano a giocare. Piccolo a centrocampo è un trascinatore e da lui partono tutte le azioni decisive. Pignetti ne fa due, Orefice uno e come al solito non può mancare Napolione da Ischia con tanto di dedica sulla maglia. Prima sconfitta dunque per Kaiserduden che sportivamente riconosce i meriti degli avversari. Adelante “celeste”.

APPLAUSI ALBICESTE - Anche l’Albiceleste chiude fra gli applausi la gara di oggi contro i temuti avversari di Jaguar, già affrontati nelle semifinali della scopra Champions. Il risultato dice cinque ad uno. Il campo ci parla di una gara combatutta ed equilibrata soprattutto nel primo tempo. Buccino da calcio piazzato porta in vantaggio i suoi, prima che Fiume inizi il suo show. Dall’altra parte Ciotola cerca di reagire e ci riesce pure; la ripresa però vede una Jaguar sbilanciata cadere sotto le micidiali ripartenze biancoblu e se anche Autieri si mette a fare gli eurogol, vuol dire che non è proprio giornata. Nel finale Tecchio timbra come sempre il cartellino. Partenza a razzo per Vintage, che contro Real Junior, si porta avanti di tre reti, lasciano gli avversari di stucco. Sul cinque a uno la gara sembra ormai chiusa, e così è, non fosse altro che a metà ripresa la furia orange si risveglia costringendo gli avversari all’angolo. Preoccupante calo fisico in casa Marrona, forma smagliante invece per i blancos di Cirillo. Continua la maledizione di AC Picchia, capitata in un girone a dir poco di ferro. Questa sera la doppietta di Chiemenz spinge Rizla in avanti ammazzando quasi subito i sogni di rimonta di AC. Picchia, che partita dopo partita lascia però intravedere importanti passi in avanti. Destino simile per Deportivo La Carogna. Anche qui infatti gli uomini di Gargliulo si trovano in un girone di ferro e settimana dopo settimana incontrano avversari più che motivati. Stasera Poggibonsi, non poteva fallire l’appuntamento con la vittoria per non dire definitivamente addio ai sogni europei. La gara è così un monologo giallo. Apre Mele, e chiude Feroce con una splendida tripletta. Per il Depor, un secondo tempo gagliardo è rassicurante in vista delle prossime ed in vista delle coppe. Skonvolt-Ultimate si gioca tutta in un minuto. Sul parziale di due ad uno a favore di Skonvolt, l’arbitro assegna un rigore ai rossocrociati. Brillante calcia a lato e sul ribaltamento di fronte Sbrescia trova la volè che vale il doppio vantaggio e la personale doppietta. Nel finale dilaga Esposito. Buona in ogni caso la gara di Ultimate, capace anche di portarsi in vantaggio con il solito bolide di Musella. La gara più bella della serata, probabilmente dell’anno, e forse degli ultimi anni è quella tra Sambuca e Red Devils. Una gara giocata a mille all’ora, combattuta su ogni pallone, senza esclusione di colpi, ricca di agonismo ma con zero interventi sopra le righe. Al triplo vantaggio inglese, rispondono le furie rosse che già nel primo tempo recuperano due reti. Nella ripresa il tema non cambia con le squadre che si divertono a prendersi a schiaffi. Rete Porcino, rete Iazzetta, rete Musto, rete Sorrentino e così via fino al triplice fischio che per puro caso giunge sul sette a sei in favore dei Red. Complimenti ragazzi!

Dario Abbruzzese

Registrati via email
In evidenza