Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Traduzione di Elegia 1, Libro 1 di Tibullo

Versione originale in latino


Divitias alius fulvo sibi congerat auro
et teneat culti iugera multa soli,
quem labor adsiduus vicino terreat hoste,
Martia cui somnos classica pulsa fugent:
me mea paupertas vita traducat inerti
dum meus adsiduo luceat igne focus.
Ipse seram teneras maturo tempore vites
rusticus et facili grandia poma manu;
nec Spes destituat, sed frugum semper acervos
praebeat et pleno pinguia musta lacu.
Nam veneror, seu stipes habet desertus in agris
seu vetus in trivio florida serta lapis,
et quodcumque mihi pomum novus educat annus,
libatum agricolae ponitur ante deo.
Flava Ceres, tibi sit nostro de rure corona
spicea, quae templi pendeat ante fores,
pomosisque ruber custos ponatur in hortis,
terreat ut saeva falce Priapus aves.
Vos quoque, felicis quondam, nunc pauperis agri
custodes, fertis munera vestra, Lares.
Tunc vitula innumeros lustrabat caesa iuvencos,
nunc agna exigui est hostia parva soli.
Agna cadet vobis, quam circum rustica pubes
clamet "io messes et bona vina date".
Iam modo iam possim contentus vivere parvo
nec semper longae deditus esse viae,
sed Canis aestivos ortus vitare sub umbra
arboris ad rivos praetereuntis aequae.
Nec tamen interdum pudeat tenuisse bidentem
aut stimulo tardos increpuisse boves,
non agnamve sinu pigeat fetumve cappellae
desertum oblita matre referre domum.
At vos exiguo pecori, furesque lupique,
parcite: de magno est praeda petenda grege.
Hic ego pastoremque meum lustrare quotannis
et placidam soleo spargere lacte Palem.
Adsitis, divi, neu vos e paupere mensa
dona nec e puris spernite fictilibus.
Fictilia antiquus primum sibi fecit agrestis
pocula, de facili composuitque luto.
Non ego divitias patrum fructusque requiro,
quos tulit antiquo condita messis avo:
parva seges satis est, satis est requiscere lecto
si licet et solito membra levare toro.
Quam iuvat immites ventos audire cubantem
et dominam tenero continuisse sinu
aut gelidas hibernus aquas cum fuderit Auster,
securum somnos imbre iuvante sequi.
Hoc mihi contigat: sit dives iure, furorem
qui maris et tristes ferre potest pluvias.
O quantum est auri pereat potiusque smaragdi,
quam fleat ob nostras ulla puella vias.
Te bellare decet terra, Messalla marique,
ut domus hostiles praeferat exuvias;
me reiinent vinctum formosae vincla puellae,
et sedeo duras ianitor ante fores.
Non ego laudari curo, mea Delia; tecum
dum modo sim, quaeso segnis inersque vocer.
Te spectem, suprema mihi cum venerit hora,
te teneam moriens deficiente manu.
Flebis et arsuro positum me, Delia, lecto,
tristibus et lacrimis oscula mista dabis.
Flebis: non tua sunt duro praecordia ferro
vincta, neque in tenero stat tibi corde silex.
Illo non iuvenis poterit de funere quisquam
lumina, non virgo, sicca referre domum.
Tu Manes ne laede meos, sed parce solutis
crinibus et teneris, Delia, parce genis.
Interea, dum fata sinunt, iungamos amores:
iam veniet tenebris Mors adoperta caput,
iam subrepet iners aetas, nec amaredecebit,
dicere nec cano blanditias capite.
Nunc levis est tractanda Venus, dum frangere postes
non pudet et rixas inseruisse iuvat.
Hic ego dux milesque bonus: vos, signa tubaeque,
ite procul, cupidis volnera ferte viris,
ferte et opes: ego composito securus acervo
dites despiciam despiciamque famem.

Traduzione all'italiano


Ricchezze di fulvo oro accumuli per sé e possieda molti iugeri di terra coltivata, ma lo atterrisca un assiduo travaglio per la vicinanza del nemico e gli squilli guerrieri di trombe scaccino da lui il sonno: la mia modesta condizione mi faccia passare per una vita tranquilla purché il mio focolare risplenda di un fuoco perenne. Che io pianti, personalmente, fattomi agricoltore, nella stagione opportuna, le giovani viti ed i rigogliosi pomi con la mano esperta; né la Speranza mi venga meno ma sempre mi offra covoni di messi e denso mosto nel tino ricolmo. Infatti io onoro la divinità sia che un tronco solitario nei campi abbia la sua corona di fiori, sia che ce l'abbia in un trivio una vecchia pietra, ed ogni frutto che matura per me l'anno nuovo è posto da me come offerta dovuta al dio agreste. O bionda Cerere, per te ci sia dal mio podere una corona di spighe che penda davanti alle porte del tempio, e il rosso guardiano sia posto nei frutteti affinché Priapo spaventi gli uccelli con la sua terribile falce. Anche voi, custodi di una proprietà ricca un tempo, modesta oggi, o Lari, ricevete i vostri doni. Allora una vitella sgozzata purificava numerosi giovenchi, ora un'agnella è l'umile vittima per un piccolo campo. Un'agnella cadrà in vostro onore, e attorno ad essa la rustica gioventù faccia cerchio gridando: "Evviva! Date messi e buon vino". Possa io finalmente vivere accontentandomi di poco e non essere sempre costretto a lunghi viaggi, ma io possa evitare il sorgere dell'ardente canicola sotto l'ombra di un albero lungo le rive di un ruscello di acqua corrente. E tuttavia non mi vergogni di maneggiare talvolta la zappa, e a sollecitare col pungolo i buoi dal passo lento, non mi dispiacerà riportare in braccio l'agnello all'ovile o il capretto smarrito dalla madre dimentica. Ma voi, ladri e lupi, risparmiate il piccolo gregge: traete la preda da un grande gregge. Qui, nel mio podere, sono solito ogni anno purificare con sacrifici il mio pastore e cospargere di latte Pale amante della pace. Siatemi propizi, dei, e non disprezzate i doni tratti da una mensa modesta che io verso da puri vasi d'argilla. D'argilla si foggiò l'agricoltore di un tempo le prime tazze plasmandole, e le creò di argilla facile a modellarsi. Io per me non chiedo le ricchezze e i proventi dei padri, quanti fruttarono all'antico avo il grano ammassato: una piccola messe mi basta se mi è concesso, riposare nel letto e distendere le mie membra sul solito giaciglio. Quant'è piacevole starsene a letto, sentire fuori i venti che infuriano e stringere teneramente al petto la mia signora o quando d'inverno l'Austro rovescia le gelide piogge, abbandonarsia al sonno; cullati dalla pioggia.

Skuola University Tour 2014