Traduzione di Paragrafo 44, Libro 3 di Tacito

Versione originale in latino


Capto Valente cuncta ad victoris opes conversa, initio per Hispaniam a prima Adiutrice legione orto, quae memoria Othonis infensa Vitellio decimam quoque ac sextam traxit. Nec Galliae cunctabantur. Et Britanniam inditus erga Vespasianum favor, quod illic secundae legioni a Claudio praepositus et bello clarus egerat, non sine motu adiunxit ceterarum, in quibus plerique centuriones ac milites a Vitellio provecti expertum iam principem anxii mutabant.

Traduzione all'italiano


La cattura di Valente fece convergere tutti dalla parte del vincitore, a cominciare dalla Prima legione Adiutrice in Spagna, la quale, già ostile a Vitellio nel ricordo di Otone, trascinò nella sua scia anche la Decima e la Sesta. Altrettanto sollecite furono le Gallie. Anche la Britannia aderì, per la simpatia riservata a Vespasiano a seguito della sua gloriosa condotta da soldato in quelle province, al comando, per designazione di Claudio, della Seconda legione. Qualche resistenza si verificò tra le altre legioni, nelle quali numerosi centurioni e soldati avevano fatto carriera con Vitellio, ed erano restii a cambiare un principe già sperimentato.