Traduzione di Paragrafo 75, Libro 4 di Tacito

Versione originale in latino


Ceterum Tiberius neptem Agrippinam Germanico ortam cum coram Cn. Domitio tradidisset, in urbe celebrari nuptias iussit. In Domitio super vetustatem generis propinquum Caesaribus sanguinem delegerat; nam is aviam Octaviam et per eam Augustum avunculum praeferebat.

Traduzione all'italiano


In ogni caso, Tiberio volle che si celebrassero a Roma le nozze della nipote Agrippina, figlia di Germanico, che aveva personalmente dato in sposa a Gneo Domizio. In Domizio aveva scelto, a parte la nobiltà della famiglia, un consanguineo dei Cesari; vantava egli infatti come nonna Ottavia e, per mezzo di lei, Augusto come zio materno.