Traduzione di Paragrafo 41, Libro 4 di Tacito

Versione originale in latino


Rursum Seianus non iam de matrimonio sed altius metuens tacita suspicionum, vulgi rumorem, ingruentem invidiam deprecatur. Ac ne adsiduos in domum coetus arcendo infringeret potentiam aut receptando facultatem criminantibus praeberet, huc flexit ut Tiberium ad vitam procul Roma amoenis locis degendam impelleret. Multa quippe providebat: sua in manu aditus litterarumque magna ex parte se arbitrum fore, cum per milites commearent; mox Caesarem vergente iam senecta secretoque loci mollitum munia imperii facilius tramissurum: et minui sibi invidiam adempta salutantum turba sublatisque inanibus veram potentiam augeri. Igitur paulatim negotia urbis, populi adcursus, multitudinem adfluentium increpat, extollens laudibus quietem et solitudinem quis abesse taedia et offensiones ac praecipua rerum maxime agitari.

Traduzione all'italiano


Seiano si rivolse ancora a Tiberio, non già per il matrimonio, ma, spinto da più profonde apprensioni, cerca di stornare i taciti sospetti, le chiacchiere della gente e gli attacchi dei malevoli. Per non indebolire la sua potenza, col sospendere le frequentissime udienze in casa sua, e per non fare, concedendole, il gioco dei suoi accusatori, s'appigliò allo stratagemma di premere su Tiberio, per indurlo a vivere lontano da Roma in luoghi ameni. Si aspettava da ciò molti vantaggi: poteva controllare le udienze, essere arbitro di gran parte della corrispondenza, il cui servizio era affidato all'esercito; più tardi Cesare, declinante nella vecchiaia e reso docile dalla vita appartata, nel suo ritiro, gli avrebbe più facilmente affidato le responsabilità del potere; inoltre, sbarazzatosi della folla dei cortigiani, sarebbe calata l'avversione nei suoi confronti e, sfrondate le inutili apparenze, avrebbe visto crescere il vero potere. Prese dunque, poco alla volta, a dolersi della convulsa vita della città, dell'affollarsi della gente intorno, della massa che a lui faceva ricorso, lodando la pace solitaria, che consente di allontanare noie e provocazioni, per dedicare tutte le energie agli affari più seri.