Traduzione di Paragrafo 32, Libro 15 di Tacito

Versione originale in latino


Eodem anno Caesar nationes Alpium maritimarum in ius Latii transtulit. Equitum Romanorum locos sedilibus plebis anteposuit apud circum; namque ad eam diem indiscreti inibant, quia lex Roscia nihil nisi de quattuordecim ordinibus sanxit. Spectacula gladiatorum idem annus habuit pari magnificentia ac priora; sed feminarum inlustrium senatorumque plures per arenam foedati sunt.

Traduzione all'italiano


Nello stesso anno Cesare conferì il diritto latino alle popolazioni delle Alpi Marittime. Fissò i posti riservati nel circo ai cavalieri romani, cioè davanti a quelli della plebe: infatti, fino ad allora entravano nel circo senza distinzione alcuna, perché la legge Roscia aveva stabilito, per i cavalieri, solo le prime quattordici file in teatro. Si tennero in quell'anno spettacoli di gladiatori con uno sfarzo pari ai giochi del passato. Ma molte donne nobili e molti senatori si degradarono scendendo nell'arena.