Traduzione di Paragrafo 58, Libro 13 di Tacito

Versione originale in latino


Eodem anno Ruminalem arborem in comitio, quae octingentos et triginta ante annos Remi Romulique infantiam texerat, mortuis ramalibus et arescente trunco deminutam prodigii loco habitum est, donec in novos fetus revivisceret.

Traduzione all'italiano


In quello stesso anno, il fico Ruminale, nel comizio, albero che ottocento e trent'anni prima aveva ricoperto con la sua ombra Romolo e Remo infanti, deperì: rinsecchirono alcuni rami e il tronco perse la linfa. Venne considerato un cattivo prodigio; ma poi riprese vita con nuovi germogli.