Traduzione di Paragrafo 18, Libro 9 (Vitellius) di Svetonio

Versione originale in latino


Periit cum fratre et filio anno vitae septimo quinquagesimo; nec fefellit coniectura eorum qui augurio, quod factum ei Viennae ostendimus, non aliud portendi praedixerant, quam venturum in alicuius Gallicani hominis potestatem; siquidem ab Antonio Primo adversarum partium duce oppressus est, cum Tolosae nato cognomen in pueritia Becco fuerat; id valet gallinacei rostrum.

Traduzione all'italiano


Morì, insieme con il fratello e con il figlio nel cinquantasettesimo anno della sua vita; risultò esatta l'interpretazione che alcuni diedero al presagio che lo riguardava a Vienne, che noi abbiamo indicato; secondo loro significava semplicemente che sarebbe caduto nelle mani di un Gallo; e fu ucciso appunto da Antonio Primo, capo del partito avversario, che era nato a Tolosa e, durante la sua infanzia, aveva portato il soprannome di Becco, che vuol dire rostro di gallo.