Traduzione di Paragrafo 7, Libro 5 (Divus Claudius) di Svetonio

Versione originale in latino


Sub Gaio demum fratris filio secundam existimationem circa initia imperii omnibus lenociniis colligente honores auspicatus consulatum gessit una per duos menses, evenitque ut primitus ingredienti cum fascibus Forum praetervolans aquila dexteriore umero consideret. Sortitus est et de altero consulatu in quartum annum; praeseditque nonnumquam spectaculis in Gai vicem, adclamante populo: "Feliciter" partim "patruo imperatoris" partim "Germanici fratri!"

Traduzione all'italiano


Finalmente sotto il principato di Gaio, figlio di suo fratello, quando l'imperatore, al suo esordio, cercava di farsi ben volere con ogni possibile generosità, ottenne gli onori e fu collega di Caligola per due mesi nel consolato; quando entrò per la prima volta in foro con i fasci accadde che un'aquila, volando sopra di lui, si posò sulla sua spalla destra. Fu estratto a sorte per essere console una seconda volta tre anni dopo e qualche volta presiedette gli spettacoli al posto dell'imperatore, mentre il popolo gridava: "Felicità allo zio di Caligola" o "al fratello di Germanico".