Traduzione di Paragrafo 71, Libro 3 (Tiberius) di Svetonio

Versione originale in latino


Sermone Graeco quamquam alioqui promptus et facilis, non tamen usque quaque usus est abstinuitque maxime in senatu; adeo quidem, ut monopolium nominaturus veniam prius postularet, quod sibi verbo peregrino utendum esset. Atque etiam cum in quodam decreto patrum emblema recitaretur, commutandam censuit vocem et pro peregrina nostratem requirendam aut, si non reperiretur, vel pluribus et per ambitum verborum rem enuntiandam. Militem quoque Graece testimonium interrogatum nisi Latine respondere vetuit.

Traduzione all'italiano


Sebbene parlasse il greco correttamente e con facilità, tuttavia non se ne servì indifferentemente dappertutto e se ne astenne particolarmente in Senato, tanto che prima di pronunciare la parola "monopolio" si scusò per essere costretto a ricorrere ad un termine straniero. Un'altra volta, poiché aveva sentito, durante la lettura di un decreto del Senato, la parola "emblema" disse che bisognava sostituire quel termine e cercare un vocabolo latino da mettere al posto di quello straniero, o, se non si trovava, tradurre l'espressione con una perifrasi. Proibì perfino ad un soldato, al quale si chiedeva la sua testimonianza in greco, di rispondere se non in latino.