Traduzione di Paragrafo 24, Libro 3 (Tiberius) di Svetonio

Versione originale in latino


Principatum, quamvis neque occupare confestim neque agere dubitasset, et statione militum, hoc est vi et specie dominationis assumpta, diu tamen recusavit, impudentissimo mimo nunc adhortantis amicos increpans ut ignaros, quanta belva esset imperium, nunc precantem senatum et procumbentem sibi ad genua ambiguis responsis et callida cunctatione suspendens, ut quidam patientiam rumperent atque unus in tumultu proclamaret: "Aut agat aut desistat!" Alter coram exprobraret ceteros, quod polliciti sint tarde praestare, se[d] ipsum, quod praestet tarde polliceri. Tandem quasi coactus et querens miseram et onerosam iniungi sibi servitutem, recepit imperium; nec tamen aliter, quam ut depositurum se quandoque spem faceret. Ipsius verba sunt: "Dum veniam ad id tempus, quo vobis aequum possit videri dare vos aliquam senectuti meae requiem."

Traduzione all'italiano


Sebbene non avesse mai esitato ad impossessarsi subito del potere e a esercitarlo, perché si diede anche una guardia militare, vale a dire la forza e i simboli della sovranità, tuttavia lo rifiutò a lungo. Recitando la più impudente commedia, ora rispondeva alle sollecitazioni dei suoi amici, rimproverando loro di non sapere quale bestia mostruosa fosse l'Impero, ora, quando il Senato lo supplicava, gettandosi ai suoi piedi, lo teneva in sospeso con risposte equivoche e astute, al punto che alcuni persero la pazienza e uno gridò, nel bel mezzo di questa agitazione: "O accetti, o rinunci!", mentre un altro gli disse in faccia che se alcuni erano lenti a mantenere ciò che avevano promesso, lui al contrario era lento a promettere ciò che già teneva. Alla fine, quasi costretto e lamentandosi di addossarsi una miserabile e pesante schiavitù, accettò l'Impero, non rinunciando però ad esprimere la speranza che un bel giorno se ne sarebbe scaricato. Ecco le sue testuali parole: "Fino a quando arriverò al momento in cui a voi sembrerà giusto accordare un po' di riposo alla mia vecchiaia."