Traduzione di Paragrafo 47 - Traduzione 2, Libro 5 di Seneca

Versione originale in latino


[1] Libenter ex iis qui a te veniunt cognovi familiariter te cum servis tuis vivere: hoc prudentiam tuam, hoc eruditionem decet. 'Servi sunt.' Immo homines. 'Servi sunt ' Immo contubernales. 'Servi sunt.' Immo humiles amici. 'Servi sunt.' Immo conservi, si cogitaveris tantundem in utrosque licere fortunae. [2] Itaque rideo istos qui turpe existimant cum servo suo cenare: quare, nisi quia superbissima consuetudo cenanti domino stantium servorum turbam circumdedit? Est ille plus quam capit, et ingenti aviditate onerat distentum ventrem ac desuetum iam ventris officio, ut maiore opera omnia egerat quam ingessit. [3] At infelicibus servis movere labra ne in hoc quidem ut loquantur, licet; virga murmur omne compescitur, et ne fortuita quidem verberibus excepta sunt, tussis, sternumenta, singultus; magno malo ulla voce interpellatum silentium luitur; nocte tota ieiuni mutique perstant. [4] Sic fit ut isti de domino loquantur quibus coram domino loqui non licet. At illi quibus non tantum coram dominis sed cum ipsis erat sermo, quorum os non consuebatur, parati erant pro domino porrigere cervicem, periculum imminens in caput suum avertere; in conviviis loquebantur, sed in tormentis tacebant. [5] Deinde eiusdem arrogantiae proverbium iactatur, totidem hostes esse quot servos: non habemus illos hostes sed facimus. Alia interim crudelia, inhumana praetereo, quod ne tamquam hominibus quidem sed tamquam iumentis abutimur. [quod] Cum ad cenandum discubuimus, alius sputa deterget, alius reliquias temulentorum <toro> subditus colligit. [6] Alius pretiosas aves scindit; per pectus et clunes certis ductibus circumferens eruditam manum frusta excutit, infelix, qui huic uni rei vivit, ut altilia decenter secet, nisi quod miserior est qui hoc voluptatis causa docet quam qui necessitatis discit. [7] Alius vini minister in muliebrem modum ornatus cum aetate luctatur: non potest effugere pueritiam, retrahitur, iamque militari habitu glaber retritis pilis aut penitus evulsis tota nocte pervigilat, quam inter ebrietatem domini ac libidinem dividit et in cubiculo vir, in convivio puer est. [8] Alius, cui convivarum censura permissa est, perstat infelix et exspectat quos adulatio et intemperantia aut gulae aut linguae revocet in crastinum. Adice obsonatores quibus dominici palati notitia subtilis est, qui sciunt cuius illum rei sapor excitet, cuius delectet aspectus, cuius novitate nauseabundus erigi possit, quid iam ipsa satietate fastidiat, quid illo die esuriat. Cum his cenare non sustinet et maiestatis suae deminutionem putat ad eandem mensam cum servo suo accedere. Di melius! quot ex istis dominos habet!

[9] Stare ante limen Callisti domi num suum vidi et eum qui illi impegerat titulum, qui inter reicula manicipia produxerat, aliis intrantibus excludi. Rettulit illi gratiam servus ille in primam decuriam coniectus, in qua vocem praeco experitur: et ipse illum invicem apologavit, et ipse non iudicavit domo sua dignum. Dominus Callistum vendidit: sed domino quam multa Callistus! [10] Vis tu cogitare istum quem servum tuum vocas ex isdem seminibus ortum eodem frui caelo, aeque spirare, aeque vivere, aeque mori! tam tu illum videre ingenuum potes quam ille te servum. Variana clade multos splendidissime natos, senatorium per militiam auspicantes gradum, fortuna depressit: alium ex illis pastorem, alium custodem casae fecit. Contemne nunc eius fortunae hominem in quam transire dum contemnis potes. [11] Nolo in ingentem me locum immittere et de usu servorum disputare, in quos superbissimi, crudelissimi, contumeliosissimi sumus. Haec tamen praecepti mei summa est: sic cum inferiore vivas quemadmodum tecum superiorem velis vivere. Quotiens in mentem venerit quantum tibi in servum <tuum> liceat, veniat in mentem tantundem in te domino tuo licere. [12] 'At ego' inquis 'nullum habeo dominum.' Bona aetas est: forsitan habebis. Nescis qua aetate Hecuba servire coeperit, qua Croesus, qua Darei mater, qua Platon, qua Diogenes? [13] Vive cum servo clementer, comiter quoque, et in sermonem illum admitte et in consilium et in convictum. Hoc loco acclamabit mihi tota manus delicatorum 'nihil hac re humilius, nihil turpius'. Hos ego eosdem deprehendam alienorum servorum osculantes manum. [14] Ne illud quidem videtis, quam omnem invidiam maiores nostri dominis, omnem contumeliam servis detraxerint? Dominum patrem familiae appellaverunt, servos - quod etiam in mimis adhuc durat - familiares; instituerunt diem festum, non quo solo cum servis domini vescerentur, sed quo utique; honores illis in domo gerere, ius dicere permiserunt et domum pusillam rem publicam esse iudicaverunt. [15] 'Quid ergo? omnes servos admovebo mensae meae?' Non magis quam omnes liberos. Erras si existimas me quosdam quasi sordidioris operae reiecturum, ut puta illum mulionem et illum bubulcum. Non ministeriis illos aestimabo sed moribus: sibi quisque dat mores, ministeria casus assignat. Quidam cenent tecum quia digni sunt, quidam ut sint; si quid enim in illis ex sordida conversatione servile est, honestiorum convictus excutiet. [16] Non est, mi Lucili, quod amicum tantum in foro et in curia quaeras: si diligenter attenderis, et domi invenies. Saepe bona materia cessat sine artifice: tempta et experire. Quemadmodum stultus est qui equum empturus non ipsum inspicit sed stratum eius ac frenos, sic stultissimus est qui hominem aut ex veste aut ex condicione, quae vestis modo nobis circumdata est, aestimat. [17] 'Servus est.' Sed fortasse liber animo. 'Servus est.' Hoc illi nocebit? Ostende quis non sit: alius libidini servit, alius avaritiae, alius ambitioni, <omnes spei>, omnes timori. Dabo consularem aniculae servientem, dabo ancillulae divitem, ostendam nobilissimos iuvenes mancipia pantomimorum: nulla servitus turpior est quam voluntaria. Quare non est quod fastidiosi isti te deterreant quominus servis tuis hilarem te praestes et non superbe superiorem: colant potius te quam timeant. [18] Dicet aliquis nunc me vocare ad pilleum servos et dominos de fastigio suo deicere, quod dixi, 'colant potius dominum quam timeant'. 'Ita' inquit 'prorsus? colant tamquam clientes, tamquam salutatores?' Hoc qui dixerit obliviscetur id dominis parum non esse quod deo sat est. Qui colitur, et amatur: non potest amor cum timore misceri. [19] Rectissime ergo facere te iudico quod timeri a servis tuis non vis, quod verborum castigatione uteris: verberibus muta admonentur. Non quidquid nos offendit et laedit; sed ad rabiem cogunt pervenire deliciae, ut quidquid non ex voluntate respondit iram evocet. [20] Regum nobis induimus animos; nam illi quoque obliti et suarum virium et imbecillitas alienae sic excandescunt, sic saeviunt, quasi iniuriam acceperint, a cuius rei periculo illos fortunae suae magnitudo tutissimos praestat. Nec hoc ignorant, sed occasionem nocendi captant querendo; acceperunt iniuriam ut facerent.
[21] Diutius te morari nolo; non est enim tibi exhortatione opus. Hoc habent inter cetera boni mores: placent sibi, permanent. Levis est malitia, saepe mutatur, non in melius sed in aliud vale.

Traduzione all'italiano


Seneca saluta il suo Lucilio.
[1] Volentieri apprendo da coloro che vengono dalla tua parte che vivi con i tuoi servi: questo si addice alla tua saggezza, questo si addice alla (tua) cultura. “Sono servi”. Ma anche uomini. “Sono servi”. Ma anche compagni di alloggio. “Sono servi”. Ma anche umili amici. “Sono servi”. Ma anche compagni di schiavitù, se penserai che alla sorte è lecito nei confronti degli uni e degli altri altrettanto. [2] Così rido di costoro che ritengono disonorevole mangiare con il proprio servo: perché mai, se non perché un’abitudine molto arrogante ha messo attorno al padrone che cena una schiera di schiavi che sta in piedi? Quello mangia più di quanto contenga, e appesantisce con grande avidità il ventre disteso e ormai disabituato alle funzioni del ventre, così da vomitare tutte le cose con uno sforzo maggiore rispetto a quelle con cui (l’)ha ingerito. [3] Ma agli infelici schiavi non è lecito muovere le labbra nemmeno per questo, per parlare. Ogni mormorio è punito con il bastone, e neppure i rumori fortuiti sono esclusi dalle bastonate, la tosse, gli starnuti, i singhiozzi; il silenzio interrotto da qualche voce, è ripagato con un grande male; tutta la notte stanno in piedi digiuni e muti. [4] Così accade che sparlino del padrone costoro a cui non è permesso parlare davanti al padrone. Ma quelli che non soltanto parlavano davanti ai padroni ma anche con loro stessi, la bocca dei quali non si cuciva, sono pronti a porgere il collo per il padrone, a stornare sul proprio capo un pericolo imminente; nei banchetti parlavano, ma nelle torture tacevano. [5] Poi si ripete un proverbio della stessa arroganza, che ci sono tanti nemici quanti schiavi: non abbiamo quelli (come) nemici, li rendiamo (tali). Tralascio tra tanto i trattamenti disumani e crudeli, il fatto che non ne abusiamo neppure come fossero uomini, ma come bestie, il fatto che quando ci siamo sdraiati per pranzare, uno pulisce gli sputi, l’altro posto sotto il divano raccoglie i resti degli ubriachi.
[6] Un altro divide gli uccelli costosi; muovendo in giro la mano esperta attraverso il petto e le natiche con tagli precisi stacca i pezzi, infelice, lui che vive per questa sola cosa, per tagliare in modo raffinato i volatili, se non che è più disgraziato colui che insegna ciò per il proprio piacere più che colui che lo impara per necessità [7] Un altro, coppiere, ornato in maniera femminile lotta con l’età: non può sfuggire alla fanciullezza, è tirato indietro con la forza, ormai con portamento militare depilato raspati via i peli o sradicati completamente sta sveglio tutta la notte, che divide fra l’ubriachezza del padrone e la libido (voglie erotiche), ed è uomo nella camera da letto e fanciullo nel banchetto. [8] Un altro a cui è stato affidato il controllo degli invitati, passa il tempo in piedi infelice e osserva quali (convitati) l’adulazione e l’intemperanza o della gola o della lingua richiami per il giorno dopo. Aggiungi i servi addetti all’acquisto delle provviste che hanno conoscenza dettagliata del palato del padrone, che sanno il sapore di quale cosa lo stuzzichi, la vista di quale (cibo) lo rallegri, dalla novità di quale (cibo) possa essere invogliato quando ha la nausea, cosa gli da disgusto a causa della sazietà, di che cosa abbia fame in quel giorno. Non sopporta di pranzare con costui e considera una diminuzione della sua dignità avvicinarsi con il proprio servo alla stessa mensa. Che Dio ce ne scampi! Quanti tra costoro hanno padroni!

[9] Ho visto stare davanti alla soglia di Callisto il proprio padrone e quello che gli aveva attaccato il cartello, che lo aveva esposto al pubblico tra gli schiavi di scarto, escluso mentre gli altri entravano. Gli ricambiò il favore quel servo gettato nella prima decuria, in cui il banditore prova la voce: e anche lui lo respinse a sua volta, anche lui non (lo) giudicò degno della sua casa. Il padrone vendette Callisto: ma quante cose Callisto (vendette) al padrone![10] Vuoi tu pensare che questo che tu chiami tuo schiavo è nato dagli stessi semi, usufruisce dello stesso cielo, ugualmente respira, ugualmente vive, ugualmente muore! Tanto tu puoi vedere quello libero quanto lui (può vedere) te schiavo. Con la sconfitta di Varo la Sorte mandò in rovina molti di buona famiglia, che aspiravano attraverso il servizio militare al rogo senatorio; tra quelli fece uno pastore, l’altro guardiano di una capanna. Disprezza ora l’uomo di tale sorte nella quale puoi finire (proprio) mentre la disprezzi. [11] Non voglio immettermi in una grande questione e discutere sul trattamento degli schiavi, nei confronti dei quali siamo superbissimi, crudelissimi e molto offensivi. Questa tuttavia è la sostanza del mio insegnamento: vivi con l’inferiore così come vorresti che il superiore vivesse con te. Ogni volta che ti verrà in mente quanto ti è lecito nei confronti del tuo schiavo, ti venga in mente che sia lecito al tuo padrone altrettanto verso di te. [12] “Ma io” dirai “non ho padrone”. Hai un’età felice: ma forse (lo) avrai. Non sai a che età divenne schiava Ecuba, e Creso, e la madre di Dario, e Platone, e Diogene? [13] Vivi con il servo in modo clemente, e anche con affabilità, ammettilo nella (tua) conversazione, nelle (tue) decisioni, nella (tua) intimità. A questo punto tutta la folla di schizzinosi mi griderà contro “Niente (è) più umiliante di questa cosa, niente (è) più vergognoso”. Io potrei sorprendere questi stessi a baciare la mano degli schiavi altrui. [14] Neppure questo (lett. quello) vedete, come i nostri antenati abbiano tolto ogni odiosità verso i padroni, ogni offesa agli schiavi? Chiamarono il padrone padre di famiglia, gli schiavi, (appellativo ) che persiste anche ora nei mimi, domestici; permisero di esercitare delle cariche all’interno della casa, di amministrare la giustizia e ritennero che la casa fosse un piccolo Stato. [15] “E dunque? Inviterò alla mia tavola tutti i servi?” Non più che tutti i liberi. Sbagli se pensi che io allontanerò qualcuno come se fosse addetto a mansioni troppo umili, come per esempio quel mulattiere e quel bovaro. Non li giudico dai (loro) mestieri ma dai (loro) comportamenti: ciascuno da a sé i modi, la sorte assegna i mestieri. Alcuni cenano con te perché sono degni, altri affinché (lo) siano; se c’è qualcosa di servile infatti tra quelli che deriva dalla frequentazione di gente squallida, la eliminerà la dimestichezza con persone onorevoli.
[16] Non c’è motivo, o mio Lucilio, che tu cerchi un amico soltanto in foro o in senato: se presterai attenzione con cura, (lo) troverai anche in casa. Spesso il buon materiale rimane inerte senza un artista: prova a sperimentare. Così come è stolto colui che ha intenzione di comprare un cavallo e esamina non lo stesso ma i suoi finimenti e le biglie, così è molto stolto colui che valuta l’uomo o dalla veste o dalla condizione sociale, che come una veste è stata messa addosso. “E’ uno schiavo”. Ma forse libero nell’animo. [17] “È uno schiavo.” Questo gli nuocerà? Guarda chi non lo sia: uno è schiavo della passione, l’altro dell’avarizia, l’altro dell’ambizione, tutti della speranza, tutti della paura. Ti darò l’esempio di un ex console schiavo di una vecchietta, di un ricco (schiavo) di una servetta, ti mostrerò l’esempio di giovani di nobilissima famiglia proprietà di pantomimi: nessuna schiavitù è più vergognosa di quella volontaria. Non c’è motivo per cui codesti schizzinosi ti distolgano dal mostrarti gioviale con i tuoi schiavi e non superbamente superiore: ti rispettino più che temerti. [18] Qualcuno ora dirà che io incito gli schiavi al pilleum e che butto giù i padroni dalla loro posizione elevata, perché ho detto, “rispettino il padrone piuttosto che temerlo”. “Proprio così?” dice “(ti rispettino) come (fanno) i clienti, come coloro che vanno a salutare il padrone?”. Colui che avrà detto ciò dimenticherà che non è poco per i padroni ciò che per dio è sufficiente. Colui che è rispettato, è anche amato: l’amore non può (infatti) essere mescolato con il timore. [19] Io ritengo che tu agisca molto giustamente dunque per il fatto che non vuoi essere temuto dai tuoi schiavi, per il fatto che ti servi di castighi di parole: con le frustate si ammoniscono le bestie. Non tutto ciò che ci offende ci danneggia anche; ma le raffinatezze ci inducono alla rabbia, così come tutto ciò che non risponde alla (nostra) volontà richiama l’ira. [20] Indossiamo l’animo dei re; infatti quelli dimentichi e della loro forza e della debolezza altrui così danno in escandescenza, così incrudeliscono, quasi che abbiano ricevuto un’offesa dal rischio della quale cosa l’altezza della loro posizione li tiene perfettamente al sicuro. E non ignorano ciò, ma vanno cercando un pretesto per fare del male con il lamentarsi, ricevettero un’offesa solo per farlo. [21] Non voglio trattenerti più a lungo; non hai infatti bisogno di esortazione. Ciò hanno tra le altre cose i buoni costumi: si piacciono, permangono nel tempo. È incostante la malizia, spesso si trasforma, non in meglio ma in altro. Statti bene.