Petronio - Satyricon - 115 - (sezioni 17 - 19)

Incompleto

Versione originale in latino


“At enim fluctibus obruto non contingit sepultura: tanquam intersit, periturum corpus quae ratio consumat, ignis an fluctus an mora! Quicquid feceris, omnia haec eodem ventura sunt. Ferae tamen corpus lacerabunt: tanquam melius ignis accipiat! Immo hanc poenam gravissimam credimus, ubi servis irascimur. Quae ergo dementia est, omnia facere, ne quid de nobis relinquat sepultura?”

Traduzione all'italiano


“Ma è che uno sommerso dai flutti non ha sepoltura.Quasi che per un cadavere destinato a perire importasse il modo in cui si consuma,fuoco o flutto,o tempo che sia!Comunque tu faccia,il risultato in ogni senso è lo stesso.Tuttavia le fiere sbraneranno il cadavere.Quasi che il fuoco lo trattasse meglio!Che anzi la teniamo per la pena più grave,quando ci si arrabbia con gli schiavi.Che pazzia allora far di tutto,perché di noi,dopo il funerale non resti nulla!”