Tiberio Gracco - Versioni Varie

Versione originale in latino


Tiberius et Caius Gracchus filii fuerunt Corneliae, nobilissimae matronae. Tiberius senior erat, et ita populus eum diligebat, ut ei tribuerit maxima rei publicae official. Illis temporibus frequentissimae errant civiles contentionem intra nobiles plebeiosque. Tieberius, ut his contentionibus finem poneret, proposuit ut senates omnibus Italis civitatem concederet, atque nos colonos in provincias mitteret. Interea venit comitiorum dies. Tiberii amici eum monuerunt ne domo excederet. Ille autem audacior quam prudentior haec consilia sprevit. Eius inimici in eum cum sicis irruerunt eumque necaverunt. Eorum odium tantum erat Tiberii corpus in Tiberim praecipitaverint.

Traduzione all'italiano


Tiberii e Caio Gracco furono figli di Cornelia, nobilissima matrona. Tiberio era il maggiore e il popolo lo amava, tanto che attribuirono a lui le massime cariche dello stato. A quei tempi erano frequentissime le contese civili tra nobili e plebei. Tiberio, per porre fine a queste contese, propose che il senato concedesse la cittadinanza a tutti gli Italici, e mandasse i nuovi coloni nelle provincie. Intanto venne il giorno dei comizi. Gli amici di Tiberio lo ammonirono di non uscir di casa. Quello invece, più audace che prudente disprezzò questi consigli. I suoi nemici lo assalirono con i pugnali e lo uccisero. Il loro odio era tanto che buttarono il corpo di Tiberio nel Tevere.