Sanniti fieri nemici di Roma - Versioni Varie

Versione originale in latino


Post gallicum tumultum, romani graviora bello contra samnites susceperunt. Primo romanos apud Furculas Caudinas samnites gravi claude vicerunt et sub iugum magno dedecore miserunt. Postea Papirius Cursor consul, clarus dux, multas copias samnitium sub iugum misit et triumphavit. Samnites autem belum reparaverunt et Quintum Fabium Maximum vicerunt. Sed Quintus Fabius acriore bello Samnites vicit et multa eorum oppida cepit. Deinde Publius Cornelius Rufinus et marius Curius Dentatus consules fervidiori studio bellum regaverunt et ingentibus proeliis Samnites profligaverunt. Tum tandem diuturnum bellum finem habuit. Nullus hostis romam virtutem magis fatigavit quam Samnites qui enim audaciore et fortiores erant quam ceteri italorum populi.

Traduzione all'italiano


Dopo l’incursione gallico, i romani intrapresero la guerra più grande contro i sanniti. Dapprima i sanniti vinsero i romani presso le Forche Caudine in una grave sconfitta e mandarono sotto il gioco con grande disonore. In seguito il console Papirio Cursore, famoso comandante, mandò sotto il giogo molte truppe dei sanniti e trionfò. I sanniti invece ripresero la guerra e vinsero Quinto Fabio massimo. Ma Quinto Fabio vinse i sanniti con una guerra più aspra e prese molte loro città. In seguito i consoli Publio Cornelio e Rufino e Mario Curio Dentato ripresero la guerra con più ardente zelo e sconfissero i sanniti in ingenti battaglie.