Chi troppo vuole.... - Versioni Varie

Versione originale in latino


Parva rana olim in prato ingenem bovem videt et, invidia iacta tantae magnitudinis,rugosam pellem inflat. Tum natos suos interrogat: “ Sum ut bos late?” illi negant. Rursus rana cutem suam inflat et simili modo natos suos interrogat, illi dicun : “Non dum ut bos es!”. Denique rana magna cum indignationem pelle omnibus viribus inflat sed ructo corpora iacet.

Traduzione all'italiano


Una piccolo rana una volta vide un grosso bue e, presa dall’invidia di tanta grandezza, gonfia la pelle rugosa. Poi chiede ai suoi figli: “Sono larga come il bue?” quelli negano. Di nuovo la rana gonfia la sua cute e in modo simile interroga i suoi figli, quelli dicono “Non sei ancora come il bue!”. Infine la rana con disappunto gonfia con tutte le sue forze la pelle ma giace con il corpo squarciato (rotto).