Diversità dei doveri secondo l'età - (Cicerone) - Versioni Varie

Versione originale in latino


Non eadem sunt officia omnium aetatum, sed alia iuvenibus alia senioribus exercenda sunt. Nunc, cum de officiis universis dicturi simus, pauca de hac distinctione nobis dicenda sunt. Adulescentibus maxime senes verendi sunt atque, cum aliquid suscepturi sunt diligendi ex iis optimi, ut eorum consilium et auctoritatem sequantur. Nam imperitia et inscitia iuvenum legenda erunt senibus, qui longa aetate omnium rerum usum adepti sunt. Adulestentium prima aetas a libidinus arcenda este et exercendia in laboribus et animi sunt ut se iucunditati tradant, maxima temperantia iuvenibus adhibenda erit et servanda. Senibus autem labores corporis minuendi sunt;animi exercitationes augendae. Nam iter omnes constat quantum civibus et rei publicae eorum prudentia profutura sit.

Traduzione all'italiano


Non medesimi sono i doveri per tutte le età, ma alcuni devono essere esercitati dai giovani altri dagli anziani. Ora dobbiamo dire alcune cose su questa distinzione, poiché siamo sul punto di parlare riguardo a tutti i doveri. Gli anziani devono essere scelti fra i migliori, quando devono prendere una decisione, affinchè seguano il loro consiglio e la loro esperienza. Infatti l’inesperienza e l’ignoranza dei giovani devono essere guidate dagli anziani, che hanno raggiunto l’esperienza grazie alla loro lunga vita. La prima età deve essere allontanata dai piaceri e deve essere esercitata nello studio sia dell’animo sia del corpo e nelle arti nobili. Ed deve essere usata la massima moderazione dai giovani e la modestia deve essere osservata anche quando si stanno rilassando e ristorando gli animi, affinché si abbandonino al piacere. Ma gli anziani devono diminuire le fatiche del corpo; le esercitazioni degli animi devono essere aumentate. Infatti a tutti è noto quanto la loro prudenza sia sul punto di giovare allo stato e ai cittadini.