La Seconda Guerra Punica - (Ampelio) - Versioni Varie

Versione originale in latino


Secundum Punicum bellum longe omnium cruentissimum fuit. Romani bellum moverunt quod Hannibal contra foedus Saguntum delevisset. Prim clades huius belli a Romanis apud Ticinum accepta est, secunda apud Trebiam, vulnerato Flacco consule; tertia apud Trasimenum, vastato Flaminii exercitu; quarta apud Cannas, cum duo Romanorum exercitus vastati essent, Pauli consulis morte, Terentii Varronis fuga. Postea vero tres duces Punici belli gloriam sibi iure vindicant: Fabius Cunctator quod Hannibalem, imminentem urbi, mora fregit; Marcellus quod primus Hannibali apud Nolam restitit et inclinatam eius aciem penitus trucidavit; Claudius Nero quod venientem ab Hispania Hasdrubalem cum ingentibus copiis ingenti proelio vicit.

Traduzione all'italiano


Di gran lunga la seconda guerra Punica fu tra tutte la più cruenta. I Romani cominciarono la guerra perchè Annibale contro il patto distrusse Saginto. La prima sconfitta di questa guerra venne subita dai Romani presso Ticino, la seconda presso Trebbiano, quando fu ferito il console Fracco; la terza presso Trosimeno, quando venne sterminato l'esercito di Flamino; la quarta presso Canne, quando i due eserciti dei Romani furono devastati dalla morte del console Paolo, e dalla fuga di Terrenzio Varrone. In seguito tre comandanti rivendicarono personalmente la gloria della guerra Punica: Fabio il temporeggiatore dove vinse per mezzo di un attesa Annibale presso la città; Marcello dove oppose ripiegò e trucidò l'esercito di Annibale presso Nola; Claudio Nero poichè vinse Asdrubale, venuto dalla Spagna con ingenti truppe, con numerosi combattimenti.