L'imperatore Tiberio - Superni Gradus

Versione originale in latino


Corpore fuit amplo atque robusto; latus ab humeris et pectore, ceteris quoque membris usque ad imos pedes aequalis et congruens; sinistra manu agiliore ac validiore, articoli ita firmis ut recens et integrum malum digito terebraret. Colore erat candido, capillo pone occipitium summissiore ut cervicem etiam obtegeret; facie honesta, in qua tamen erant crebri tumores, cum praegrandibus oculis. Incedebat cervice rigida et obstipa, adducto fere vultu, plerumque tacitus, nullo aut rarissimo etiam cum proximis sermone, nec sine molli quadam digitorum gesticulatione. Valetudine prosperrima usus est, paene toto tempore principatus, quamvis a tricesimo aetatis anno eam rexerit arbitratu suo sine adiumento aut consilio medicorum.

Traduzione all'italiano


Fu di corpo ampio e robusto; largo di spalle e di petto, regolare e ben proporzionato anche in tutte le parti del corpo, fino ai piedi; aveva la mano sinistra particolarmente agile e forte, con le articolazioni così ferme che forava con un dito una mela integra e fresca. Era di colore bianco, aveva i capelli che gli scendevano piuttosto in basso sulla nuca che nascondevano anche il collo; aveva una faccia bella, nella quale tuttavia vi erano numerosi gonfiori, con occhi enormi. Camminava con il collo rigido e piegato all’indietro, generalmente con un volto severo, la maggior parte delle volte silenzioso, senza mai pronunciare un discorso oppure facendolo raramente anche con i parenti, e neppure quando non vi era nessuno nella gesticolazione delle dita. Godette di buonissima salute, durante quasi tutto il tempo del principiato, sebbene abbia retto quello da quando aveva 13 anni a suo giudizio senza l’aiuto o il consiglio dei medici.