8 - 3 - Magia della luna - Scrinium

Versione originale in latino


Inter stellas immotas et vagas languida luna splendebat et silvarum umbras fugabat tacita spectabat nautarum curas et agricolarum operas. Interea amoena aura flabat. Puellae cum avia in area erant et lunam spectabant. Vere luna olim erat dea in terris. Agricolae Dianam lunam appellabant. Diana in silvis vivebat ac secum in pharetra multas sagittas gerabat. Dea feras agitabat atque sagittis feriebat. Cum Daina sagittae feras tangebant, illae cadebat et vitam amittebant. Agricolae nultas victimas deae immolabant in aris.

Traduzione all'italiano


Tra le stelle immobili e vaganti splendeva la languida luna e metteva in fuga le ombre dei boschi, guardava tacita i pensieri dei marinai e le ombre degli agricoltori. Nel frattempo un piacevole vento soffiava. Le fanciulle con la nonna erano nel cortile di casa e guardavano la luna. In verità un tempo la luna era una dea sulla terra. I contadini chiamavano la luna Diana. Diana viveva nei boschi e con se nella fretra portava molte frecce. La dea agitava le besti e le feriva con le frecce. Quando le frecce di Diana colpivano le bestie, quelle cadevano e morivano. I contadini immolavano molte vittime alla dea nei campi.