51 - 14 - Plinio descrive le sue ville sul lago di Como - Scrinium

Versione originale in latino


Plinius Caecilius, doctus homo, admodum locuples fuit. In hac epistula suas villas celebrat. «Apud Larium lacum nonnullae villae meae sunt, sed duae me praesertim delectant: altera, super saxa, lacum prospicit; altera ipsum lacum tangit. Itaque illam tragoediam, hanc comoediam appellare soleo. Nam illa alta est, sicut cothurni histrionum tragicorum; haec est depressa sicut comicorum socci. Harum villarum amoenitas magna est, etsi diversae sunt. Nam haec lacui vicina est; illa, contra, lacum longe prospectat et admodum amoena est propter amplum prospectum; illa fluctus non sentit, haec eos frangit. Praeterea ex illa piscantes despicere potes; ex hac ipse pisces captare atque etiam de tuo cubiculo hamum iacère potes».

Traduzione all'italiano


Plinio Cecilio, uomo sapiente, fu smisuratamente ricco. In codesta lettera esalta le sue ville : “Al lago Lario ci sono certe mie ville, peró due mi piacciono particolarmente: una, sopra i ciottoli, vede il lago; l'altra tocca il medesimo lago. E allora sono abituato soprannominare quella tragedia, codesta commedia. Difatti quella è, come i calzari degli istrioni tragici, questa è bassa come i sandali dei comici. Enorme è la serenità di codeste ville, malgrado siano opposte. Difatti codesta è vicina al lago, quella, vede da lontano il lago e è altrettanto gradevole per l'enorme costa, quella non sente i rumori, codesta li tocca. Ancora da quella i pescatori possono vedere, da codesta i medesimi pesci puoi catturare e lanciare l'amo dalla tua stanza.

Trova ripetizioni online e lezioni private