152 - 3 - Augusto e Mecenate - Nuovo Comprendere e Tradurre

Versione originale in latino


Maecenas eques Romanus fuit Augusti amicus cuius animum ardentem ac nobilem saepe ad bonum opportune et callide flexit. Interdum principem etiam a malis consiliis devocavit. Olim Augustus cum in tribunali ut iudex sederet multos homines capitis damnavit. Maecenas re cognita ad tribunal accurrit et ad imperatorem appropinquare temptavit sed frustra cum permagnus populi concursus esset. Itaque imperavit ut tabella sibi ferretur ubi haec verba calamo exaravit: "Surge tandem carnifex!" tabellam obsignavit et effecit ut Augusto traderetur. Augustus cum tabellam legit statim ius dicere cessavit ac neminem capitis amplius damnavit.

Traduzione all'italiano


Mecenate cavaliere romano, fu amico di Augusto, e il suo spirito ardente e nobile molte volte lo diresse in modo furbo ed adeguato al bene. A volte distolse l'imperatore pure dai cattivi consigli. Un giorno Augusto quando sedeva in tribunale in qualità di giudice, condannò a morte parecchi uomini. Mecenate, appresa la vicenda, si diresse verso il tribunale e cercò di accostarsi all'imperatore ma vanamente, poiché c'era grande tumulto della popolazione. Così comandò che gli venisse consegnata una tavoletta ove scrisse con la penna codesti vocaboli:" Sorge infine il carnefice!", chiuse la lettera e fece si che venisse data ad Augusto. Augusto, mentre lesse la tavoletta di legno, immediatamente finí di amministrare la giustizia e non condannò più nessuno a morte.