345 - 127 - Fasi della prima guerra punica - Lingua Magistra

Versione originale in latino


L. Manlio Vulsone M. Atilio Regulo consulibus bellum in Africam translatum est. Contra Hamilcarem, Carthaginiensium ducem, in mari pugnatum victusque est. Nam perditis sexaginta quattuor navibus retro se recepit. Romani viginti duas amiserunt. Sed cum in Africam transissent, primam Clypeam, Africae civitatem, in deditionem acceperunt. Consules usque ad Carthaginem processerunt multisque castellis vastatis Manlius victor Romam rediit et viginti septem milia captivorum reduxit, Atilius Regulus in Africa remansit. Is contra Afros aciem instruxit. Contra tres Carthaginiensium duces dimicans victor fuit, decem et octo milia hostium cecidit, quinque milia cum decem et octo elephantis cepit, septuaginta quattuor civitates in fidem accepit.

Traduzione all'italiano


Sotto il consolato di L. Manlio Vulsone e M. Attilio Regolo, il conflitto si spostò in Africa. Si combatté e si vinse con Amilcare, generale dei Cartaginesi. (Amilcare), infatti, dopo aver subito la perdita di sessantaquattro navi, si ritirò. I Romani (invece) persero ventidue navi. Ma, passati in Africa, assoggettarono per prima Clipea, città africana. I consoli si spinsero fino a Cartagine e, rase al suolo molte fortezze, Manlio tornò vincitore a Roma e condusse ventisettemila prigionieri, Attilio Regolo rimase in Africa. Costui preparò lo scontro contro gli Afri. Pur fronteggiando tre condottieri cartaginesi, fu vincitore: trucidò ottomila nemici, ne fece prigionieri cinquemila, insieme a diciotto elefanti, accettò la resa e la subordinazione di settantaquattro città.